28 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/07/2012, 00.00

    MYANMAR – USA

    Dopo 15 anni, gli Stati Uniti potranno investire in Myanmar



    Il presidente Usa Barack Obama lancia un nuovo segnale di apertura e chiama il Paese “Birmania”. Escluse dagli investimenti società e aziende implicate con l’ex giunta militare. A maggio scorso, gli Usa avevano allentato le sanzioni economiche.

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) - Per la prima volta in 15 anni, le compagnie americane potranno investire in Myanmar. Lo ha annunciato il presidente Usa Barack Obama, confermando così l'apertura di una nuova fase per le relazioni tra i due Paesi, iniziata nel maggio scorso. Per ottenere le licenze necessarie a investire e fornire servizi finanziari, le società Usa dovranno presentare dei resoconti annuali ai dipartimenti dello Stato e del Tesoro. Tuttavia, restano esclusi da queste collaborazioni società e individui già sottoposti a sanzioni contro il regime, o implicati con l'ex giunta militare.

    Nell'annunciare la decisione, in modo significativo Obama ha parlato del Paese asiatico usando il vecchio nome: "Allentare le sanzioni vuole essere un segnale forte del nostro sostegno alle riforme, e fornirà incentivi immediati e benefici al popolo della Birmania".

    Tra le società che potranno godere degli investimenti Usa, c'è anche la Myanma Oil & Gas Enterprise (Moge), compagnia petrolifera nazionale. Durante il suo viaggio in Europa, Aung San Suu Kyi, leader dell'opposizione, aveva invitato i Paesi stranieri a non contrarre rapporti economici con tale società. L'ex prigioniera politica - oggi membro del Parlamento birmano - denunciava infatti la mancanza di trasparenza negli affari della Moge. Per gli investimenti con tale compagnia, gli Stati Uniti hanno chiesto alle aziende di comunicare entro 60 giorni (e non un anno, ndr) le iniziative economiche.

    Il primo segnale di apertura lanciato dagli Stati Uniti risale a maggio, quando il presidente Obama ha allentato parte delle sanzione su investimenti e commercio con il Myanmar, e ha nominato il primo ambasciatore in 22 anni di storia. La decisione è stata frutto delle riforme democratiche avviate dal Paese del sudest asiatico dalla fine del 2010 a oggi, tra cui la liberazione del Nobel per la pace Aung San Suu Kyi; l'accordo di pace con alcune minoranze etniche; la liberazione di centinaia di detenuti politici.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/04/2016 10:43:00 GIAPPONE – MYANMAR
    La svolta democratica del Myanmar spaventa Tokyo e le sue aziende

    La Lega nazionale birmana per la democrazia ha chiarito che gli investimenti esteri nel Paese dovranno andare “prima di tutto a beneficio del popolo”, ma non ha ancora presentato un vero e proprio piano economico. Dal 2011 le aziende nipponiche in Myanmar si sono moltiplicate, ma ora sembra regnare l’attesa. Il costo della produzione e la situazione dei lavoratori sono il nodo della questione. Gli investitori “vogliono prima di tutto guadagnare. Soltanto in un secondo momento rispettano i diritti umani”.



    29/03/2012 MYANMAR
    Il governo birmano cambia politica monetaria: kyat a fluttuazione controllata
    Finora la valuta al cambio ufficiale era di un dollaro per 6,14 kyat. Tuttavia, al mercato nero la moneta Usa poteva valere sino a 800 kyat. Unificare i tassi di cambio e promuovere gli investimenti internazionali le ragioni alla base della scelta. Esperto di economia: passo avanti nella lotta contro la corruzione.

    15/07/2010 MYANMAR
    Crollo del 70% negli investimenti esteri in Myanmar
    Nell’ultimo anno fiscale si è passati da 985 milioni di dollari a 315. Sono mancati i finanziamenti cinesi, che nel 2008-9 hanno costituito l’87% del totale. Esperti internazionali invitano a prendere con cautela i dati forniti dal regime. Le esportazioni aumentano del 12% e toccano quota 7,6 miliardi.

    20/04/2012 GIAPPONE – MYANMAR
    Thein Sein a Tokyo per ridurre il debito e aumentare gli investimenti
    Il presidente birmano va in Giappone per cercare di limare i 4,9 miliardi di dollari che Tokyo ha prestato alla Birmania: in cambio, pronti sgravi agli investimenti diretti. L’Unione Europea trova la quadra: pronta a eliminare le sanzioni contro la giunta (tranne quella sulle armi).

    31/05/2016 14:26:00 MYANMAR
    Gli esuli politici birmani potranno tornare in patria, ma “servono più riforme”

    Il nuovo governo della Nld farà rimpatriare entro 100 giorni gli attivisti cacciati dalla giunta militare. Bosco Saw Thu Ya Aung, membro del National Youth Congress: “Non si raggiungerà la piena democrazia finché vi saranno prigionieri politici, bisogna liberarli”. I giovani protagonisti del processo di riconciliazione nazionale: “Purtroppo però ci sono ancora restrizioni sulla loro partecipazione alla politica”.

     





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®