02 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/08/2014, 00.00

    INDONESIA - ISLAM

    E' Aceh la base operativa del Califfato islamico in Asia. Via al reclutamento e all'indottrinamento

    Mathias Hariyadi

    Frange del movimento jihadista già attive in 16 province dell’arcipelago indonesiano. Migliaia di persone hanno prestato giuramento al leader fondamentalista Abu Bakar Al-Baghdadi. La maggior parte sono veterani del jihad con alle spalle esperienze in Afghanistan o, sul fronte interno delle Molucche. Jakarta: alcune zone sono “terreno fertile” per l’arruolamento.

    Jakarta (AsiaNews) - Non ha ancora compiuto gesta eclatanti nel Paese asiatico, ma la sezione indonesiana dello Stato islamico (ex Isis, Stato islamico dell'Iraq e del Levante) ha già avviato - come emerso di recente - reclutamenti di massa in oltre 16 province dell'arcipelago. In particolare Aceh, la più occidentale e nella quasi totalità musulmana, si sta trasformando in una sorta di porto franco per gli estremisti sunniti, con operazioni di lavaggio del cervello e indottrinamento soprattutto dei giovani. Secondo un'inchiesta pubblicata dal quotidiano locale Serambi, in almeno 21 distretti di Aceh vi è una infiltrazione massiccia di militanti, mentre in migliaia hanno prestato giuramento di fedeltà al capo del Califfato, il leader fondamentalista Abu Bakar Al-Baghdadi. 

    La scorsa settimana un uomo identificato come Abu Jundullah ha dichiarato di essere a capo della falange di Aceh del movimento islamista; la fondazione del gruppo risalirebbe al 1mo gennaio 2014 e, secondo quanto afferma il leader "non siamo la filiale indonesiana dell'Is, ma agiamo direttamente sotto la guida di Al-Baghdadi e siamo tutti abitanti di Aceh". 

    Per il leader islamico indonesiano Jundullah la presenza dello Stato islamico si spiega con il "grande lavoro" compiuto in Siria e in Iraq; la maggior parte degli affiliati ad Aceh sono veterani jihadisti, reduci dalle guerre in Afghanistan e dal violento conflitto interreligioso a Moro e Ambon, nelle Molucche, dal 1999 al 2002. 

    Egli aggiunge inoltre che l'obiettivo è trasformare "prima del 2015" tutti i distretti di Aceh in "sedi" dello Stato islamico ed è già iniziata l'opera di propaganda nelle campagne. 

    Al contempo si fa sempre più nutrito il fronte dei leader religiosi musulmani di Aceh, che condannano la presenza di affiliati dell'Is nella provincia; sono dozzine gli ulema e gli esperti di legge islamica contrari alla presa di potere degli islamisti. Anche Jakarta lancia l'allerta, col capo dell'antiterrorismo - il gen. Ansyaad Mbai -  che conferma il "terreno fertile" trovato dal movimento jihadista internazionale in alcune province del Paese, soprattutto in un'ottica di reclutamento. Nei giorni scorsi un blitz dei reparti speciali della polizia nel distretto di Ngawi, nella provincia di East Java, ha portato al fermo di due sospetti; sequestrate pistole, bandiere dell'Isis e un libro che inneggia al jihad. 

    L'Indonesia, nazione musulmana più popolosa al mondo, è sempre più spesso teatro di attacchi o episodi di intolleranza contro le minoranze, siano essi cristiani, musulmani ahmadi o di altre fedi. Nella provincia di Aceh - unica nell'Arcipelago - vige la legge islamica (sharia), in seguito a un accordo di pace fra governo centrale e Movimento per la liberazione di Aceh (Gam), e in molte altre aree (come Bekasi e Bogor nel West Java) si fa sempre più radicale ed estrema la visione dell'islam fra i cittadini.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/08/2014 INDONESIA - ISLAM
    Jakarta: leader musulmani spiegano ai cristiani il fondamentalismo islamico
    All’iniziativa promossa dalla Conferenza episcopale hanno partecipato vescovi, sacerdoti, suore e laici cattolici e protestanti. Fra i relatori esperti di anti-terrorismo e studiosi di religione e società. Ingiustizie sociali, povertà e propaganda alimentano l’estremismo. Servono figure musulmane moderate di primo piano, sul modello dell’ex presidente “Gus Dur”.

    21/08/2014 INDONESIA - ISLAM
    Borobudur, il più importante tempio buddista indonesiano nel mirino degli islamisti
    Il complesso, patrimonio Unesco dell’umanità, rischia la distruzione come i Buddha di Bamiyan. Le autorità hanno predisposto un rafforzamento delle misure di sicurezza. La cittadinanza invitata a partecipare alla difesa del “patrimonio culturale”. Per il presidente Yudhoyono le violenze jihadiste sono “umilianti” per l’islam.

    04/08/2014 INDONESIA - ISLAM
    Indonesia, leader estremista islamico in carcere "giura obbedienza" all’Isis
    Una immagine scattata nel carcere di massima sicurezza di Nusakambangan testimonia il giuramento e conferma il legame crescente fra estremisti indonesiani e il movimento islamista. Abu Bakar Baasyir "favorevole" al progetto del Califfato mondiale. Ma la maggioranza dei musulmani moderati resta contraria.

    05/08/2014 INDONESIA - ISLAM
    Jakarta: non blocca la diffusione in rete di un video pro-Isis, ministro nella bufera
    Si tratta del filo-islamista Tifatul Sembiring, titolare del dicastero delle Comunicazioni e dell’Informazione. Il presidente Yudhoyono e il capo della sicurezza invocano misure drastiche per fermare la propaganda estremista. Continua l’opera di reclutamento di fondamentalisti indonesiani per il jihad in Medio oriente.

    28/08/2014 IRAQ - ISLAM
    Islam alla prova: le barbare crudeltà del Califfato
    Le violenze sanguinarie e spettacolari dell'Esercito islamico trovano tiepide condanne o silenzi nel mondo musulmano. Fra le cause: un sistema educativo che bandisce la critica ed esalta la memorizzazione; una religione che paralizza la ragione e l'intelligenza (secondo gli stessi musulmani). Le orribili crudeltà dell'ex Isis vanno contro il Corano e la vita di Maometto. Ma sono l'humus in cui la violenza "in nome di Dio" sembra giustificata. E' necessario ripensare l'islam in profondità, trasformando pure il metodo educativo.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin, il Vaticano e la “logica da banditi” dell’Associazione patriottica

    Gu Feng

    Un sacerdote della Cina centrale ripensa al “voltafaccia” del vescovo di Shanghai e lo paragona a Giovanni il Battista, confinato in prigione dopo le accuse a Erode. La “logica da banditi” dell’Associazione patriottica e del governo tende a eliminare la religione dal Paese. Il Vaticano rischia di contraddirsi venendo a compromessi con l’Associazione patriottica, che papa Benedetto XVI ha definito “incompatibile” con la dottrina cattolica nella Lettera ai cattolici cinesi che papa Francesco non ha smentito, anzi l’ha ribadita.


    CINA - VATICANO
    Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai

    p. Pietro dalla Cina

    Il vescovo ausiliare di Shanghai ha a cuore il benessere della sua diocesi e intende portare da solo il fardello delle sue dichiarazioni di quattro anni fa. Le precisazioni di p. Lombardi sul ruolo della Santa Sede fugano ogni dubbio: la Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa cinese è ancora valida, quindi la posizione dell’Associazione patriottica non è accettata dal Vaticano. Il commento di un sacerdote cinese, traduzione a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®