21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/06/2017, 14.14

    IRAN

    Doppio attentato a Teheran: al parlamento e al mausoleo di Khomeini



    Le forze di sicurezza ne hanno impedito un terzo. Almeno 12 le vittime e decine i feriti. L'Isis rivendica gli attacchi. Aveva iniziato da mesi una campagna di propaganda in persiano. La campagna anti-iraniana degli Stati Uniti e dell’Arabia Saudita. 

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) – Due attacchi terroristici hanno colpito questa mattina Teheran a mezz’ora di distanza l’uno dall’altro, al parlamento e al mausoleo dedicato all’ayatollah Khomeini, fondatore della Repubblica islamica. Al momento le vittime sarebbero almeno 12 e decine i feriti. Le forze di sicurezza hanno arrestato un gruppo terrorista che aveva pianificato un terzo attentato. Lo Stato islamico ha già rivendicato l’attacco.

    Il primo attacco ha colpito il parlamento ed è stato opera quattro aggressori armati con kalashnikov e pistole, entrati nell’edificio vestiti da donne. Lo scontro è durato per cinque ore ed è terminato con l’uccisione degli attentatori. Le vittime riportate al parlamento sarebbero almeno due, fra cui una guardia. L’aula del parlamento, dove era in corso una sessione, non è stata interessata dalla sparatoria. I lavori sono continuati, con la tivu di Stato che mostrava i lavori dei rappresentanti.  Ali Larijani, presidente del parlamentare ha dichiarato che l'attacco era un "problema banale" e che si doveva continuare perchè le forse di sicurezza stavano prendendo le "misure necessarie”.

    L’azione al mausoleo dell’ayatollah, a 20km di distanza, è iniziata mezz’ora dopo, quando gli assalitori (tre o quattro) hanno aperto il fuoco, uccidendo il giardiniere e ferendo diverse persone. Una donna e un uomo si sono fatti esplodere con una cintura esplosiva.

    Gli attentati avvengono dopo settimane in cui la campagna anti-iraniana degli Stati Uniti e Arabia Saudita, è più accesa che mai e destinata a colpire i Paesi che, come il Qatar, mantengono rapporti sottobanco con Teheran. Questa mattina, prima dell’attentato, il ministro saudita per gli affari esteri Adel Jubeir aveva affermato: “L’Iran deve essere punito per le ingerenze nella regione”.

    L’Iran ha una popolazione di 81 milioni, dei quali fra il 5-10% sono musulmani sunniti, soprattutto nelle zone curde e baluchi.

    All'inizio della Repubblica islamica nel Psese vi sono stati molti attentati e scontri con i famigerati Mujaheddin - e Qalq. In seguito vi sono stati spesso scontri con gruppi jihadisti lungo il confine con l’Iraq e l’Afghanistan, ma  mai nei centri urbani.

    Di recente, la propaganda di Daesh (Stato islamico) ha iniziato a espandersi in Iran, cercando di reclutare i cittadini sunniti, disseminando i propri messaggi in lingua persiana. In un primo video a fine marzo dichiarava di voler “conquistare l’Iran e ripristinare la nazione musulmana sunnita che c’era prima”.

    Nonostante alcuni analisti sostengano che la campagna abbia poca attrattiva sui sunniti, alcuni rapporti e avvertimenti di funzionari iraniani suggeriscono che dei reclutamenti ci sono stati, in particolare attraverso l’applicazione messaggistica “Telegram”. La settimana scorsa le autorità afghane nella provincia orientale di Nangarhar, dove l’Isis è presente, hanno mostrato il video di un uomo che affermava di essere un iraniano della provincia dell’Azerbaijan occidentale e di essersi unito a Daesh via Telegram. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/06/2017 11:37:00 IRAN
    Teheran, sette arresti per gli attacchi al Parlamento e al mausoleo di Khomeini

    Sarebbero legate allo Stato islamico e sono sospettate di aver fornito aiuto materiale e logistico agli attentatori. Gli arresti sono avvenuti a Fardis, circa 50 km a ovest della capitale iraniana. Ieri fermate altre 41 persone.



    08/06/2017 10:06:00 IRAN
    Gli attentatori a Teheran erano iraniani reclutati da Daesh

    Il numero delle vittime è salito ora a 13, con 46 feriti. Gli attentatori avevano fra i 20 e i 25 anni. Per i Guardiani della rivoluzione c’è la mano americana e saudita. Donald Trump prega per le vittime, ma ribadisce l’accusa all’Iran di sostenere il terrorismo. Javad Zarif: “Parole ripugnanti”.



    31/05/2017 08:55:00 AFGHANISTAN
    Kabul: autobomba uccide almeno 50 persone nel quartiere delle ambasciate

    L’esplosione è avvenuta vicino all’ambasciata tedesca. Ancora nessuna rivendicazione. In Afghanistan aumentano gli attacchi sia da parte dei talebani che dei militanti dello Stato islamico.



    07/07/2016 09:02:00 BANGLADESH
    Bangladesh, bombe e sparatoria alla festa di Eid: quattro morti e sette feriti

    Le bombe sono esplose contro un posto di blocco della polizia di fronte ad una scuola. A poca distanza erano radunate 200mila persone. Si tratta del secondo attacco terroristico in una settimana, dopo la strage di Dhaka. L’obiettivo sarebbe stato l’imam locale, noto per le sue idee liberali.



    01/07/2017 11:48:00 BANGLADESH
    A un anno dalla strage di Dhaka, ancora tanta la paura

    Il primo luglio 2016 l’attacco terroristico all’Holey Artisan Bakery Cafè ha provocato 20 vittime. Il quartiere Gulshan è deserto, abbandonato da turisti e negozi. Diversi cattolici si sono trasferiti all’estero; alcuni missionari protestanti hanno lasciato il Paese. Il resoconto completo delle indagini sarà pubblicato “molto presto”.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®