19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/11/2017, 08.35

    QATAR

    Doha: per la prima volta, quattro donne al consiglio della Shura



    È uno dei più importanti organi consultivi del Paese. Nel mezzo della crisi diplomatica, il Qatar apre a concessioni e riforme nelle politiche sociali. 

    Doha (AsiaNews) – Vi sono quattro donne fra i  28 nuovi membri selezionati per uno dei più importanti organi consultivi del Qatar, il consiglio della Shura. Lo ha deciso ieri un decreto dell’emiro Tamim bin Hamad al-Thani, annunciato dall’agenzia di stampa nazionale Qatar news agency.

    Il consiglio è composto da 45 membri, e ha la responsabilità di discutere bozze di leggi approvate dal gabinetto, politiche generali del governo e il progetto di bilancio nazionale.

    Le donne si chiamano Hessa al-Jaber (v. foto), Aisha Yousef al-Mannai, Hind Abdul Rahman al-Muftah e Reem al-Mansoori. Muftah, del Doha Institute for Postgraduate Studies, commenta che “le donne giocano un importante ruolo nei processi decisionali nazionali, in tutti i campi”.

    L’annuncio arriva nel mezzo della peggior crisi diplomatica che il Golfo abbia vissuto negli ultimi anni. Stretto nella morsa del blocco economico e politico voluto dall'Arabia saudita, l’emirato qatariota ha fatto alcune notevoli concessioni nelle proprie politiche sociali. L’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) dell’Onu ha archiviato con parere positivo per Doha l’inchiesta sui maltrattamenti nei confronti dei lavoratori stranieri, impegnati nella costruzione degli stadi per i  mondiali di calcio del 2022, e accolto con favore il piano di riforme nel settore promosso di recente dai vertici dell’emirato, e che prevede un salario minimo e maggiori diritti. Inoltre, questa settimana il Qatar ha annunciato la selezione della propria prima portavoce del ministero degli esteri, Lulwa Rashid al-Khater.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/09/2017 08:40:00 ARABIA SAUDITA
    Riyadh, abolito il divieto: le donne potranno guidare

    La nuova legge entrerà in vigore il prossimo 24 giugno. Il divieto è il simbolo della repressione femminile nel regno. Le donne colte alla guida venivano arrestate e punite con 10 frustate. La gioia delle attiviste e le critiche degli ultra-conservatori. Riyadh mira a favorire l’accesso femminile al lavoro, limitato dalle difficoltà di spostamento.



    11/07/2017 14:05:00 IRAN
    Teheran: la sfida delle guidatrici iraniane al velo obbligatorio

    Si oppongono al divieto nonostante le multe e i sequestri. Acceso dibattito sullo spazio “privato” o “pubblico” dell’auto. Per il vicecapo della magistratura solo le parti invisibili dell’auto, come il bagagliaio, sono private. Nonostante le restrizioni, le donne sono parte attiva della società.



    09/01/2018 08:54:00 ARABIA SAUDITA
    Riyadh, la prima volta delle donne alla partita di pallone

    La prima assoluta nella capitale il 12 gennaio, per la sfida fra Al-Ahli e Al-Batin. A seguire porte aperte il 13 gennaio a Jeddah e il 18 gennaio a Dammam. Prevista una presenza massiccia di donne agli eventi. Principessa saudita: in corso i lavori per accogliere intere famiglie. Nonostante le timide riforme resta ancora ampio il divario fra i sessi. 

     



    02/02/2018 08:37:00 IRAN
    Donne iraniane, 29 arresti contro il velo obbligatorio

    Dal 1979 l’obbligo a coprire il capo in pubblico. Il movimento di protesta al suo picco da dicembre. Attivista iraniana: stanno dicendo ‘adesso basta’. Resta il malcontento nel Paese, sconvolto il mese scorso da violente proteste contro il regime.



    12/07/2017 13:14:00 ARABIA SAUDITA
    Il Regno saudita apre alla ginnastica per le bambine nelle scuole pubbliche

    Lo ha annunciato il ministero all’istruzione, che precisa che l’introduzione dell’educazione fisica avverrà nel rispetto della sharia. Per i conservatori, essa è “immodesta” e contro la “natura” femminile. Mancano le strutture e le istruttrici. Per superare le reticenze degli oppositori, le autorità saudite sostengono l’argomentazione della salute.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®