25 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/12/2009, 00.00

    FILIPPINE

    Educare i bambini per estirpare la cultura della violenza a Mindanao

    Santosh Digal

    Università statali e cattoliche promuovono la cultura della pace e del confronto culturale. Esperto di dialogo islamo – cristiano: “la pace è qualcosa di più del silenzio delle armi”. L’esempio del Silsilah.

    Manila (AsiaNews) –  “Per portare la pace nella regione di Mindanao non bastano i trattati di pace, ma occorre iniziare a piccoli passi, partendo dall’educazione dei bambini delle scuole elementari”. È quanto afferma Marcel Carpizo, direttrice del Center for peace and development presso  la Western Mindanao state university. In collaborazione con l’istituto gesuita per la pace e la cultura (Ateneo peace culture institute – Apci) il centro ha iniziato da alcuni anni programmi per introdurre la “cultura della pace” all’interno delle scuole pubbliche della regione. Il loro obiettivo è quello di “estirpare” l’ignoranza attraverso l’educazione e la promozione del dialogo interculturale.  “Dobbiamo cercare di correggere la mente degli studenti – continua la Carpizo - l’ambiente in cui viviamo è saturo di violenza. Ciò si vede nei media, soprattutto internet, nelle famiglie e a scuola”.

    Cecil Simbajon, direttrice dell’Apci, afferma: “Il nostro obiettivo non è solo quello di educare i giovani ma sviluppare allo stesso tempo una consapevolezza rispetto alla cultura della pace”. Gli insegnanti aiutano i ragazzi a confrontarsi con le problematiche e i conflitti quotidiani e tentano di scoprire insieme a loro le ragioni sociali e culturali del clima presente.  “In questo modo – aggiunge - studenti e insegnanti sono incoraggiati a vedere la diversità delle varie culture di Mindanao come uno stimolo e non come un conflitto”.

    La regione a maggioranza musulmana di Mindanao è da quarant’anni preda di un conflitto che vede coinvolti esercito filippino ed estremisti islamici quali il Fronte di liberazione moro (Moro islamic liberation front - Milf) e i ribelli di Abu Sayyaf, legati ad al - Qaeda. Da settembre sono in corso trattati di pace tra governo e Milf e l’esercito ha di recente catturato, Abdul Basir Latip ritenuto uno dei membri fondatori di Abu Sayyaf. A questo si aggiunge, la presenza di eserciti privati al servizio delle potenti famiglie musulmane nella Regione autonoma del Mindanao musulmano (Armm), aprendo un nuovo fronte di guerra (Cfr. AsiaNews.it, 23/11/2009 Mindanao, decine di uccisi per una guerra elettorale fra famiglie rivali). A tutt’oggi l’area è presidiata da oltre 4mila militari.

    Per p. Amado Picardal, professore di teologia ed esperto di dialogo interreligioso, Mindanao si è trasformata da “terra natale” per musulmani indigeni e “terra promessa” per i cristiani in un luogo “contro l’uomo”. Egli afferma che nel recente conflitto tutti hanno sofferto. “La pace – afferma - è qualcosa di più del silenzio delle armi o dei trattati firmati in questi anni dal governo. Ci sono stati molti accordi di pace nel passato, ma una pace genuina non è mai stata raggiunta”. Secondo lui “la pace è possibile solo partendo dal basso con un dialogo attivo tra la popolazione, che contempli, oltre al confronto tra le fedi, anche la condivisione del lavoro e delle problematiche quotidiane”.

    Egli cita come esempio il Silsilah, movimento per il dialogo islamo - cristiano fondato da p. Sebastiano D’Ambra (Pime). Il Silsilah propone da 20 anni progetti e iniziative come la Conferenza dei vescovi e degli ulema (Bishop ulema forum) e la settimana per la pace a Mindanao (Mindanao week of peace).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/09/2009 FILIPPINE
    Educazione dei giovani e meno politica, la via per la pace a Mindanao
    Esponente di Silsilah, movimento per il dialogo interreligioso islamo – cristiano, racconta che a Mindanao il quarantennale conflitto ha condotto cristiani e musulmani a diffidare l’uno dell’altro. Solo insegnando ai giovani i valori del dialogo e della non violenza è possibile raggiungere una pace vera e duratura.

    02/04/2010 FILIPPINE
    Mindanao, la Pasqua richiama cristiani e musulmani all’impegno per la pace
    In occasione della Settimana Santa e della Pasqua, mons. Romulo Tolentino de la Cruz, vescovo di Kidapawan e membro del Forum dei vescovi e degli Ulema, racconta ad AsiaNews la situazione e le aspettative future della popolazione di Mindanao. La regione a maggioranza musulmana è da 40 anni teatro di guerra tra esercito filippino e ribelli islamici.

    15/02/2005 filippine
    Vescovi delle Filippine: Attentati inumani e malvagi
    Mons. Capalla condanna i tre attacchi terroristici di ieri: "Sono contro gli insegnamenti di Dio e di Allah".

    19/03/2010 FILIPPINE
    Presidente Arroyo: Dialogo interreligioso unica soluzione per la pace a Mindanao
    La Arroyo ha pronunciato il suo intervento in occasione della due giorni sul dialogo interreligioso organizzata dal Movimento dei Paesi non allineati. L’incontro è stato commentato con favore anche dalla Chiesa cattolica, vera promotrice della pace nella regione a maggioranza musulmana martoriata da quarant’anni di guerra.

    08/01/2013 FILIPPINE
    Mindanao, chiese stracolme a Natale. Un segno di speranza per la pace con i ribelli islamici
    Dopo gli accordi fra Milf e governo cala il pericolo di attentati dei gruppi estremisti. In migliaia, soprattutto giovani affollano le messe di mezzanotte celebrate nelle varie diocesi dell'isola a maggioranza musulmana. Due missionari raccontano le feste di Natale nell'isola per quarant'anni teatro della guerra fra esercito filippino e ribelli islamici.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®