24 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/09/2017, 11.34

    TURCHIA

    Erdogan impone il silenzio anche fuori dei confini turchi

    Pierre Balanian

    Attraverso l’Interpol e la lotta al terrorismo, il presidente turco riesce a far arrestare giornalisti esuli in Germania o in Svezia. Accusati di “terrorismo” perché criticano Erdogan, o pubblicano articoli sul Genocidio armeno o sui curdi.

    Beirut (AsiaNews) - Nel numero di giornalisti detenuti in Turchia - ormai salito a 133 - bisogna aggiungere anche un giovane studente francese, Loup Bureau, 27 anni, che lavora come free-lance per un’emittente televisiva francese. Originario di Nantes, il giovane ha commesso il “crimine” di scattare dei selfies con alcuni peshmerga curdi. Nemmeno la telefonata del presidente francese Emmanuel Macron è servita a farlo liberare.

    Oltre ai giornalisti arrestati in Turchia, d’ora innanzi ci si dovrà abituare anche a vedere arrestati ed estradati giornalisti o intellettuali di origine turca, cittadini di Paesi europei o ivi residenti. È questa la nuova arma usata dal governo turco per tappare le bocche alle critiche fuori del paese. Il suo strumento è l’Interpol e la ormai tanto abusata legge dell’anti- terrorismo.

    È il caso di Dogan Akhanli, con doppia cittadinanza tedesca e turca, che vive in Germania ormai da 40 anni. Mentre si trovava in Spagna per le vacanze, la polizia spagnola lo ha tratto in arresto sull’uscio dell’albergo dove alloggiava. Egli è stato arrestato dalla polizia iberica su richiesta dell’Interpol turco. Portato a Madrid, il ministero spagnolo della Giustizia è in attesa che il tribunale di Ankara invii il fascicolo per l’estradizione. La colpa di Dogan Akhanli è una delle più severe: per il suo governo è un traditore dal momento che ha scritto libri sul Genocidio armeno, e peggio ancora ha pubblicato saggi sul diritto dei curdi. Da qui l’accusa di sostenere il terrorismo.

    Sempre in Spagna, questa volta a Barcellona, la stessa sorte è accaduta ad un turco che si credeva cittadino svedese. Il suo nome è Hamza Yalcin, anch’egli soggetto a una ricerca attraverso l’interpol emanata dai tribunali turchi. Agli occhi degli agenti che lo trattengono in attesa del fascicolo della rogatoria per l’estradizione in Turchia, questo giornalista 60enne, venuto in vacanza a Barcellona ed arrestato all’aeroporto, in nome della lotta internazionale al terrorismo, è accusato di aver insultato il presidente Erdogan su internet. Il punto è che questo giornalista in esilio ha espresso le sue idee liberamente dalla Svezia in rete. Ma nel suo Paese di origine, la Turchia, questa “libertà” è un reato che potrebbe costargli 22 anni di carcere, ossia, data la sua età, il carcere a vita.

    Una volta imposto il terrore all’interno del Paese coll’arresto di giornalisti illustri e popolari, ora la Turcia tenta di imporre il silenzio con la paura anche fra i cittadini europei di origine turca o fra gli immigrati che siano curdi o turchi. Se contrari al Partito al potere ed alla persona del presidente Erdogan, rischiano l’estradizione per “terrorismo”. Non possiamo che ricordare le famose parole di Lenin: “Il carcere è una buona scuola”. Inviarvi giornalisti e pensatori che si oppongono, insegnerà a tutti gli altri le virtù del silenzio.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/04/2016 11:10:00 TURCHIA
    Parlamento turco: fischi e rimbrotti verso il deputato armeno che ricorda il genocidio

    Garo Paylan ricorda l’anniversario del genocidio domandando un’inchiesta sull’uccisione di alcuni parlamentari armeni nel 1915. Esposte le loro foto nella sala dell’Assemblea. In Turchia parlare di “genocidio armeno” comporta la condanna fino a tre anni di prigione.



    14/03/2016 08:34:00 TURCHIA
    Ancora nessuna rivendicazione per l’attentato di Ankara. Il governo sospetta i curdi

    Fra i più probabili esecutori vi è il gruppo dei Tak, i Falchi alati per la libertà del Kurdistan, un ramo ancora più radicale del Pkk. Dubbi sul ruolo geopolitico  della Turchia nello scacchiere medio-orientale. La grande popolarità di Erdogan.



    05/04/2016 12:20:00 TURCHIA
    Grazie a Erdogan, la Turchia è sull’orlo del baratro

    Il presidente turco non vuole ricevere “lezioni di democrazia” da nessuno. Intanto nel Paese si arrestano giornalisti, si accusano di terrorismo parlamentari e studiosi. Fino a pochi anni fa Erdogan sembrava volesse entrare nell’Unione europea, accogliendo rispetto per i diritti umani e per le minoranze religiose. Ora sembra più andare verso una quasi dittatura.



    21/03/2016 08:32:00 TURCHIA
    L’attentato di Istanbul attribuito ai jihadisti

    Nel timore di nuovi attacchi, cancellato il match fra Galatasaray e Fenerbahçe. Proibite le feste per Nouruz, il capodanno kurdo. Israele raccomanda ai suoi connazionali di non andare in Turchia. L’attentatore sarebbe un giovane turco dello Stato islamico che ha combattuto in Siria. Fermati altri cinque sospetti.



    26/02/2016 08:42:00 TURCHIA
    Due giornalisti turchi liberati per decisione della Corte costituzionale

    Il direttore e il capo-redattore di Cumhuriyet avevano pubblicato un reportage sul traffico di armi del governo turco con gli islamisti in Siria. Erdogan li aveva minacciati che avrebbero “pagato un caro prezzo”. Più di 30 giornalisti sono ancora in prigione. La Turchia gli ultimi posti nel mondo per libertà di stampa.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Lettera per i 100 anni della Maximum Illud sull’attività svolta dai missionari nel mondo



    Per l’ottobre 2019, papa Francesco lancia un Mese Missionario Straordinario per risvegliare l’impegno della missione ad gentes e per trasformare in modo missionario la pastorale ordinaria, sfuggendo alla stanchezza, al formalismo e all’autopreservazione. Il “compito imprescindibile della missione ad gentes da Benedetto XV al Concilio Vaticano II, a papa Giovanni Paolo II, fino all’Evangelii Gaudium.


    CINA-VATICANO
    Wang Zuoan: Papa Francesco è sincero, ma deve sottostare a due condizioni

    Li Yuan

    In un’intervista alla Commercial Radio, il direttore dell’Amministrazione statale per gli affari religiosi ribadisce l’urgenza di tagliare i rapporti con Taiwan e di non interferire negli affari interni della Cina, nemmeno quelli religiosi. Grandi elogi al discorso di Xi Jinping da parte dei due vescovi ospiti del Congresso del Partito, Fang Xinyao e Ma Yinglin. “Falsi pastori, ma reali schiavi”. I timori di un cattolico sotterraneo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®