15/01/2018, 10.59
CINA
Invia ad un amico

FMI: La Cina predica la globalizzazione, ma poi mette barriere commerciali

L’accusa di David Lipton, vice-direttore del Fondo monetario internazionale: Pechino deve garantire di più i copyright e ridurre le distorsioni legate alla sovraccapacità della politica industriale e alle politiche che favoriscono le imprese statali. Il vittimismo della Cina e la difesa della globalizzazione.

Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – La Cina che vuole promuovere la globalizzazione, dovrebbe dare uno sguardo a tutte le barriere che essa stessa mette sul commercio e sugli investimenti. È quanto afferma David Lipton, vice-direttore del Fondo monetario internazionale (Fmi) riguardo alle pratiche protezioniste che Pechino mette in atto per difendere la sua economia.

In un incontro oggi all’Asian Financial Forum, egli ha detto: “La Cina dovrebbe guardare alle sue proprie restrizioni in materia di commercio ed investimento, che hanno generato critiche da alcuni partner commerciali”. “Questo significa – ha aggiunto - proteggere i diritti delle proprietà intellettuali e ridurre le distorsioni [provocate] dalla sovraccapacità della politica industriale e dalle politiche che favoriscono [le imprese statali]”.

Da tempo in Europa e negli Usa si critica la Cina per le sue sovrapproduzioni di metalli (specie ferro e alluminio) che mettono a rischio le imprese e le produzioni di altri Paesi. Allo stesso modo si critica la mancanza di reciprocità nelle aperture sul mercato. Un esempio: la Cina ha stabilito una specie di monopolio nelle transazioni in yuan con carte di credito, affidandolo alla Union Pay, una compagnia cinese. Questa è accettata nel mercato delle carte nel mondo, ma le compagnie straniere di carte di credito non vengono ancora riconosciute in Cina.

Vi è poi l’aiuto economico che il governo cinese eroga alle imprese statali in prestiti e alleggerimenti di tasse sull’export, che favoriscono i prezzi dei prodotti cinesi all’estero.

Davanti alle minacce del presidente Usa Donald Trump di imporre alte tasse sui prodotti cinesi, Pechino si atteggia a vittima e si mostra come ultimo difensore della globalizzazione, come avvenuto a Davos lo scorso anno, con un applaudito discorso di Xi Jinping (v. foto).

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pechino e Washington soddisfatti di “fare affari” e “rinviare” le decisioni
19/06/2008
Esplode la vendita al dettaglio in tutta l'Asia
18/02/2005
Non solo gli Usa: il G20 contro Pechino per i sussidi alle ditte statali
19/10/2018 13:07
Rivoluzione monetaria: entro il 2013, carte di credito attive in Myanmar
11/08/2012
Pechino-Washington, molti impegni e poche decisioni, in attesa di Obama
05/12/2008