26 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 31/03/2010, 00.00

    RUSSIA

    Doppio attentato nel Dagestan, nove i morti



    Le vittime sarebbero in maggioranza poliziotti, fra cui il capo della sezione locale delle forze di sicurezza. Obiettivo dell’attacco la sede del Ministero degli interni e gli uffici dei servizi segreti. Il secondo ordigno innescato da un attentatore suicida. La durezza di Putin. Benedetto XVI invia telegramma di condoglianze per le vittime degli attentati a Mosca. Ieri la cattedrale del San Salvatore è stata evacuata per timori di una bomba.
    Mosca (AsiaNews/Agenzie) – È di nove morti il bilancio finora accertato di due esplosioni avvenute a Kizlyar, nel Dagestan, repubblica della Federazione Russa situata nel Caucaso settentrionale. L’agenzia russa Interfax riferisce che una delle vittime – in maggioranza poliziotti – è Vitaly Vedernikov, capo della sezione locale delle forze di sicurezza. Intanto a Mosca proseguono le indagini sul doppio attentato alla metropolita della capitale. Il papa ha inviato ieri un telegramma di condoglianze al presidente Dimitry Medvedev.
     
    A causare la prima esplosione a Kizlyar sarebbe stata un’autobomba, piazzata nei pressi degli uffici del Ministero degli interni locale e della sede dell’FSB, il servizio segreto russo. La seconda si è verificata 20 minuti più tardi, sempre nella stessa via. Fonti governative aggiungono che il secondo ordigno è stato innescato da un attentatore suicida, travestito da poliziotto.
     
    Negli ultimi due anni sono cresciute le violenze in Dagestan, in seguito a una dura repressione contro le milizie fondamentaliste islamiche nella vicina Cecenia. Nel giugno 2009 il Ministro degli interni della regione è stato ucciso a colpi di arma da fuoco.
     
    Le autobomba in Dagestan avvengono a due giorni dal doppio attentato terroristico nella metropolitana di Mosca, che ha fatto 39 morti. I due attentati sono stati compiuti da due donne kamikaze, ma la polizia, attraverso i video di sorveglianza del Metro ha stabilito che esse avevano dei complici. Una radio moscovita afferma che i sospettati provenivano dalla Cecenia e sono stati portati alla metropolitana da un bus privato.
     
    Il primo ministro Vladimir Putin ha giurato di punire i criminali. “Sappiamo che essi [gli organizzatori dell’attentato] si nascondono… Ma è ormai una questione di onore per le forze di sicurezza quella di strapparli dal fondo delle loro fogne e portarli alla luce del giorno”. Il suo linguaggio ricorda le sue famose promesse nel’99 e la sua decisione di colpire i ribelli nei loro “cessi”, che ha dato il via a una dura azione contro i militanti ceceni.
     
    Mentre procedono i funerali delle vittime e i moscoviti portano fiori nelle stazioni dove sono avvenuti gli attentati, Benedetto XVI, con un telegramma inviato ieri al presidente russo Dimitry Medvedev, ha espresso “profondo dolore e ferma condanna per questi atti di atroce violenza”. Il papa assicura pure “la sua solidarietà, la vicinanza spirituale e le sue condoglianze alle famiglie delle vittime” e la preghiera per le vite falcidiate.
     
    Ieri pomeriggio la cattedrale di San Salvatore, nel centro di Mosca, è stata evacuata, in seguito a una soffiata alla polizia, secondo cui era stata deposta una bomba all’interno. Più di 100 persone sono uscite frenando il panico a stento. Ma è stato un falso allarme.
     
    Intanto, il centro culturale islamico di Mosca ha deciso di aprire una linea rossa per raccogliere informazioni sugli attentatori e ha promesso di pagare fino a un milione di rubli (circa 25 mila euro) per informazioni che saranno passate ai servizi di sicurezza.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/04/2010 RUSSIA
    Dagestan, esplode un’auto: due morti. A Mosca i funerali delle vittime della Metro
    Il veicolo trasportava un ordigno che si è attivato spontaneamente. Ferita in modo grave una terza persona. Nella capitale si celebrano i funerali delle vittime dell’attentato alla Metro del 29 marzo. L’attacco rivendicato dal leader della guerriglia cecena, che annuncia nuove stragi.

    30/03/2010 RUSSIA
    Putin ha portato all’islamizzazione del terrorismo caucasico
    Oggi a Mosca è giorno di lutto. Le bombe della metropolitana hanno un’origine lontana: nascono dalla scelta di rifiutare le possibilità di dialogo offerta dall’ex presidente ceceno e di scegliere la repressione. Timori di sussulti xenofobi e per il rispetto dei diritti umani.

    08/02/2011 RUSSIA-ISLAM
    I ribelli islamici ceceni rivendicano la strage dell’aeroporto di Mosca
    Un video del leader separatista Doku Umarov: “Questa operazione è stata condotta su mio ordine”. Il capo islamico vuole creare un “Emirato del Caucaso”, e sta cercando di allargare la sua sfera di influenza fra i musulmani dell’Inguscezia e del Dagestan.

    30/08/2004 russia - cecenia
    Brogli alle elezioni cecene: in testa il candidato filo russo


    22/06/2009 INGUSCEZIA
    Gravemente ferito in un attentato il presidente Yunus-Bek Yevkurov
    Colpito dall’esplosione di un’autobomba, sarebbe attualmente sottoposto ad un intervento, ma non in pericolo di vita. Notizie ancora contraddittorie su altre persone, tra le quali un fratello del presidente ferite o uccise.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®