1 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/08/2012
TURCHIA - SIRIA
Erdogan, l'incubo curdo e la fine di Assad
di NAT da Polis
Mentre si sbriciola il regime di Assad, al nord della Siria sta nascendo una zona autonoma kurda, in buoni rapporti con il PKK. Erdogan, divenuto nemico di Assad, teme la nascita di uno Stato kurdo, amico dei "terroristi". Per la Turchia è venuto il momento di rispondere coi fatti alle esigenze delle minoranze.

Istanbul (AsiaNews) - I duri scontri che si riscontrano ogni giorno in Siria, in particolare ad Aleppo, mostrano che una definitiva resa dei conti è in arrivo nella lotta fra il regime di Assad e gli insorti, sostenuti dai loro alleati esterni.

Mentre le   grandi potenze continuano a scambiarsi  reciproche accuse  per lo svolgersi  e il precipitare degli avvenimenti, al nord della Siria sta per compiersi un dato di fatto:  la nascita in quei territori di una zona autonoma kurda, a ridosso dei  confini tra  Turchia ed  Iraq del nord. Con il tacito accordo di Assad, tali territori sono proprio passati sotto lo  stretto controllo  della popolazione kurda della Siria.

In questo modo Assad punisce con un duro colpo il voltagabbana di Ankara. In proposito, va ricordato che in passato Ankara ha appoggiato il regime di Assad (v. foto). Tre anni fa la Turchia  aveva fatto da intermediario tra Damasco e Israele; ora, invece, essa offre pieno appoggio agli insorti.

Questo fatto di grande rilevanza non fa certo dormire sogni tranquilli  ai  governanti  di Ankara, per i quali  il precipitare della crisi siriana  sta diventando un vero e proprio incubo: i kurdi della Siria infatti, sono in buoni rapporti con quelli del PKK. Si comprende allora l'ira di Erdogan, quando proclama ai quattro venti  "Non permetterò a organizzazioni terroristiche di creare e  stabilire campi militari al nord della Siria!".

Al fine di evitare  l'alleanza del PKK con i kurdi siriani, Ankara sta sviluppando relazioni con Masud Barzani, presidente del Kurdistan irakeno, ma le cose divengono sempre più complicate e di difficile concertazione.

Ankara inizia a  percepire  che, comunque le cose vadano a finire, che prevalgano i  sunniti  o che prosegua la guerra civile,  a ridosso del ventre più molle del proprio territorio, sta di fatto nascendo  una nuova zona  autonoma kurda. Il tentativo disperato è di evitare  l 'alleanza  delle varie componenti  kurde. 

La crisi siriana ha portato in evidenza  anche la fragilità della tanto esaltata politica neo-ottomana di Erdogan e di Davutoglu, suo ministro degli esteri. che veniva indicata come fattore di stabilità in quell' area del mondo e come modello da imitare .

Negli ambienti diplomatici  di Istanbul si fa notare che la politica di Erdogan,  da sempre poco convinta   e decisa  nel riconoscere i  diritti delle minoranze, rischia ora  di vedere  nel sud del proprio Paese,  la nascita di uno Stato autonomo della  numerosa minoranza  kurda, con il  rischio conseguente della piena autonomia di una popolazione di 15 milioni di persone e forse addirittura della scissione.

Ricordando anche che in passato le minoranze non musulmane sono state epurate in vari modi, gli ambienti diplomatici consigliano a Erdogan di passare dalle parole ai fatti e trovare un modo di integrare tutte le minoranze. Insomma: è finito il tempo delle prediche  e delle parole altisonanti.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/09/2012 TURCHIA - SIRIA
Scontri fra kurdi e turchi sul confine siriano; 30 morti
21/08/2012 TURCHIA - SIRIA
L'ombra dei kurdi e della Siria nell'attentato a Gaziantep
di NAT da Polis
04/12/2012 TURCHIA - SIRIA
Missili turchi e minacce Usa contro le armi chimiche siriane
02/04/2012 TURCHIA -SIRIA
Dai Paesi del Golfo cento milioni di dollari ai ribelli per cacciare Assad
16/09/2011 SIRIA
L’opposizione siriana crea un “Consiglio nazionale” per abbattere Assad

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate