20 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/03/2012, 00.00

    IRAN

    Esecuzione pubblica di due uomini. Cresce l'uso della pena di morte in Iran



    Nel 2011 vi sono state 65 impiccagioni; 19 nel 2010; 9 nel 2009. Con le due di oggi, nei primi mesi del 2012 vi sono già state 15 esecuzioni pubbliche. L'Onu chiede la moratoria e la garanzia di legali per gli accusati. L'Iran denuncia l'occidente per un uso strumentale dei diritti umani, per colpire la Repubblica islamica dell'Iran.

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) - Due uomini sono stati impiccati in pubblico questa mattina a Mashad, nel nordest dell'Iran (v.foto). L'esecuzione avviene proprio un giorno dopo la presentazione di un rapporto sui diritti umani in Iran all'Onu di Ginevra, in cui si chiede a Teheran una moratoria sulla pena di morte.

    Le agenzie ufficiali iraniane affermano che i due uomini erano stati condannati per essere implicati in 13 casi di stupro. Erano stati arrestati tre mesi prima. L'esecuzione pubblica è avvenuta nella piazza Firdusi a Mashad verso le 6.30 di stamane. I due sono Akram Norouz Zahi, detto anche "Yasein", e Mojtaba Afshar, detto "Saddam".

    Secondo un rapporto sui diritti umani della Iran Human Rights, nel 2011 nel Paese vi è stato un forte incremento di condanne a morte: sono state eseguite in pubblico 65 impiccagioni, più del triplo del numero del 2010 (19) e 7 volte di più delle esecuzioni del 2009 (9).

    In questi primi mesi del 2012 vi sono state finora almeno 15 impiccagioni pubbliche.

    Proprio ieri Ahmad Shaheed, relatore speciale dell'Onu, ha presentato alla Commissione delle Nazioni Unite a Ginevra un rapporto sulla situazione dei diritti umani in Iran. In essa si critica l'incremento di pubbliche esecuzioni e si domanda al governo di Teheran di "considerare sul serio una moratoria sulla pena di morte per tutti i crimini" e "permettere dei rappresentanti legali per le persone accusate a tutti i livelli delle inchieste".

    Javad Larijani, segretario governativo del Consiglio per i diritti umani in Iran, ha accusato la relazione di Shaeed di essere partigiana e di non presentare la reale situazione. Larijani ha affermato che l'Iran non permetterà mai alle strutture dell'Onu di diventare strumenti degli Stati Uniti e di altri Stati occidentali che usano i diritti umani per fare pressioni contro la Repubblica islamica dell'Iran.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/12/2007 ONU
    Contro la pena di morte, una vittoria “a metà”
    Iran e Cina hanno continuato oggi ad uccidere condannati a morte, dopo la moratoria votata ieri all’Onu. Il diritto alla vita va affermato per tutti: per il condannato e per il bambino fin dal suo concepimento.

    02/08/2007 IRAN
    Nuova ondata di esecuzioni pubbliche in Iran
    Dopo la sospensione della pena capitale per Kobra Ramampuor, la Giustizia iraniana impicca a Mashad 7 uomini. Sopra il patibolo la scritta “Applicare la Giustizia = Aumentare la sicurezza”. Da gennaio a luglio 2007, già 143 le esecuzioni portate a termine.

    13/11/2006 IRAN
    Iran: dieci condanne a morte dopo processi di un giorno e senza testimoni

    Human Rights Watch denuncia che il processo per gli attentati del 2005 nel Khuzistan non è stato equo e ne chiede l'annullamento. Uno dei condannati era in carcere al momento dell'attentato. L'Iran è il Paese con più condanne a morte, dopo la Cina.



    31/01/2006 ARABIA SAUDITA - IRAN
    L'Onu all'Arabia Saudita: basta con le esecuzioni di minori

    Almeno 126 persone in attesa di esecuzione per reati commessi in età minore. Preoccupazione anche per le condanne a morte di minori in Iran.



    19/07/2014 ITALIA - ASIA
    Nel 2013 aumentano le esecuzioni: il boia colpisce di più in Cina, Iran e Iraq
    È quanto emerge dal Rapporto 2014 "La pena di morte nel mondo" di Nessuno tocchi Caino. Nel mondo almeno 4.106 esecuzioni, in crescita rispetto alle 3.967 del 2012. Di molte nazioni non si hanno dati ufficiali. In Cina oltre 3mila persone morte per mano del boia, in Iran 687 e Iraq 172.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®