24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/07/2017, 11.31

    PAKISTAN

    Faisalabad, cristiano ridotto in schiavitù ucciso dal padrone musulmano

    Shafique Khokhar

    Javed Masih aveva 32 anni. Con il suo lavoro, stava ripagando un debito che la sua famiglia aveva contratto tre anni fa. Da contratto, doveva lavorare 24 ore mensili. Di fatto, era uno schiavo. Accusato di furto, è stato torturato per giorni. La famiglia del datore di lavoro minaccia gravi conseguenze; la polizia non accetta la denuncia di omicidio.

    Faisalabad (AsiaNews) – Un cristiano di 32 anni è morto a causa delle ferite inferte dal suo datore di lavoro musulmano. L’uomo si chiamava Javed Masih e risiedeva a Kamalpur in Sargodha Road, quartiere di Faisalabad. Egli lavorava al servizio di Bilal Wahla, per restituire un debito di 350mila rupie [circa 2900 euro, ndr] contratto dalla sua famiglia. In via ufficiale, egli avrebbe dovuto spazzare la magione del musulmano, prendersi cura degli animali, mungere le vacche e distribuire il latte. Di fatto, Javed era ridoto in schiavitù. Accusato di aver rubato una motocicletta del padrone, il cristiano è stato pestato ripetutamente con bastoni e altri oggetti. Trasportato in ospedale, è deceduto per le gravi torture subite. Ad AsiaNews Imran Masih, fratello maggiore di Javed, denuncia: “Vogliamo giustizia. Noi siamo poveri e perciò la polizia si rifiuta di ascoltarci e di registrare la denuncia. I grandi possidenti poi stanno minacciando gravi conseguenze perché ci siamo opposti a qualsiasi compromesso. Tutto questo avviene perché siamo cristiani e poveri”.

    Javed Masih era uno dei sei figli (cinque maschi e una femmina) di Irshad Masih e Naseem Bibi. Nel 2014 i genitori hanno contratto un debito con il proprietario musulmano. Alla morte del padre, è stato stipulato l’accordo con il ricco possidente Wahla, alias Jutt: Javed avrebbe lavorato per il musulmano e in cambio quest’ultimo avrebbe scalato 7mila rupie ogni mese [pari a 57 euro, ndr] dall’ammontare del prestito. Secondo gli accordi, Javed era tenuto a lavorare 24 ore mensili. Ma di fatto, era uno schiavo.

    Lo scorso 20 giugno alcuni ignoti criminali hanno rubato una motocicletta dalla tenuta privata di Bilal Wahla. Quest’ultimo ha dato subito la colpa al suo dipendente, iniziando a torturarlo in maniera crudele e assegnandogli sempre nuove mansioni. Da parte sua, Javed ha respinto le accuse di furto, ma – dato il debito – non aveva altra scelta se non resistere e continuare a lavorare.

    Il 18 luglio scorso, dopo aver portato a termine gli incarichi giornalieri, Javed ha chiesto un’ora di permesso per poter incontrare alcuni amici. Rientrato dopo due ore, ha trovato ad attenderlo il padrone furibondo, che lo ha colpito a bastonate senza sentire giustificazioni fino a lasciare il cristiano in fin di vita, sanguinante e con la spalla sinistra rotta. Il giorno seguente Javed è stato trasportato all’Allied Hospital di Faisalabad, dove i medici hanno dichiarato il decesso.

    A quel punto sono iniziate le minacce da parte del musulmano e di altri possidenti, che hanno tentato di corrompere la famiglia del cristiano per arrivare ad un compromesso. Di fronte al rifiuto dei Masih, Bilal Wahla ha provato ad insabbiare l’omicidio dichiarando che si trattava di un caso di suicidio. Al contrario, i parenti di Javed hanno sporto denuncia presso la stazione di polizia di Nishatabad. Ma ad oggi, lamenta Imran Masih, gli agenti “ancora non hanno accolto la nostra dichiarazione. Il dipartimento di polizia deve arrestare e punire il colpevole secondo la legge. Noi non vogliamo alcun compromesso. Vogliamo giustizia per nostro fratello innocente”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/09/2017 09:10:00 PAKISTAN
    Faisalabad, cristiano rapito da un proprietario musulmano: vuole togliergli la casa

    Afzal Masih, padre di tre figli, è scomparso dal 19 settembre. La sua casa confina con quella di Fasi Ullah, imprenditore musulmano, che lo accusa di furto. Famiglia del manovale: “Lo scopo del musulmano è impossessarsi della nostra casa, come ha già fatto con altre due case  di cristiani”.



    12/09/2017 10:55:00 PAKISTAN
    Punjab, studente cristiano ucciso per razzismo religioso

    Sheron Masih aveva 17 anni e frequentava la scuola pubblica da pochi giorni. I compagni di classe lo hanno assassinato a bastonate perché aveva tentato di bere dell’acqua. Il suo omicidio, “solo la punta dell’iceberg; al di sotto, una grande montagna di odio e discriminazione verso le minoranze”.



    13/09/2017 12:15:00 PAKISTAN
    Il padre dello studente cristiano ucciso: L’uniforme della scuola è diventata il suo sudario

    Sharoon Masih è stato ucciso il terzo giorno di lezione dai suoi compagni di scuola. Giustizia e pace sostiene che il suo omicidio è colpa delle autorità della scuola. La morte “non una disputa tra adolescenti, ma causata da intolleranza, discriminazione e comportamento disumano”.



    18/01/2007 PAKISTAN
    Libero dopo quattro mesi un cristiano accusato di blasfemia
    Shahid Masih, 17 anni, era accusato di aver strappato alcune pagine di un libro sacro. Dopo mesi in cella di isolamento, la Corte lo libera per mancanza di prove.

    22/01/2007 PAKISTAN
    Libero dopo due anni cristiano accusato di blasfemia
    Shahbaz Masih Kaka, disabile mentale, era stato condannato a 25 anni da una Corte di Faisalabad che, secondo il suo avvocato, si era piegata alle richieste della comunità islamica locale.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®