18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 14/02/2018, 10.56

    CINA

    Espulso Lu Wei, un altro boss del Partito. Strapiene le prigioni dei Vip corrotti



    Lu Wei è stato capo della sicurezza su internet e vice-direttore del Dipartimento di propaganda del Partito. E’ accusato di aver “fatto ogni cosa per la sua fama personale”, e anche di aver creato delle cricche nel Partito. La campagna anti-corruzione di Xi Jinping ha riempito fino all’orlo la prigione di Qincheng di molti suoi nemici personali.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – La Commissione centrale per le ispezioni disciplinari del Partito comunista cinese, ha annunciato che Lu Wei, responsabile della sicurezza su internet, è stato espulso dal Partito. Lu Wei, che è pure stato vicedirettore del Dipartimento di propaganda del Partito, era stato messo sotto inchiesta lo scorso novembre.

    La dichiarazione della Commissione centrale, emessa ieri, recita che Lu “ha violato in modo serio le discipline politiche e le regole… ingannando le autorità centrali, egli ha fatto quello che ha voluto, commentando le politiche del governo centrale con parzialità e distorsioni, ostacolando le inchieste del governo centrale; con la sua crescente ambizione egli ha usato gli strumenti pubblici per interessi personali e ha fatto ogni cosa per la sua fama personale”. Egli è anche accusato di aver presentato false accuse verso altre persone in modo anonimo e di aver formato delle cricche.

    Lu Wei, 57 anni, è diventato famoso perché nel 2014, in un suo giro negli Stati Uniti, aveva incontrato personalità della politica e grandi imprenditori dell’high tech come Mark Zuckerberg di Facebook e Tim Cook di Apple.

    Lu è una delle tante “tigri” vittime della campagna anti-corruzione lanciata da Xi Jinping verso “tigri e mosche” del Partito che si sono macchiati di corruzione o tengono uno stile di vita lussuoso ed esagerato. Finora sono stati destituiti più di 250 alti membri del Partito e puniti circa 1,4 milioni di quadri e burocrati.

    Mentre la campagna continua a livello nazionale con determinazione, essa comincia a presentare alcune difficoltà. Secondo il South China Morning Post, infatti, la prigione dove sono internati i Vip del Partito, sembra essere ormai piena fino all’orlo e mancante di spazi.

    La prigione in questione è quella di massima sicurezza di Qincheng, sulle colline a nord di Pechino. In essa sono reclusi Zhou Yongkang, ex capo della sicurezza; l’ex capo di Chongqing Bo Xilai; l’ex segretario di Hu Jintao, Ling Jihua; l’ex generale Guo Boxiong; Chen Liangyu, ex capo del partito di Shanghai e tanti altri.

    Il grande analista politico e dissidente Bao Tong ha contestato la vera natura di questa campagna, che nasconderebbe solo una resa dei conti interna al Partito. In effetti sono colpiti solo gli appartenenti a “cricche” antagoniste a quella di Xi Jinping.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/02/2018 11:14:00 CINA
    Sun Zhengcai, ex capo di Chongqing accusato di corruzione

    Era membro del Politburo e designato come il successore di Xi Jinping. Il suo processo avverrà a Tianjin, dove si sono avuti i processi - a porte chiuse - di Zhou Yongkang e di Ling Jihua, appartenenti a gruppi non in sintonia con Xi.



    20/07/2016 10:46:00 CINA
    La nuova “Lunga Marcia” di Xi Jinping

    Il segretario generale del Partito ha deposto una corona di fiori al monumento che celebra la fine della Lunga Marcia, che portò al potere Mao Zedong. All’incontro di Beidaihe si teme lo scontro fra diverse fazioni.



    10/08/2015 CINA
    Cina, il Partito: Basta con i funzionari in pensione ancora attaccati al potere
    L’attacco frontale è contenuto in un editoriale firmato apparso oggi sul Quotidiano del Popolo, organo ufficiale del Partito comunista al potere. Anche se non viene mai citato, gli analisti non hanno dubbi: il bersaglio è l’ex presidente Jiang Zemin, leader della “cricca di Shanghai” ancora molto influente nella politica nazionale.

    18/07/2016 15:49:00 CINA
    Il Partito pronto ad espellere chi non prende decisioni o crea divisioni

    il Comitato centrale punirà quelli che appannano l’immagine del Partito con il loro comportamento, e anche coloro che cercano di dividerlo con differenti fazioni. E’ lotta dura fra Xi Jinping, la cricca di Shanghai e quella della Lega della gioventù comunista.



    31/05/2016 11:03:00 CINA
    Xi Jinping eleva la cricca del Zhejiang e combatte la Lega giovanile comunista

    Il grande esperto di politica cinese fa il quadro delle lotte di potere all’interno della leadership fra la cricca di Xi Jinping e le precedenti della Lega di Hu Jintao e la cricca di Shanghai di Jiang Zemin. Il Zhejiang, dove Xi ha lavorato dal 2002 al 2007, è divenuto il nuovo vivaio dove pescare i futuri leader della Sesta Generazione, anche se non hanno particolari pregi. Traduzione italiana a cura di AsiaNews.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®