27 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/07/2012, 00.00

    MONGOLIA

    Enkh-Baatar, il primo "chiamato" nelle steppe della Mongolia

    Joseph Yun Li-sun

    Il giovane, battezzato come Giuseppe, è il primo mongolo a entrare in un seminario. E la Chiesa locale, che domani festeggia i suoi primi 20 anni, inizia ad aprirsi alle vocazioni ma con lo scopo, prima di tutto, di costruire una struttura diocesana interna: “Io mi vedo come un sacerdote della mia gente. La Mongolia ha bisogno di Cristo”.

    Ulaanbaatar (AsiaNews) - Enkh-Baatar è il primo cattolico mongolo a entrare in un seminario. Ma la Chiesa locale, che domani festeggia i suoi primi 20 anni di vita, non è ancora in grado di promuovere le vocazioni in maniera attiva. Secondo mons. Wenceslao Padilla, prefetto apostolico di Ulaanbaatar, "è troppo presto per iniziare un'attività vocazionale. Questi giovani devono ancora vivere in maniera profonda la propria fede e imparare a conoscere Cristo".

    Tuttavia Enkh-Baatar, battezzato con il nome di Giuseppe, fa eccezione. Ha dovuto lasciare il Paese lo scorso 28 agosto per Daejeon, in Corea del Sud, dove prima ha studiato per 6 mesi il coreano e poi è entrato nel seminario locale. Il vescovo, mons. Lazzaro You, è molto orgoglioso di questa ospitalità.

    Prima di entrare in seminario, Giuseppe - parrocchiano della cattedrale dei santi Pietro e Paolo nella capitale mongola - si è laureto in biochimica all'Università internazionale della Mongolia, un istituto retto dai protestanti coreani. All'inizio, questa scelta non lo appassionava: "Volevo entrare in seminario subito dopo le scuole, ma la mia famiglia e gli altri cattolici, compreso il vescovo, mi hanno sconsigliato".

    Questa decisione ha portato i suoi frutti: "Sono stati molto saggi. Conoscere la scienza mi ha fatto capire meglio la creazione di Dio". Subito dopo la laurea, mons. Padilla ha approvato la sua richiesta di divenire sacerdote. Il vescovo spiega che, anche se non sono tutti in procinto di entrare in seminario, molti altri giovani mongoli vivono con profondità la propria fede.

    Per il missionario filippino, però, "vanno incoraggiate le vocazioni alla vita diocesana, non congregazionale. Tutte le 9 congregazioni religiose presenti in Mongolia possono aiutare questi giovani, ma il nostro primo compito è quello di costruire la Chiesa locale".

    Giuseppe è d'accordo: "Se entro in una congregazione, loro potrebbero mandarmi in un qualunque Paese del mondo. Invece io mi vedo come un sacerdote nella mia terra: sono sicuro che la Mongolia ha bisogno di questo, anche perché oggi tutti i religiosi presenti qui sono stranieri".  

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/12/2014 COREA - MONGOLIA
    Corea, cattolici in festa per l'ordinazione del primo diacono della Mongolia
    La celebrazione avverrà domani nella cattedrale di Daejeon, dove Giuseppe Enkh-Baatar ha frequentato il seminario. Mons. Lazzaro You Heung-sik ordinerà anche altri sette giovani sudcoreani. La consacrazione "aiuterà ancora di più il piccolo gregge che vive nelle steppe".

    14/09/2006 VIETNAM
    Xuan Loc, il governo permette la costruzione della nuova ala del seminario S. Giuseppe

    La Chiesa aveva chiesto da anni di poter aprire uno spazio dove ospitare il gran numero di giovani che ogni anno chiedono di divenire sacerdoti. La decisione presa in vista del prossimo ingresso del Vietnam nell'Organizzazione mondiale del commercio.



    06/07/2010 CINA
    Uccisi un prete e una suora della diocesi sotterranea di Ningxia
    I due religiosi lavoravano in una casa di riposo nel distretto di Wuda a Wuhai, principale città della Mongolia interna. Il personale dell’ospizio ha trovato i loro corpi questa mattina intorno alle 6,30 in un lago di sangue. Resta ignota la ragione dell’omicidio e l’identità dell’’assassino.

    29/08/2016 10:14:00 MONGOLIA
    La prima messa di don Giuseppe Enkh-Baatar: Un dono di Dio (FOTO)

    Ordinato ieri, il primo sacerdote mongolo ha celebrato oggi la sua prima messa. La gioia della madre e l’orgoglio dei suoi fedeli. Leader buddista: “Abbiamo ottimi rapporti con i cattolici, impariamo da loro come loro imparano da noi”. Oltre 1.500 tra fedeli e ospiti festeggiano l’evento.



    18/06/2014 INDONESIA

    I cattolici indonesiani celebrano Gotaus, movimento laico a sostegno dei seminari minori
    Obiettivo del gruppo è raccogliere denaro e fondi per finanziare le attività di base e la vita. A giugno esso festeggia i 13 anni di attività; la sua opera essenziale per la vita dei seminari e la formazione degli alunni. Vescovo indonesiano: l’opera di Gotaus è “testimonianza” fondamentale di fede verso gli altri.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®