27/11/2012, 00.00
QATAR – NAZIONI UNITE
Invia ad un amico

Doha, timori e dubbi sulla conferenza Onu dedicata ai cambiamenti climatici

Fino al 7 dicembre circa 17mila delegati, in rappresentanza di 194 nazioni, riuniti per la prima volta in un Paese arabo per discutere di ecologia. Gli esperti auspicano un nuovo trattato sull’ambiente, per prevenire eventi “catastrofici”. Risultati discordanti sulla effettiva distribuzione dei 30 miliardi di aiuti alle nazioni in via di sviluppo.

Doha (AsiaNews/Agenzie) - Riscaldamento globale, eventi "catastrofici" che rischiano di stravolgere gli equilibri del pianeta, fondi alle nazioni in via di sviluppo per promuovere la lotta ai cambiamenti climatici: sono questi e tanti altri i temi che verranno discussi nella 18ma Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici, in corso da ieri, per la prima volta in un Paese del Medio Oriente. Il summit COP 18 a Doha in Qatar, fra i maggiori produttori al mondo di combustibili fossili (i più inquinanti), si chiuderà il 7 dicembre prossimo e coinvolge circa 17mila delegati provenienti da 194 Paesi fra leader politici, esperti del settore e rappresentanti delle Ong. A loro è affidato il compito di raggiungere un nuovo accordo, che dia nuovo vigore al Protocollo di Kyoto in scadenza a fine anno.

Alla vigilia dei lavori sono montati i dubbi sulla effettiva capacità delle nazioni sviluppate, di onorare la promessa di distribuire 30 miliardi di dollari in aiuti ai Paesi in via di sviluppo per la tutela dell'ambiente e politiche "verdi". Un elemento di tensione fra i vari Stati e che rischia di precludere accordi futuri. Il clima di incertezza è acuito dai risultati - discordanti fra loro - di tre diversi rapporti emersi di recente, alla vigilia del summit delle Nazioni Unite.

L'Istituto internazionale per l'ambiente e lo sviluppo, con base a Londra, sottolinea che Unione Europea, Stati Uniti, Giappone e gli altri Paesi sviluppati hanno stanziato 23,6 miliardi in aiuti alle nazioni povere, nel periodo 2009-2012. Non sarebbe stata quindi raggiunta la soglia di 30 miliardi, fissata in un primo momento. Una stima dell'Istituto per le risorse mondiali, sede a Washington, afferma invece che sarebbero stati distribuiti almeno 34 miliari di dollari. Un terzo rapporto, questa volta del Centro per i cambiamenti climatici alla Hsbc di Londra, valuta la cifra attorno ai 32 miliardi, ma di questi solo 25 sarebbero stati "assegnati"; l'assegnazione, peraltro, non implica che, nel concreto, i fondi siano già finiti  davvero nelle mani dei beneficiari.

Uno degli obiettivi già fissati dai partecipanti è di contenere, entro fine secolo, l'aumento di soli due gradi delle temperature globali. Tuttavia, anche fra i responsabili Onu dei cambiamenti climatici regna lo scetticismo e si prevede, secondo le ipotesi più realistiche, una crescita media "tra i 3 e i 5 gradi". Al momento i dati restano allarmanti: solo il 16% dell'energia mondiale proviene da fonti rinnovabili, mentre restano in vetta alla classifica delle nazioni più inquinanti Paesi come Cina, Stati Uniti, India e Russia.

Ogni anno, avvertono gli esperti, solo la Cina produce più di 8mila miliardi di tonnellate di gas serra, con una crescita del 171% dal 2000 a oggi. Al secondo posto gli Stati Uniti con5mila miliardi di tonnellate, quindi l'India (2mila miliardi) e la Russia (1600 miliardi di tonnellate).

I dati mostrano una volta di più l'urgenza di sottoscrivere un "nuovo trattato" che vincoli tutti gli attori mondiali alla tutela e alla conservazione dell'ambiente, a differenza di quanto è avvenuto col Protocollo di Kyoto al quale Washington non ha mai aderito. Esso dovrà essere firmato entro il 2015 ed entrare in vigore per il 2020. In caso contrario, avvertono gli esperti, le conseguenze potrebbero essere devastanti: un documento della Banca mondiale conferma che il globo rischia "cambiamenti catastrofici" frutto dell'innalzamento dei mari, un riscaldamento eccessivo e uno squilibrio nell'ecosistema ambientale.

 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il Medio oriente rischia una crisi idrica senza precedenti
09/08/2019 11:38
L'Onu: Pechino doveva informare la popolazione del disastro ambientale dello Songhua
13/01/2006
Card. Sodano: sì alla riforma dell'Onu e ad un impegno efficace per la pace e la lotta alla povert
18/09/2005
Banca mondiale in sintonia col Papa: "Il degrado ambientale danneggia i poveri"
31/08/2006
Per migliorare la salute del pianeta, bisogna garantire una migliore qualità di vita delle persone
20/06/2008