21 Aprile 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/03/2010 08:50
RUSSIA
Doppio attentato nel Dagestan, nove i morti
Le vittime sarebbero in maggioranza poliziotti, fra cui il capo della sezione locale delle forze di sicurezza. Obiettivo dell’attacco la sede del Ministero degli interni e gli uffici dei servizi segreti. Il secondo ordigno innescato da un attentatore suicida. La durezza di Putin. Benedetto XVI invia telegramma di condoglianze per le vittime degli attentati a Mosca. Ieri la cattedrale del San Salvatore è stata evacuata per timori di una bomba.

Mosca (AsiaNews/Agenzie) – È di nove morti il bilancio finora accertato di due esplosioni avvenute a Kizlyar, nel Dagestan, repubblica della Federazione Russa situata nel Caucaso settentrionale. L’agenzia russa Interfax riferisce che una delle vittime – in maggioranza poliziotti – è Vitaly Vedernikov, capo della sezione locale delle forze di sicurezza. Intanto a Mosca proseguono le indagini sul doppio attentato alla metropolita della capitale. Il papa ha inviato ieri un telegramma di condoglianze al presidente Dimitry Medvedev.
 
A causare la prima esplosione a Kizlyar sarebbe stata un’autobomba, piazzata nei pressi degli uffici del Ministero degli interni locale e della sede dell’FSB, il servizio segreto russo. La seconda si è verificata 20 minuti più tardi, sempre nella stessa via. Fonti governative aggiungono che il secondo ordigno è stato innescato da un attentatore suicida, travestito da poliziotto.
 
Negli ultimi due anni sono cresciute le violenze in Dagestan, in seguito a una dura repressione contro le milizie fondamentaliste islamiche nella vicina Cecenia. Nel giugno 2009 il Ministro degli interni della regione è stato ucciso a colpi di arma da fuoco.
 
Le autobomba in Dagestan avvengono a due giorni dal doppio attentato terroristico nella metropolitana di Mosca, che ha fatto 39 morti. I due attentati sono stati compiuti da due donne kamikaze, ma la polizia, attraverso i video di sorveglianza del Metro ha stabilito che esse avevano dei complici. Una radio moscovita afferma che i sospettati provenivano dalla Cecenia e sono stati portati alla metropolitana da un bus privato.
 
Il primo ministro Vladimir Putin ha giurato di punire i criminali. “Sappiamo che essi [gli organizzatori dell’attentato] si nascondono… Ma è ormai una questione di onore per le forze di sicurezza quella di strapparli dal fondo delle loro fogne e portarli alla luce del giorno”. Il suo linguaggio ricorda le sue famose promesse nel’99 e la sua decisione di colpire i ribelli nei loro “cessi”, che ha dato il via a una dura azione contro i militanti ceceni.
 
Mentre procedono i funerali delle vittime e i moscoviti portano fiori nelle stazioni dove sono avvenuti gli attentati, Benedetto XVI, con un telegramma inviato ieri al presidente russo Dimitry Medvedev, ha espresso “profondo dolore e ferma condanna per questi atti di atroce violenza”. Il papa assicura pure “la sua solidarietà, la vicinanza spirituale e le sue condoglianze alle famiglie delle vittime” e la preghiera per le vite falcidiate.
 
Ieri pomeriggio la cattedrale di San Salvatore, nel centro di Mosca, è stata evacuata, in seguito a una soffiata alla polizia, secondo cui era stata deposta una bomba all’interno. Più di 100 persone sono uscite frenando il panico a stento. Ma è stato un falso allarme.
 
Intanto, il centro culturale islamico di Mosca ha deciso di aprire una linea rossa per raccogliere informazioni sugli attentatori e ha promesso di pagare fino a un milione di rubli (circa 25 mila euro) per informazioni che saranno passate ai servizi di sicurezza.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/04/2010 RUSSIA
Dagestan, esplode un’auto: due morti. A Mosca i funerali delle vittime della Metro
30/03/2010 RUSSIA
Putin ha portato all’islamizzazione del terrorismo caucasico
08/02/2011 RUSSIA-ISLAM
I ribelli islamici ceceni rivendicano la strage dell’aeroporto di Mosca
30/08/2004 russia - cecenia
Brogli alle elezioni cecene: in testa il candidato filo russo
22/06/2009 INGUSCEZIA
Gravemente ferito in un attentato il presidente Yunus-Bek Yevkurov

In evidenza
ITALIA - ASIA
Pasqua, la vittoria sulla morte e l'impotenza
di Bernardo Cervellera
SIRIA
Gesuita siriano: Mi manchi, p. Frans. Hai ispirato tutti noi
di Tony Homsy*Un giovane sacerdote della Compagnia ricorda la vita e l'operato di p.Frans van der Lugt, ucciso a Homs dopo aver rifiutato di abbandonare la popolazione piagata da fame e guerra: "Ha dato e continua a dare tutto per la Chiesa, per la Siria, per la pace. La sua testimonianza e le sue doti ne hanno fatto un missionario e un testimone del Vangelo eccezionale". Per gentile concessione del "thejesuitpost" (traduzione a cura di AsiaNews).
FRANCIA - IRAQ
Patriarca caldeo: il futuro fosco dei cristiani d'Oriente, ricchezza in via di estinzione per Occidente e Islam
di Mar Louis Raphael I SakoLe guerre in Iraq, Libia e Afghanistan hanno peggiorato la condizione dei popoli, in particolare le minoranze. Le politiche fallimentari promosse dall'Occidente. Cresce il fondamentalismo, la Primavera araba svuotata dagli estremismi. Il ruolo delle autorità musulmane nella tutela di diritti e libertà religiosa. La presenza dei cristiani in Medio oriente è fondamentale per i musulmani.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate