26 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/07/2012
MYANMAR – USA
Dopo 15 anni, gli Stati Uniti potranno investire in Myanmar
Il presidente Usa Barack Obama lancia un nuovo segnale di apertura e chiama il Paese “Birmania”. Escluse dagli investimenti società e aziende implicate con l’ex giunta militare. A maggio scorso, gli Usa avevano allentato le sanzioni economiche.

Yangon (AsiaNews/Agenzie) - Per la prima volta in 15 anni, le compagnie americane potranno investire in Myanmar. Lo ha annunciato il presidente Usa Barack Obama, confermando così l'apertura di una nuova fase per le relazioni tra i due Paesi, iniziata nel maggio scorso. Per ottenere le licenze necessarie a investire e fornire servizi finanziari, le società Usa dovranno presentare dei resoconti annuali ai dipartimenti dello Stato e del Tesoro. Tuttavia, restano esclusi da queste collaborazioni società e individui già sottoposti a sanzioni contro il regime, o implicati con l'ex giunta militare.

Nell'annunciare la decisione, in modo significativo Obama ha parlato del Paese asiatico usando il vecchio nome: "Allentare le sanzioni vuole essere un segnale forte del nostro sostegno alle riforme, e fornirà incentivi immediati e benefici al popolo della Birmania".

Tra le società che potranno godere degli investimenti Usa, c'è anche la Myanma Oil & Gas Enterprise (Moge), compagnia petrolifera nazionale. Durante il suo viaggio in Europa, Aung San Suu Kyi, leader dell'opposizione, aveva invitato i Paesi stranieri a non contrarre rapporti economici con tale società. L'ex prigioniera politica - oggi membro del Parlamento birmano - denunciava infatti la mancanza di trasparenza negli affari della Moge. Per gli investimenti con tale compagnia, gli Stati Uniti hanno chiesto alle aziende di comunicare entro 60 giorni (e non un anno, ndr) le iniziative economiche.

Il primo segnale di apertura lanciato dagli Stati Uniti risale a maggio, quando il presidente Obama ha allentato parte delle sanzione su investimenti e commercio con il Myanmar, e ha nominato il primo ambasciatore in 22 anni di storia. La decisione è stata frutto delle riforme democratiche avviate dal Paese del sudest asiatico dalla fine del 2010 a oggi, tra cui la liberazione del Nobel per la pace Aung San Suu Kyi; l'accordo di pace con alcune minoranze etniche; la liberazione di centinaia di detenuti politici.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/03/2012 MYANMAR
Il governo birmano cambia politica monetaria: kyat a fluttuazione controllata
15/07/2010 MYANMAR
Crollo del 70% negli investimenti esteri in Myanmar
20/04/2012 GIAPPONE – MYANMAR
Thein Sein a Tokyo per ridurre il debito e aumentare gli investimenti
15/02/2012 MYANMAR - UE - CINA
Aung San Suu Kyi a Ue e Cina: diritti dei birmani, più importanti di sanzioni e affari
26/11/2010 MYANMAR
Yangon, concessione con ricatto per i pazienti del centro per malati di Aids

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate