07/04/2017, 10.56
TURCHIA-ISLAM
Invia ad un amico

Erdogan si prepara a pregare in Santa Sofia il prossimo Venerdì Santo

di NAT da Polis

Il presidente pregherà insieme ai membri del suo partito e ai capi religiosi di Istanbul. Il gesto avviene a due giorni dal referendum, per raccogliere il più possibile il voto dei musulmani. Bocciata la trasformazione in museo dell’antica basilica cristiana. Erdogan: il kemalismo è morto.

Istanbul (AsiaNews) -  Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan si sta preparando per andare a pregare venerdì prossimo 14 Aprile  a  Santa Sofia di Costantinopoli, la chiesa  dichiarata Museo dal padre della Turchia Repubblicana  Kemal Ataturk nel 1934. Erdogan non sarà solo: sarà accompagnato dai rappresentanti  del suo partito Akp (di estrazione musulmana) e dai capi religiosi di Istanbul. Secondo il calendario cristiano venerdì prossimo è il Venerdì Santo e capita  proprio  due giorni prima del referendum del 16 Aprile, fortemente voluto da Erdogan, per instaurare in Turchia una presidenza assolutista, di ispirazione neottomana e islamica.

Con questo suo atto Erdogan, ormai definito il “nuovo sultano” per il suo integralismo politico, cerca di convogliare  a favore del Si (“Evet”) il voto di tutti i fedeli mussulmani nella tornata del 16 Aprile. Secondo il calendario musulmano il mese quello di aprile (Nisan) è il mese della  nascita di Maometto.

La notizia emerge dai giornali filogovernativi, che presentando  il libro dello storico turco  Mustafa Armagan - intitolato  “Gli intrighi di Santa Sofia”(Aya Sofia Entrikalari) - cercano di creare e preparare  il clima adatto per la preghiera, come volontà del presidente turco. Nel libro si sostiene che il decreto  firmato da  Kemal Ataturk nel 1934 con il quale si era  trasformata Santa Sofia da moschea in museo, non è autentico. Secondo Armagan, la firma di Kemal Ataturk riportata sul decreto è falsa. Pertanto quell’atto non ha alcun valore legale e di conseguenza Santa Sofia rimane di fatto adibita a moschea, come era avvenuto in seguito alla conquista turca di Costantinopoli nel 1453.

Per la storia Santa Sofia  fu costruita nel 537 dall’imperatore Giustiniano e dedicata alla Sapienza di Dio.

Per giustificare le sue considerazioni, lo storico turco riferisce che la firma di Kemal Aturk posta sul decreto 1934  con il quale si era  trasformata  Santa Sofia da moschea in museo, non assomiglia a nessuna tipo di firma  che il padre della Turchia repubblicana era solito usare per firmari i prori atti.

Nel libro si citano varie fonti dalle quali si deduce che, secondo l’autore, la trasformazione di Santa Sofia da moschea in museo,  è stato il frutto di  pressioni di varie  forze internazionali occidentali, facenti capo all’allora ambasciatore americano Joseph Grew. Mustafa Armagan riferisce inoltre  che la notizia del 1935, con la quale si annunciava  che Kemal Ataturk aveva fatto visita a  Santa Sofia, tre mesi dopo la sua proclamazione in  museo, non è stata portata da alcun giornale turco di quel periodo, ma solo dall’unico storico  giornale in lingua greca, l’Apogevmatini, il 7 Febbraio del 1935, a Istanbul. L’autore ricorda, in quello stesso periodo, la forte reazione del giornale egiziano “El Risale” , il quale si era fortemente opposto alla trasformazione di Santa Sofia da moschea in museo.

In questo modo il clima  pre-referendum si fa sempre più incandescente e polarizzato. D’altra parte, tale clima è stato fortemente voluto e creato dallo stesso Erdogan, che con le sue  recenti dichiarazioni contro  il  periodo kemalista, ha proclamato:  “Quel periodo, iniziato nel 1923, sta per finire. Punto e basta”. E cioè guai ai vinti.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il gioco di Erdogan: per la prima volta da Ataturk, il Corano viene letto in Santa Sofia
24/06/2017 11:07
Ramadan, la battaglia per la preghiera a Santa Sofia segno dell’islamizzazione turca
23/06/2016 12:39
Musulmani davanti alla “moschea” di S. Sofia per la conquista di Costantinopoli e la gloria neo-ottomana di Erdogan
30/05/2016 08:50
Richiesta di asilo politico in Grecia per 17 funzionari turchi
20/02/2018 09:39
Il sogno di Erdogan non passa più dall’Europa
14/03/2017 09:03