17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/01/2012, 00.00

    EGITTO

    Egitto, finiscono le scorte di benzina. Si temono scontri in vista dell’anniversario delle rivolte



    Il taglio dei fondi stranieri impedisce allo Stato di erogare alle compagnie energetiche il sussidio per benzina, gasolio e gas. Il rischio è un aumento drastico dei prezzi del carburante e dell'inflazione già al 9,5%. La presenza incontrollata dei movimenti islamici colpisce il turismo. Prenotazioni in calo del 90% fra il 2010 e il 2011.
    Il Cairo (AsiaNews) – Benzina e gasolio a rischio esaurimento, calo del turismo del 90%, continui scioperi e manifestazioni, disoccupazione giovanile superiore al 40% e livelli di inflazione cresciuti dal 9,1% al 9,5% in meno di un mese. È questo il quadro economico e sociale dell’Egitto a pochi giorni dal 25 gennaio, anniversario della rivoluzione dei Gelsomini, per il quale si prevedono nuove manifestazioni della popolazione egiziana contro i militari saliti al potere dopo la caduta di Mubarak.

    Ieri, al Cairo, Giza e altre città egiziane, la popolazione ha preso d’assalto i distributori di benzina e gasolio, dopo l’annuncio di un esaurimento delle scorte e aumento del prezzo lanciato dagli operatori del settore. Per evitare disordini, le autorità hanno imposto l’apertura delle stazioni solo in orario notturno. Abdullah Ghorab, ministro del petrolio, ha affermato che “il carburante non finirà, non vi sono motivi per scatenare il panico, lo Stato sta erogando 15mila tonnellate di gasolio al giorno, circa 2mila in più rispetto al normale consumo giornaliero”. La popolazione però non crede alle dichiarazioni del ministro ed è convinta che la penuria di carburante sia un preludio a un aumento del prezzo di benzina e gasolio e al fiorire del mercato nero.  

    A tutt’oggi, grazie ai sussidi statali alle compagnie petrolifere, un litro di benzina costa 1 sterlina egiziana (circa 17 centesimi di dollaro), ma con il taglio dei fondi esteri da 36 miliardi di dollari a 16, il governo non sarà più in grado di mantenere l’attuale valore. Secondo gli economisti un aumento dei prezzi del carburante porterebbe a livelli di inflazione superiori al 10% e a nuove rivolte sociali. La crescita del costo del gasolio metterebbe in ginocchio anche i trasporti ferroviari già sull’orlo del fallimento. In questi mesi le rivolte hanno più volte bloccato il sistema, soprattutto nell’Alto Egitto. In un anno la Egypitian Railways Authority ha perso circa 9 milioni di euro.

    Fonti di AsiaNews, sottolineano che la crisi economica è aggravata dal crollo del turismo, importante risorsa economica e di impiego del Paese. “La vittoria dei partiti islamici alle elezioni – affermano le fonti – ha causato un clima di intolleranza che spaventa i turisti stranieri. I salafiti, ma anche molti membri dei Fratelli Musulmani, vogliono chiudere spiagge, ristoranti, bar e alberghi, perché contrari ai principi islamici. A Luxor e in altre città, famose per edifici e siti archeologici dell’antico Egitto, i candidati del partito Nour (salafiti) hanno proposto la chiusura totale dei monumenti”. “Essi – continua – non hanno idea di ciò che fanno e condanneranno l’Egitto alla chiusura culturale e alla povertà”.

    In questi giorni gli operatori del settore hanno calcolato un calo delle prenotazioni del 90% fra il 2011 e il 2010. Il governo nega però il problema e ha dichiarato che il numero dei turisti è sceso solo del 33%. Secondo alcune agenzie, le autorità avrebbero falsato i dati, calcolando come turisti stranieri migliaia di rifugiati politici libici. (S.C.)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/06/2013 EGITTO - ISLAM
    La "longa mano islamista" conquista l'Egitto, sospetto terrorista nominato governatore di Luxor
    Il presidente Morsi nomina 17 nuovi governatori provinciali. Sette militano nelle fila dei Fratelli Musulmani. Proteste a Luxor, Ismailia, Gharbiya e Menoufiya, città natale di Mubarak. Il movimento pro-democrazia "The Rebel" raccoglie 13 milioni di firme per delegittimare Morsi.

    11/12/2012 EGITTO
    Morsi prende il controllo della Banca centrale egiziana
    Il presidente avrà diritto di nominare il governatore e i vice-governatori senza consultare il governo. Nel frattempo, ignoti attaccano i manifestanti accampati in piazza Tahrir: nove feriti. Paura per le due manifestazioni in corso al Cairo.

    15/06/2012 EGITTO
    Egitto, si infiamma la protesta dopo lo scioglimento del parlamento
    Gli islamisti minacciano "giorni difficili"e ricordano le manifestazioni oceaniche del 2011 contro Mubarak. L'esercito ripristina le leggi speciali per la detenzione dei manifestanti senza processo in vista dei ballottaggi delle presidenziali.

    26/04/2012 EGITTO - ISRAELE
    Lo stop delle erogazioni di gas a Israele rimette in discussione gli accordi di Camp David
    Slogan anti-israeliani per l'anniversario del ritorno del Sinai sotto controllo egiziano. Ma per gli esperti, la popolazione vuole una revisione degli accordi con Israele non la loro fine. Fratelli musulmani frenano su eventuali derive estremiste. Essi chiedono accordi più rispettosi nei confronti degli egiziani e maggiore sicurezza per i beduini del Sinai vittime dell'estremismo religioso e di bande criminali.

    14/12/2012 EGITTO
    Patriarca copto e le Chiese cristiane invitano a partecipare al referendum
    La conferma è giunta ieri sera dal Patriarca copto ortodosso Tawadros II. I fedeli saranno liberi di votare a favore o contro la bozza costituzionale, seguendo la propria coscienza. Il portavoce della Chiesa cattolica egiziana prevede una crescita del fronte del 'no' alla costituzione islamista, che non potrà essere ignorato.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®