25 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/05/2017, 10.05

    IRAN - UE

    Dopo l’accordo sul nucleare cresce del 300% l’export iraniano nella Ue



    Nel 2016 le esportazioni dalla Repubblica islamica verso l’Europa hanno toccato quota 5,494 miliardi. Un balzo in avanti deciso rispetto agli 1,235 dell’anno precedente. Cresce anche il dato relativo al commercio (+79%). Allo studio tecnologia e finanziamenti da Bruxelles per tagliare le emissioni di carbone.

    Teheran (AsiaNews) - Dalla firma dello storico accordo internazionale su nucleare iraniano (Jcpoa), nel luglio 2015, le esportazioni della Repubblica islamica verso i Paesi dell’Unione europea (Ue) sono cresciuti del 300%. La conferma sul dato [molto] positivo nella bilancia commerciale fra Teheran e Bruxelles, che nell’ultimo periodo hanno rafforzato le relazioni economiche e diplomatiche, arriva da Miguel Arias Canete, commissario Ue per l’Azione per il clima e l’energia.

    Il risultato è emerso durante il primo Business Forum Iran-Ue sull’energia sostenibile, che si è tenuto nei giorni scorsi a Teheran. All’evento hanno partecipato oltre 50 aziende e associazioni del mondo del commercio europee e 40 locali. Scopo dell’iniziativa era rafforzare la partnership commerciale e gettare le basi per nuove collaborazioni in futuro, soprattutto nel settore energetico.

    Secondi i dati forniti a febbraio dall’ente europeo di statistica Eurostat, le esportazioni iraniane verso la Ue hanno toccato quota 5,494 miliardi nel 2016, con un netto balzo in avanti rispetto agli 1,235 dell’anno precedente.

    A determinare la crescita la ripresa delle importazioni di petrolio in Europa, in seguito all’accordo nucleare. Oltre alle esportazioni, cresce anche il dato relativo al commercio che ha fatto registrare + 79% dalla firma dell’accordo sull’atomica iraniana.

    Dopo anni di embargo, nel 2015 l’Iran ha ottenuto un parziale alleggerimento delle sanzioni economiche occidentali, in cambio di un accordo sul controverso programma atomico. Un’intesa accolta in maniera positiva dalla maggioranza della comunità internazionale. Questo ha permesso di rilanciare l’economia e potenziare gli investimenti, garantendo al contempo un miglioramento dell’arredo urbano e riforme nel comparto energetico.

    Tuttavia, gli Stati Uniti - insieme Israele fra le voci critiche dell’accordo - hanno mantenuto in vigore una serie di sanzioni per il programma di missili balistici di Teheran e per il sostegno [armato] a movimenti sciiti in Medio oriente. Tra i vari provvedimenti in atto, vi è anche il congelamento di miliardi di dollari di beni dell’Iran, esportati ai tempi dell’ultimo Shah di Persia Mohammad Reza Pahlavi, e che Teheran rivuole. Washington ha bloccato l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Da qui la decisione di Teheran nel giugno scorso di denunciare gli Stati Uniti alla Corte internazionale di giustizia, per “appropriazione indebita” di quasi due miliardi.

    A margine dell’incontro Miguel Arias Caneta ha affermato che l’Europa fornirà all’Iran tecnologia e le finanze necessarie per tagliare le emissioni di carbone. L’accordo sul nucleare, ha aggiunto l’alto funzionario Ue, si è rivelato fondamentale per la ripresa delle relazioni fra Bruxelles e Teheran e auspica che l’incontro preparerà il terreno a ulteriori “interazioni” nel campo delle energie verdi.

    La speranza è di ricavare almeno il 30% del fabbisogno di energia dalle rinnovabili entro il 2030.

    Majid Shafipour, capo del dipartimento per l’Ambiente della Repubblica iraniana, sottolinea che la temperatura in Iran è cresciuta di 1,8 gradi dal 1750, rispetto agli 1,1 della media mondiale. Teheran è fra i firmatari dell’accordo di Parigi sul clima del dicembre 2015 e intende diminuire le emissioni del 4% entro il 2030. Tuttavia, concludono gli esperti iraniani,  se vi sarà l’aiuto della comunità internazionale il Paese potrà arrivare a ridurre le emissioni del 12% nei prossimi 13 anni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/04/2017 08:55:00 IRAN - STATI UNITI
    Vienna, crescono le incertezze sulla tenuta dell’accordo sul nucleare iraniano

    L’Iran e le principali potenze internazionali si sono incontrare ieri nella capitale austriaca. Al centro dei lavori “a porte chiuse” il “rispetto” dei termini previsti dall’accordo. Aumentano le tensioni fra Washington e Teheran. Ministro iraniano: gli Stati Uniti non rispettano né lo spirito, né i termini. 

     



    07/03/2012 IRAN-USA-UE
    Ripartono i dialoghi con Teheran sul nucleare. Scende il prezzo del petrolio
    Usa, Cina, Russia, Gran Bretagna, Francia e Germania hanno risposto positivamente alla richiesta di nuovi dialoghi da parte dell'Iran. A Washington Netanyahu rivendica la libertà di Israele a programmare un attacco aereo per non vivere "sotto l'ombra dell'annientamento". Il prezzo del petrolio è sceso del 2%. Teheran dà il permesso per le visite dell'Aiea al sito di Parchin. Ci si attende una riduzione delle sanzioni, a beneficio dell'Iran, ma anche dell'Europa.

    20/04/2017 12:48:00 IRAN - STATI UNITI
    Washington accusa Teheran: Provocazioni “continue”, accordo nucleare a rischio

    Duro attacco del segretario di Stato Usa Rex Tillerson all’Iran, definito esportatore di “terrorismo e violenza”. La Repubblica islamica avrebbe “destabilizzato” più di una nazione in Medio oriente ed è responsabile della “intensificazione dei conflitti”. Trump ordina la “revisione” dell’accordo sul nucleare.

     



    22/06/2012 IRAN - CINA
    Pechino approfitta delle sanzioni contro l'Iran e aumenta le importazioni di greggio
    Dopo un calo nei primi mesi del 2012 le importazioni salgono a 524mila barili al giorno. Il contratto è stato firmato a pochi giorni dal fallimento dei colloqui fra Teheran e membri del 5+1 sul nucleare iraniano. Le nuove sanzioni imposte da Europa e Usa saranno attive dal 1° luglio.

    31/08/2006 iran - Onu
    Teheran continua il suo programma nucleare mentre scade l'ultimatum dell' Onu

    Scelte provocatorie e dichiarazioni di fuoco prima della scadenza. Mentre si prospettano possibil sanzioni, Teheran cerca di dividere Europa da Usa.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®