26 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/08/2012
TURCHIA - SIRIA
Erdogan, l'incubo curdo e la fine di Assad
di NAT da Polis
Mentre si sbriciola il regime di Assad, al nord della Siria sta nascendo una zona autonoma kurda, in buoni rapporti con il PKK. Erdogan, divenuto nemico di Assad, teme la nascita di uno Stato kurdo, amico dei "terroristi". Per la Turchia è venuto il momento di rispondere coi fatti alle esigenze delle minoranze.

Istanbul (AsiaNews) - I duri scontri che si riscontrano ogni giorno in Siria, in particolare ad Aleppo, mostrano che una definitiva resa dei conti è in arrivo nella lotta fra il regime di Assad e gli insorti, sostenuti dai loro alleati esterni.

Mentre le   grandi potenze continuano a scambiarsi  reciproche accuse  per lo svolgersi  e il precipitare degli avvenimenti, al nord della Siria sta per compiersi un dato di fatto:  la nascita in quei territori di una zona autonoma kurda, a ridosso dei  confini tra  Turchia ed  Iraq del nord. Con il tacito accordo di Assad, tali territori sono proprio passati sotto lo  stretto controllo  della popolazione kurda della Siria.

In questo modo Assad punisce con un duro colpo il voltagabbana di Ankara. In proposito, va ricordato che in passato Ankara ha appoggiato il regime di Assad (v. foto). Tre anni fa la Turchia  aveva fatto da intermediario tra Damasco e Israele; ora, invece, essa offre pieno appoggio agli insorti.

Questo fatto di grande rilevanza non fa certo dormire sogni tranquilli  ai  governanti  di Ankara, per i quali  il precipitare della crisi siriana  sta diventando un vero e proprio incubo: i kurdi della Siria infatti, sono in buoni rapporti con quelli del PKK. Si comprende allora l'ira di Erdogan, quando proclama ai quattro venti  "Non permetterò a organizzazioni terroristiche di creare e  stabilire campi militari al nord della Siria!".

Al fine di evitare  l'alleanza del PKK con i kurdi siriani, Ankara sta sviluppando relazioni con Masud Barzani, presidente del Kurdistan irakeno, ma le cose divengono sempre più complicate e di difficile concertazione.

Ankara inizia a  percepire  che, comunque le cose vadano a finire, che prevalgano i  sunniti  o che prosegua la guerra civile,  a ridosso del ventre più molle del proprio territorio, sta di fatto nascendo  una nuova zona  autonoma kurda. Il tentativo disperato è di evitare  l 'alleanza  delle varie componenti  kurde. 

La crisi siriana ha portato in evidenza  anche la fragilità della tanto esaltata politica neo-ottomana di Erdogan e di Davutoglu, suo ministro degli esteri. che veniva indicata come fattore di stabilità in quell' area del mondo e come modello da imitare .

Negli ambienti diplomatici  di Istanbul si fa notare che la politica di Erdogan,  da sempre poco convinta   e decisa  nel riconoscere i  diritti delle minoranze, rischia ora  di vedere  nel sud del proprio Paese,  la nascita di uno Stato autonomo della  numerosa minoranza  kurda, con il  rischio conseguente della piena autonomia di una popolazione di 15 milioni di persone e forse addirittura della scissione.

Ricordando anche che in passato le minoranze non musulmane sono state epurate in vari modi, gli ambienti diplomatici consigliano a Erdogan di passare dalle parole ai fatti e trovare un modo di integrare tutte le minoranze. Insomma: è finito il tempo delle prediche  e delle parole altisonanti.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/09/2012 TURCHIA - SIRIA
Scontri fra kurdi e turchi sul confine siriano; 30 morti
21/08/2012 TURCHIA - SIRIA
L'ombra dei kurdi e della Siria nell'attentato a Gaziantep
di NAT da Polis
04/12/2012 TURCHIA - SIRIA
Missili turchi e minacce Usa contro le armi chimiche siriane
02/04/2012 TURCHIA -SIRIA
Dai Paesi del Golfo cento milioni di dollari ai ribelli per cacciare Assad
16/09/2011 SIRIA
L’opposizione siriana crea un “Consiglio nazionale” per abbattere Assad

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate