5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/07/2012
MYANMAR – USA
Dopo 15 anni, gli Stati Uniti potranno investire in Myanmar
Il presidente Usa Barack Obama lancia un nuovo segnale di apertura e chiama il Paese “Birmania”. Escluse dagli investimenti società e aziende implicate con l’ex giunta militare. A maggio scorso, gli Usa avevano allentato le sanzioni economiche.

Yangon (AsiaNews/Agenzie) - Per la prima volta in 15 anni, le compagnie americane potranno investire in Myanmar. Lo ha annunciato il presidente Usa Barack Obama, confermando così l'apertura di una nuova fase per le relazioni tra i due Paesi, iniziata nel maggio scorso. Per ottenere le licenze necessarie a investire e fornire servizi finanziari, le società Usa dovranno presentare dei resoconti annuali ai dipartimenti dello Stato e del Tesoro. Tuttavia, restano esclusi da queste collaborazioni società e individui già sottoposti a sanzioni contro il regime, o implicati con l'ex giunta militare.

Nell'annunciare la decisione, in modo significativo Obama ha parlato del Paese asiatico usando il vecchio nome: "Allentare le sanzioni vuole essere un segnale forte del nostro sostegno alle riforme, e fornirà incentivi immediati e benefici al popolo della Birmania".

Tra le società che potranno godere degli investimenti Usa, c'è anche la Myanma Oil & Gas Enterprise (Moge), compagnia petrolifera nazionale. Durante il suo viaggio in Europa, Aung San Suu Kyi, leader dell'opposizione, aveva invitato i Paesi stranieri a non contrarre rapporti economici con tale società. L'ex prigioniera politica - oggi membro del Parlamento birmano - denunciava infatti la mancanza di trasparenza negli affari della Moge. Per gli investimenti con tale compagnia, gli Stati Uniti hanno chiesto alle aziende di comunicare entro 60 giorni (e non un anno, ndr) le iniziative economiche.

Il primo segnale di apertura lanciato dagli Stati Uniti risale a maggio, quando il presidente Obama ha allentato parte delle sanzione su investimenti e commercio con il Myanmar, e ha nominato il primo ambasciatore in 22 anni di storia. La decisione è stata frutto delle riforme democratiche avviate dal Paese del sudest asiatico dalla fine del 2010 a oggi, tra cui la liberazione del Nobel per la pace Aung San Suu Kyi; l'accordo di pace con alcune minoranze etniche; la liberazione di centinaia di detenuti politici.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/03/2012 MYANMAR
Il governo birmano cambia politica monetaria: kyat a fluttuazione controllata
15/07/2010 MYANMAR
Crollo del 70% negli investimenti esteri in Myanmar
20/04/2012 GIAPPONE – MYANMAR
Thein Sein a Tokyo per ridurre il debito e aumentare gli investimenti
15/02/2012 MYANMAR - UE - CINA
Aung San Suu Kyi a Ue e Cina: diritti dei birmani, più importanti di sanzioni e affari
26/11/2010 MYANMAR
Yangon, concessione con ricatto per i pazienti del centro per malati di Aids

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate