22 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/04/2017, 12.53

    ISRAELE - SIRIA

    Ex ministro israeliano conferma i contatti fra l’Isis e lo Stato ebraico



    Moshe Ya’alon, ex titolare della Difesa, ha parlato di “scuse” di Daesh per aver colpito elementi dell’esercito israeliano. Il riferimento è a uno scambio di colpi del novembre scorso nelle Alture del Golan. In via ufficiale Israele ha assunto una posizione “neutrale” nel conflitto siriano. Ma opererebbe in aiuto dei gruppi [anche jihadisti] anti-Assad (e Iran).

     

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) - Di contatti fra Israele e i miliziani dello Stato islamico (SI), in chiave anti-Assad e in contrapposizione all’Iran, si è parlato a lungo in questi anni di conflitto siriano ma la conferma in questi giorni arriva da un ex ministro della nazione ebraica. Intervenendo a un evento pubblico nella città settentrionale di Afula, il 24 aprile scorso, l’ex titolare della Difesa Moshe Ya’alon ha riferito delle “scuse” di Daesh per aver attaccato una unità dell’esercito israeliano sulle Alture del Golan.

    Interpellato da vari media, l’ufficio dell’ex ministro e i suoi collaboratori non hanno voluto commentare l’affermazione o chiarire i dettagli del suo intervento, dopo che è emersa la pesante allusione di “contatti” fra Daesh e Israele. Restano però le parole del politico, che confermano le voci dei legami: “Vi è stato un caso, di recente - ha affermato Ya’alon - in cui Daesh ha aperto il fuoco e [in seguito] si è scusato”.

    Con tutta probabilità, il riferimento è a uno scontro avvenuto nei pressi del confine siriano nel novembre scorso; in quell’occasione, le Forze di difesa israeliane (Idf) avevano scambiato colpi di arma da fuoco con miliziani nell’area legati allo Stato islamico. Al termine di una breve battaglia, l’esercito con la Stella di David ha attaccato i membri del gruppo terrorista con aerei e carri armati.

    Ya’alon ha parlato di questi contatti in dibattito pubblico mediato da un giornalista dell’emittente israeliana Channel 10. Il suo riferimento alle scuse provenienti dai jihadisti per l’attacco erano inseriti all’interno di un più ampio discorso riguardante la politica di Israele in Siria. Un atteggiamento, almeno in via ufficiale, di “non interventismo” e “neutralità”, anche se non sono mancati episodi di attacchi contro sistemi missilistici o il raid all’alba di oggi nei pressi dell’aeroporto di Damasco, dietro i quali vi sarebbe la mano dello Stato ebraico.

    In via ufficiale, Israele e le cancellerie occidentali considerano i miliziani degli altipiani del Golan, conosciuti col nome di Khalid ibn al-Walid Army e affiliati all’Isis, un gruppo terrorista. Sotto il profilo giuridico le comunicazioni fra ufficiali israeliani e jihadisti sono considerate illegali, perché costituiscono “contatti” con un agente nemico.

    In realtà essi si rivelano preziose pedine nella lotta contro la leadership di Damasco e del suo alleato principale nella regione mediorientale, l’Iran, nemico storico di Israele. Lo stesso ex ministro Ya’alon aveva parlato in modo aperto di attacchi da parte dell’esercito israeliano contro le forze fedeli al presidente siriano Bashar al-Assad, in risposta a scontri e presunti sconfinamenti di truppe nel Golan. Da qui le accuse della stampa siriana, che ha parlato in passato di sostegno aperto e incondizionato di Israele ai combattenti anti-siriani. Un aiuto che va oltre una mera operazione di soccorso dei feriti, così come va oltre il passaggio di informazioni e di monitoraggio attraverso l’aviazione, inglobando anche “un intervento diretto con l’artiglieria e raid dell’aviazione militare”.

    Israele teme che a ridosso dell’Altipiano del Golan - in un’area di 1200 chilometri quadrati occupata nel 1967 durante la guerra dei Sei giorni - possa sorgere una formazione di opposizione simile a quella creata dagli Hezbollah nel Sud del Libano, durante gli anni di occupazione israeliana. Un incubo durato anni, che ha infine costretto Israele a ritirarsi dal sud del Libano senza avere, per la prima volta nella sua storia, nessun accordo di pace in cambio di territori occupati evacuati. Ora l’incubo del sud del Libano perseguita i sonni israeliani anche intorno al Golan.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/02/2016 16:15:00 SIRIA - ISLAM
    Siria, la vera priorità è combattere lo Stato islamico. Non Assad

    Nella Siria del nord, due attacchi contro ospedali hanno provocato decine di vittime civili. Il fragile accordo raggiunto dalle potenze mondiali è messo in crisi da continui raid e i combattimenti. Il gesuita islamologo Samir Khalil Samir sottolinea i veri passi necessari per la pace: bloccare il fondamentalismo sostenuto dall’Arabia Saudita e impegnarsi davvero contro i terroristi islamici.



    11/05/2016 08:42:00 SIRIA
    Raqqa, le fratture interne dell’Isis, dopo la condanna a morte di un bambino di sette anni

    Il bambino era stato accusato di “blasfemia”. L’esecuzione avvenuta in pubblico davanti ai genitori e a alla folla. Una ragazza, punita perché senza velo in casa, costretta in gabbia con cadaveri e ossa di uccisi.



    17/05/2016 09:59:00 SIRIA
    Nell’inferno di Raqqa, governata da Daesh, fra stato di emergenza e diserzioni

    Aumentano i posti di blocco e il nervosismo: decine di membri sono riusciti a fuggire dalla prigione di Tabka. Essi raccontano le torture e le esecuzioni sommarie per uomini e donne. Nessun segno di attacco imminente. Le vie attorno al mercato coperte con teli per evitare l’ispezione dei droni. La gente costretta a pagare.



    18/12/2014 SIRIA
    Siria, oltre 230 cadaveri in una fossa comune: massacrati dallo Stato islamico
    La carneficina è avvenuta ad agosto nel villaggio di Kashkiya, nella provincia orientale di Deir al-Zour. I corpi appartengono a membri della tribù Sheitat e sono in grande maggioranza non combattenti. I capi della tribù non hanno voluto allearsi alle milizie jihadiste; la vendetta dei terroristi ha causato la morte di almeno 900 persone.

    11/12/2014 SIRIA
    Conflitto siriano: Oltre 230 cadaveri in una fossa comune, massacrati dallo Stato islamico
    La carneficina è avvenuta ad agosto nel villaggio di Kashkiya, nella provincia orientale di Deir al-Zour. I corpi appartengono a membri della tribù Sheitat e sono in grande maggioranza “civili”. I capi della tribù non hanno voluto allearsi alle milizie jihadiste; la vendetta dei terroristi ha causato la morte di almeno 900 persone.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®