13/03/2009, 00.00
RUSSIA-IRAN
Invia ad un amico

Esperto russo: Teheran avrà l’atomica "entro uno o due anni"

Secondo il direttore del centro di ricerche dell’Accademia russa delle scienze di Mosca, realizzando una bomba nucleare l’Iran diverrebbe “intoccabile” e potrebbe allargare il suo sostegno a movimenti come Hamas e Hezbollah. Le sue affermazioni contraddicono le dichiarazioni ufficiali del suo governo.
Mosca (AsiaNews/Agenzie) – L’Iran potrebbe produrre una bomba atomica entr un anno o due: E’ il parere espresso ieri da Vladimir Dvorkin, direttore del centro di ricerche dell’Accademia russa delle scienze di Mosca. Dvorkin, che è un ex generale ed ha preso parte ai colloqui russoamericani sul disarmo nel 1970 e nel 1980, interrogato da alcuni giornalisti su quanto l’Iran possa essere considerato vicino alla realizzazine di un’arma atomica, ha risposto “si può parlare di uno o due anni”.
 
Le affermazioni di Dvorkin, che ha precisato di parlare a titolo personale e non a nome del governo russo, contraddicono quanto fin qui sostenuto sia dall’intelligence statunitense che dalle fonti ufficiali russe, secondo le quali Teheran non ha la possibilità di realizzare, antro tempi così brevi, un’arma nucleare.
 
“In senso tecnico - ha aggiunto l’esperto - ciò che potrebbe fermarli è la mancanza di abbastanza uranio a livello di arma”. “Considero questo – ha detto ancora – una significativa minaccia”, che “l’Iran, che ha del tutto ignorato tutte le risoluzioni e le sanzioi imposte dal Consiglio di sicurezza, come Stato nucleare divenga intoccabile, permettendogli di allargare il suo sostegno” a organizzazioni coe Hamas e Hezbollah.
 
Ufficialmente, la diplomazia russa ha minimizzato i timori israeliani e statunitensi che l’Iran sia sul punto di realizzare un’arma atomica e ha opposto resistenza alle richieste di più dure sanzioni su Teheran, a causa del suo discusso programma nucleare.
 
Il regime degli ayatollah continua a sostenere che esso ha finalità esclusivamente pacifiche e ha anche ricevuto l’aiuto di Mosca per realizzare la centrale di Bushehr, completato e attualmente in fase di collaudo. All’inizio del mese, il rapporto annuale dell’Agenzia dell’Onu per l’energia atomica ha accusato Teheran di aver nascosto 209 chili di uranio, aggiunendo di non aver potuto realizzare alcun “sostanziale” progresso nell’inchiesta tesa a capire se il programma atomico di Teheran ha aspetti militari. “Purtroppo – si legge nel rapporto - l’Agenzia non è stata in grado di realizzare sostanziali progressi a causa della continua mancanza di cooperazione da parte dell’Iran per quanto riguarda le questioni che danno origine alle preoccupazioni sulla possibile dimensione militare del programma”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Corea del Nord: abbiamo l’uranio arricchito, possiamo creare la bomba o trattare
04/09/2009
Prime condanne all'annuncio del test nucleare di Pyongyang
09/10/2006
Israele, ex capo intelligence: Trump mantenga l’accordo sul nucleare iraniano
10/10/2017 12:16
Il petrolio "arma finale" dell'Iran nella controversia sul nucleare
27/06/2006
Forti le attese, caute le speranze per la conferenza di Annapolis
26/11/2007