29 Gennaio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/07/2012
MONGOLIA
Enkh-Baatar, il primo "chiamato" nelle steppe della Mongolia
di Joseph Yun Li-sun
Il giovane, battezzato come Giuseppe, è il primo mongolo a entrare in un seminario. E la Chiesa locale, che domani festeggia i suoi primi 20 anni, inizia ad aprirsi alle vocazioni ma con lo scopo, prima di tutto, di costruire una struttura diocesana interna: “Io mi vedo come un sacerdote della mia gente. La Mongolia ha bisogno di Cristo”.

Ulaanbaatar (AsiaNews) - Enkh-Baatar è il primo cattolico mongolo a entrare in un seminario. Ma la Chiesa locale, che domani festeggia i suoi primi 20 anni di vita, non è ancora in grado di promuovere le vocazioni in maniera attiva. Secondo mons. Wenceslao Padilla, prefetto apostolico di Ulaanbaatar, "è troppo presto per iniziare un'attività vocazionale. Questi giovani devono ancora vivere in maniera profonda la propria fede e imparare a conoscere Cristo".

Tuttavia Enkh-Baatar, battezzato con il nome di Giuseppe, fa eccezione. Ha dovuto lasciare il Paese lo scorso 28 agosto per Daejeon, in Corea del Sud, dove prima ha studiato per 6 mesi il coreano e poi è entrato nel seminario locale. Il vescovo, mons. Lazzaro You, è molto orgoglioso di questa ospitalità.

Prima di entrare in seminario, Giuseppe - parrocchiano della cattedrale dei santi Pietro e Paolo nella capitale mongola - si è laureto in biochimica all'Università internazionale della Mongolia, un istituto retto dai protestanti coreani. All'inizio, questa scelta non lo appassionava: "Volevo entrare in seminario subito dopo le scuole, ma la mia famiglia e gli altri cattolici, compreso il vescovo, mi hanno sconsigliato".

Questa decisione ha portato i suoi frutti: "Sono stati molto saggi. Conoscere la scienza mi ha fatto capire meglio la creazione di Dio". Subito dopo la laurea, mons. Padilla ha approvato la sua richiesta di divenire sacerdote. Il vescovo spiega che, anche se non sono tutti in procinto di entrare in seminario, molti altri giovani mongoli vivono con profondità la propria fede.

Per il missionario filippino, però, "vanno incoraggiate le vocazioni alla vita diocesana, non congregazionale. Tutte le 9 congregazioni religiose presenti in Mongolia possono aiutare questi giovani, ma il nostro primo compito è quello di costruire la Chiesa locale".

Giuseppe è d'accordo: "Se entro in una congregazione, loro potrebbero mandarmi in un qualunque Paese del mondo. Invece io mi vedo come un sacerdote nella mia terra: sono sicuro che la Mongolia ha bisogno di questo, anche perché oggi tutti i religiosi presenti qui sono stranieri".  

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/12/2014 COREA - MONGOLIA
Corea, cattolici in festa per l'ordinazione del primo diacono della Mongolia
14/09/2006 VIETNAM
Xuan Loc, il governo permette la costruzione della nuova ala del seminario S. Giuseppe
di Nguyen Van Tranh
06/07/2010 CINA
Uccisi un prete e una suora della diocesi sotterranea di Ningxia
di Zhen Yuan
18/06/2014 INDONESIA

I cattolici indonesiani celebrano Gotaus, movimento laico a sostegno dei seminari minori
di Mathias Hariyadi

20/07/2013 INDONESIA
Padang, un seminario per mettere a confronto la Chiesa locale
di Mathias Hariyadi

In evidenza
IRAQ
I bambini di Mosul e il futuro: il campo profughi "a cinque stelle"
di Bernardo CervelleraNel giardino della parrocchia di Mar Elia accanto alle tende ci sono container che servono da aule per i ragazzi e da biblioteca. Un altro serve da stanza per il ricamo. Un coro di bambini. P. Douglas: "preoccuparsi dei profughi non significa solo pensare al mangiare, al bere, alle medicine, le iniezioni, le vaccinazioni... Le persone rifugiate hanno bisogno di fare qualcosa e di coltivare la speranza".
IRAQ
Via Crucis: i profughi di Mosul oltre l'emergenza
di Bernardo CervelleraSono almeno mezzo milione le persone che si sono rifugiate in Kurdistan per sfuggire all'ISIS. Nello Shlama Mall a Erbil: 350 persone vivono nello scheletro di un edificio in costruzione, con panni stesi e coperte a fare da pareti. L'ordinazione sacerdotale di un giovane, anch'egli profugo dimostra che con la fuga, c'è qualcosa che non è stato distrutto: la fede, le tradizioni, il sacerdozio.
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate