26 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/08/2012, 00.00

    TURCHIA - SIRIA

    Erdogan, l'incubo curdo e la fine di Assad

    NAT da Polis

    Mentre si sbriciola il regime di Assad, al nord della Siria sta nascendo una zona autonoma kurda, in buoni rapporti con il PKK. Erdogan, divenuto nemico di Assad, teme la nascita di uno Stato kurdo, amico dei "terroristi". Per la Turchia è venuto il momento di rispondere coi fatti alle esigenze delle minoranze.

    Istanbul (AsiaNews) - I duri scontri che si riscontrano ogni giorno in Siria, in particolare ad Aleppo, mostrano che una definitiva resa dei conti è in arrivo nella lotta fra il regime di Assad e gli insorti, sostenuti dai loro alleati esterni.

    Mentre le   grandi potenze continuano a scambiarsi  reciproche accuse  per lo svolgersi  e il precipitare degli avvenimenti, al nord della Siria sta per compiersi un dato di fatto:  la nascita in quei territori di una zona autonoma kurda, a ridosso dei  confini tra  Turchia ed  Iraq del nord. Con il tacito accordo di Assad, tali territori sono proprio passati sotto lo  stretto controllo  della popolazione kurda della Siria.

    In questo modo Assad punisce con un duro colpo il voltagabbana di Ankara. In proposito, va ricordato che in passato Ankara ha appoggiato il regime di Assad (v. foto). Tre anni fa la Turchia  aveva fatto da intermediario tra Damasco e Israele; ora, invece, essa offre pieno appoggio agli insorti.

    Questo fatto di grande rilevanza non fa certo dormire sogni tranquilli  ai  governanti  di Ankara, per i quali  il precipitare della crisi siriana  sta diventando un vero e proprio incubo: i kurdi della Siria infatti, sono in buoni rapporti con quelli del PKK. Si comprende allora l'ira di Erdogan, quando proclama ai quattro venti  "Non permetterò a organizzazioni terroristiche di creare e  stabilire campi militari al nord della Siria!".

    Al fine di evitare  l'alleanza del PKK con i kurdi siriani, Ankara sta sviluppando relazioni con Masud Barzani, presidente del Kurdistan irakeno, ma le cose divengono sempre più complicate e di difficile concertazione.

    Ankara inizia a  percepire  che, comunque le cose vadano a finire, che prevalgano i  sunniti  o che prosegua la guerra civile,  a ridosso del ventre più molle del proprio territorio, sta di fatto nascendo  una nuova zona  autonoma kurda. Il tentativo disperato è di evitare  l 'alleanza  delle varie componenti  kurde. 

    La crisi siriana ha portato in evidenza  anche la fragilità della tanto esaltata politica neo-ottomana di Erdogan e di Davutoglu, suo ministro degli esteri. che veniva indicata come fattore di stabilità in quell' area del mondo e come modello da imitare .

    Negli ambienti diplomatici  di Istanbul si fa notare che la politica di Erdogan,  da sempre poco convinta   e decisa  nel riconoscere i  diritti delle minoranze, rischia ora  di vedere  nel sud del proprio Paese,  la nascita di uno Stato autonomo della  numerosa minoranza  kurda, con il  rischio conseguente della piena autonomia di una popolazione di 15 milioni di persone e forse addirittura della scissione.

    Ricordando anche che in passato le minoranze non musulmane sono state epurate in vari modi, gli ambienti diplomatici consigliano a Erdogan di passare dalle parole ai fatti e trovare un modo di integrare tutte le minoranze. Insomma: è finito il tempo delle prediche  e delle parole altisonanti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/09/2012 TURCHIA - SIRIA
    Scontri fra kurdi e turchi sul confine siriano; 30 morti
    L'attacco avvenuto nella provincia di Sirnak a circa 100 km da Aleppo. I guerriglieri hanno condotto l'assalto con mitragliatrici pesanti, granate e lanciarazzi. Il governo turco accusa i regimi di Damasco e Teheran di fomentare i separatisti per mantenere il caos nella regione.

    21/08/2012 TURCHIA - SIRIA
    L'ombra dei kurdi e della Siria nell'attentato a Gaziantep
    Le vittime sono dei passanti e un bambino. Di solito gli attacchi del Pkk mirano alle forze militari turche. La zona è vicina alla frontiera turco-siriana, divenuta terra di rifugio per i profughi che fuggono dalla guerra in Siria.

    04/12/2012 TURCHIA - SIRIA
    Missili turchi e minacce Usa contro le armi chimiche siriane
    Ankara chiede alla Nato lo spiegamento dei missili Patriot; Obama avverte Damasco di non fare "il tragico errore" di usare armi chimiche. Ma la Siria continua a dire che essa non li userà mai contro il suo popolo. Onu e Unione europea riducono al minimo il personale negli uffici di Damasco. Israele vorrebbe bombardare i magazzini di armi chimiche siriane.

    02/04/2012 TURCHIA -SIRIA
    Dai Paesi del Golfo cento milioni di dollari ai ribelli per cacciare Assad
    Serviranno per i salari dei combattenti. L'Arabia saudita vorrebbe armarli, ma si teme una guerra civile a tutto campo. Gli Usa sosterranno i ribelli con aiuti umanitari e con strumenti di comunicazione. All'incontro di Istanbul assenti i sostenitori di Assad: Cina, Russia, Iran. L'opposizione divisa.

    16/09/2011 SIRIA
    L’opposizione siriana crea un “Consiglio nazionale” per abbattere Assad
    L’embrione della futura Assemblea nazionale è nato in Turchia, dove tutti i gruppi di opposizione, dai Fratelli musulmani alla sinistra, si sono accordati per scegliere 140 membri del Consiglio. Resi noti i nomi di soli 72 membri: gli altri sono ancora in Siria. Usa e Francia favorevoli all’iniziativa.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®