05 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/08/2012, 00.00

    RUSSIA

    Ex ideologo del putinismo torna alla guida degli Affari religiosi

    Nina Achmatova

    Surkov nominato a capo della commissione governativa per i rapporti con le religioni. L'approvazione del Patriarcato. Esperti: Mosca intende prendere decisioni radicali sulle questioni che riguardano le relazioni interreligiose.

    Mosca (AsiaNews) - La Chiesa russa ortodossa ha espresso soddisfazione per il ritorno dell'ex ideologo del Cremlino, il vice premier Vladislav Surkov, a capo della commissione Affari religiosi presso il governo russo.

    "Vladislav Yuryevich è un intellettuale di livello ed è interessante e piacevole lavorare con lui", ha commentato l'arciprete Vsevolod Chaplin, capo del Dipartimento sinodale per le relazioni tra Chiesa e società dopo la notizia della nomina arrivata il 13 agosto.

    Teorico della 'democrazia sovrana' di Vladimir Putin (con cui si giustificano le violazioni delle norme democratiche in nome della sovranità nazionale), Surkov si occuperà per conto del governo di Dmitri Medvedev degli affari religiosi, settore al momento sotto forte pressione per il caso delle Pussy Riot, la band femminile che rischia il carcere per aver intonato una preghiera punk contro Putin nella cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca.

    Quarantasette anni, Surkov era stato allontanato dal suo posto di primo vice capo di gabinetto della presidenza russa a dicembre, dopo le proteste di piazza conto Putin. Quest'ultimo, ancora premier ma già candidato favorito alle presidenziali, l'aveva allora chiamato nel suo esecutivo per affidargli proprio la guida della commissione affari religiosi, posto mantenuto fino a giugno, quando il nuovo premier Medvedev l'aveva sostituito con Olga Gorodets.

    Secondo il quotidiano economico Vedomosti, il ritorno di Surkov alla gestione dei rapporti con le organizzazioni religiose corrisponde alla "difficile situazione relativa alla leadership delle religioni tradizionali". Il patriarca di Mosca Kirill è stato oggetto di una serie di scandali che lo hanno ritratto come un uomo che vive nel lusso e nell'agio. Kirill è stato poi fortemente criticato dalla società civile e dagli stessi fedeli per la sua posizione troppo dura contro le ragazze delle Pussy Riot, per le quali non ha mai espresso parole di misericordia.

    Ma non è solo l'ortodossia a vivere un momento di forti tensioni. Anche l'islam, seconda religione in Russia, sta combattendo con l'estremismo in una zona finora esempio di convivenza pacifica come il Tatarstan. In questa  repubblica autonoma nel sud del Paese un duplice attentato contro religiosi musulmani moderati, il mese scorso, ha fatto scattare l'allerta per il diffondersi del wahhabismo proveniente dal Caucaso settentrionale.

    Anche il mufti di Cecenia, Sultana Mirzayev, ha espresso soddisfazione per il ritorno di Surkov agli Affari religiosi. "Si tratta di una persona responsabile e di un politico saggio - ha commentato a Interfax - conosce bene la materia e la sua nomina fa capire che il governo intende prendere decisioni radicali sulle questioni che riguardano le relazioni interreligiose".

     

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/04/2007 RUSSIA – TAIWAN
    Mosca, incontro “costruttivo” fra la chiesa ortodossa e i rappresentanti di Taiwan
    Le delegazioni hanno discusso del modo migliore per sviluppare i rapporti fra le organizzazioni pubbliche e sociali di Taiwan e la cura pastorale dei fedeli ortodossi che vivono sull’isola. Secondo alcuni analisti, si tratta di un segnale a Pechino, che non riconosce l’ortodossia fra le religioni ufficiali.

    12/04/2007 RUSSIA – CINA – TAIWAN
    Alessio II critica la Cina, Taiwan accetta di aprire una chiesa
    Il patriarca ortodosso russo ha attaccato Pechino, che non consente agli ortodossi cinesi libertà di culto. Una delegazione di Taipei parla invece con il Dipartimento affari religiosi esteri del patriarcato della possibilità di aprire una chiesa sull’isola.

    12/03/2012 RUSSIA
    Gruppo punk anti-Putin divide la comunità ortodossa
    Le Pussy Riot avevano improvvisato una performance dissacrante dentro la cattedrale di Cristo Salvatore. Ora rischiano fino a 7 anni di carcere, dopo che i vertici del Patriarcato avevano invocato pene severe. Alcuni fedeli si schierano per la loro scarcerazione.

    07/01/2010 RUSSIA
    Il Natale ortodosso rafforza l’alleanza fra Putin e il patriarca Kirill
    Collaborazione sempre più stretta in nome di una Russia forte e unita. Il “dono” di 44 milioni di euro per il restauro di luoghi sacri distrutti dal comunismo; restituito l’antico monastero di Novodievici. Kirill benedice l’operato di Putin e del governo nella crisi economica.

    01/07/2013 RUSSIA
    Russia, entra in vigore la legge anti-blasfemia: le critiche degli attivisti democratici
    Da oggi pene e multe aumentate per chi offende il “sentimento religioso”: si rischiano fino a tre anni di detenzione e 12mila euro di sanzione. Dubbi sulla vaghezza del testo. Ma per la Chiesa russo-ortodossa si tratta di una norma "ancora troppo mite".



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®