28 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/09/2012, 00.00

    INDONESIA

    Elezioni a Jakarta: vince la coppia sfidante, il vice è cristiano di etnia cinese

    Mathias Hariyadi

    Secondo gli exit-poll, al ballottaggio si conferma il successo (col 53% delle preferenze) della coppia Jokowi-Ahok. Analisti ed esperti parlano di vittoria “storica”, che avrà un riflesso anche nel panorama politico nazionale. La campagna elettorale caratterizzata da attacchi personali contro il candidato cristiano.

    Jakarta (AsiaNews) - Manca ancora l'ufficialità ma secondo gli exit-poll dei principali media e i primi risultati delle elezioni governative a Jakarta, saranno Joko Widodo e il suo vice Basuki Tjahaja Purnawa a reggere le sorti della capitale indonesiana a partire dal 7 ottobre prossimo. Ieri si è votato per rinnovare i vertici istituzionali e i cittadini sembrano aver premiato la coppia sfidante, vittima nelle scorse settimane di una campagna diffamatoria a sfondo etnico e confessionale (cfr. AsiaNews 27/08/2012 Elezioni a Jakarta. Campagna contro un candidato cinese e cristiano), mirata a garantire la conferma del governatore uscente Fauzi "Foke" Bowo, sostenuto dalla frangia musulmana.

    Jakarta è da sempre considerata una sorta di laboratorio in miniatura del panorama politico indonesiano; per questo la probabile vittoria del duo Jokowi-Ahok avrà un risvolto significativo nel contesto nazionale tra i maggiori partiti, in vista delle elezioni presidenziali del 2014. Al primo turno, svolto l'11 luglio scorso, la coppia sfidante ha vinto a sorpresa col 42,6% dei voti, mentre Bowo si è fermato al 34,05%. In base ai primi risultati filtrati, al ballottaggio si è confermato il risultato del primo turno con il duo Jokowi-Ahok vincitori col 53% delle preferenze.

    Analisti ed esperti di politica indonesiana parlano di vittoria "storica", che porterà ai vertici amministrativi della capitale dei leader "popolari", di etnia e religione diversa dalla stragrande maggioranza dei cittadini. Joko Widodo è il governatore uscente di Solo, nello Java centrale, è un musulmano praticante e di orientamento liberale. Il suo vice Basuki Tjahaja Purnawa è un cristiano, nativo del Sud Sumatra.

    Jokowi ha ricevuto riconoscimenti e attestati di stima per il lavoro svolto a Solo, dove negli ultimi sette anni ha ricoperto la carica di sindaco. A sostenerlo nella battaglia politica il vice cristiano, attivo a Solo negli ambienti parrocchiali in qualità di diacono laico. Egli ha spesso aiutato il sacerdote durante la messa nella distribuzione della comunione, oppure visitando anziani e ammalati impartendo loro l'eucaristia quando il prete era impegnato altrove.

    L'intera campagna elettorale per la carica di governatore a Jakarta è stata caratterizzata da attacchi personali contro Basuki Tjahaja Purnama perché discendente di etnia cinese - è nato a Solo, nello Java centrale - e di religione cristiana. Articoli e slogan diffamatori hanno rischiato di acuire lo scontro interconfessionale e dare nuovo impulso alle tensioni fra gruppi religiosi. Già in passato, infatti, la maggioranza musulmana si è scagliata contro la minoranza etnica cinese - di fede cristiana o buddista - come nel maggio del 1998, all'epoca della dittatura di Suharto, quando migliaia di persone sono state attaccate e colpite con violenza inaudita e brutale. Assalti che si sono ripetuti nel tempo e che testimoniano la "fragilità" del tessuto sociale indonesiano, il Paese musulmano più popoloso al mondo.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/04/2017 14:42:00 INDONESIA
    Jakarta, dal pm richiesta di condanna “lieve” nel processo per blasfemia contro Ahok

    L’accusa chiede due anni di libertà vigilata e un anno di carcere in caso di recidiva. Il massimo della pena prevista per il reato è di cinque anni. Proteste della frangia estremista islamica per la clemenza dei giudici. Il pm ha riconosciuto il “grande lavoro” svolto dal governatore uscente per la capitale.

     



    01/10/2012 INDONESIA
    Jakarta: un musulmano e un cristiano al governatorato. Islamisti all’attacco
    Dal 7 ottobre Jokowi e il suo vice Ahok saranno chiamati ad amministrare la capitale. Analisti ed esperti parlano di svolta “storica”. Ma la frangia estremista parte all’attacco e parla di “brutto colpo” e “macchia infamante” per l’intera nazione. Gli islamisti ipotizzano una “immoralità” diffusa che toccherà tutti gli abitanti.

    24/09/2016 08:52:00 INDONESIA
    Jakarta, il governatore cristiano “nemico comune” degli islamici per le prossime elezioni

    Aperta la campagna per le elezioni del luglio 2017, da cui uscirà il nuovo governatore della capitale. Si ricandida Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama, cristiano di etnia cinese, che ha l’appoggio del secondo maggiore partito a livello nazionale. Egli è avversato da numerosi esponenti dei partiti radicali islamici per la sua fede e per la lotta alla corruzione da lui promossa.

     



    13/03/2017 12:51:00 INDONESIA
    Negati i funerali per i musulmani sostenitori del governatore cristiano

    In diverse moschee di Jakarta esposti striscioni e manifesti. La polizia apre un’inchiesta. Il ministro degli Affari religiosi esprime la sua preoccupazione: “Inviti del genere non sono islamici”. La campagna elettorale è segnata dagli atti di intolleranza degli islamisti nei confronti di Ahok e dei suoi sostenitori. Aumentano le tensioni in vista della prossima tornata elettorale in aprile. Le reazioni dei musulmani moderati.



    19/11/2014 INDONESIA
    Ahok, cristiano di etnia cinese, primo non musulmano alla guida di Jakarta. Ira islamista
    Oggi al Palazzo presidenziale Basuki Tjahaja Purnama ha giurato nelle mani del presidente - e predecessore - Jokowi. Uno strappo al protocollo, secondo cui la cerimonia si deve tenere al ministero degli Interni. Gruppi estremisti chiedono la cacciata del neo governatore. Migliaia di poliziotti a garantire la sicurezza.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®