26 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 31/01/2011, 00.00

    CINA

    Falsi farmaci antitumorali venduti per anni in Cina



    Un’organizzazione criminale li produceva e vendeva contraffatti, a prezzo stracciato: ma erano privi di efficacia curativa. Il grave problema della sicurezza alimentare nel Paese e l’imperfetta efficienza dei controlli pubblici.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Un’organizzazione criminale di Hangzhou (Zhejiang) vendeva farmaci antitumorali contraffatti e inefficaci, una truffa da decine di milioni di yuan. I diritti di produzione dei farmaci appartengono a grandi case farmaceutiche come Bayer, Nova, Roche e AstraZeneca. I criminali li vendevano tramite internet a un decimo del prezzo di quelli originali, indicando che erano prodotti in India e in Perù, Paesi che in molti casi possono produrre farmaci con le stesse proprietà di quelli originali senza pagare i diritti. In realtà i prodotti, preparati in Cina come ad esempio a Yixing nello Jiangsu, erano del tutto privi di effetti curativi e prodotti senza controlli di sicurezza, anche se non risultano vittime per la loro ingestione.

    L’Amministrazione per gli alimenti e i farmaci di Hangzhou ha iniziato le indagini nel settembre 2008, dopo avere scoperto farmaci con indicazioni soltanto in inglese, mentre ogni medicina deve avere la traduzione in cinese. Lo scandalo è esploso nel 2009, ma l’organizzazione ha proseguito la vendita online, in Cina ma anche in India e in Perù, per 7,5 milioni di yuan (circa 830mila euro).

    Lo scorso ottobre il tribunale di Hangzhou ha condannato i responsabili a pene fino a 10 anni di carcere.

    In Cina è grave il problema della sicurezza alimentare. A parte le vere organizzazioni criminali, come nel caso, negli anni scorsi sono scoppiati ripetuti scandali per la produzione di alimenti insicuri o nocivi per la salute, da parte di primarie aziende alimentari. Nel 2010 è esploso lo scandalo dell’olio da cucina ottenuto dalla raffinazione dell’olio di rifiuto delle cucine, dopo che i media hanno riportato che era usato da molti piccoli ristoranti. Sono stati sequestrate 165,7 tonnellate di olio commestibile ottenuto da prodotti di scarto o da fonti non conosciute.

    Sempre nel 2010 a luglio è stato scoperto a Dongyuan, latte contenente melamina, sostanza plastica  usata per far apparire l’alimento ricco di nutrimento.

    Il problema rimane l’inefficienza dei controlli delle autorità sanitarie, specie locali: nel 2010 sono stati puniti 191 funzionari addetti ai controlli, per omissioni nei loro doveri.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/03/2009 CINA
    Ministro cinese della Sanità: “fosca” la situazione della sicurezza alimentare
    Approvata una legge che aumenta gli standard di qualità e i controlli sugli alimenti. Ma il ministro sottolinea che occorre verificarne l’applicazione effettiva. Pechino cerca di recuperare la fiducia pubblica dopo lo scandalo del latte “alla melamina”. Ma i danneggiati non riescono ad ottenere risarcimenti.

    29/10/2008 CINA
    Melamina nelle uova di altre due ditte cinesi
    Si teme che carni e uova di pollame cinese siano tutte intrise della sostanza, molto usata nei mangimi animali. Il presidente di una delle ditte in questione è un alto funzionario. In Asia si continuano a trovare prodotti contaminati.

    17/02/2010 CINA
    Per anni ditte cinesi hanno prodotto solo latte alla melamina
    Per tutto il 2009 varie ditte, anche di medie dimensioni, hanno prodotto e venduto latte addizionato con melamina, senza essere scoperte. Ora il governo annuncia ancora maggiore severità. Ma non rivela nemmeno i dati ufficiali sul latte contraffatto prodotto, molto di più di quello sequestrato.

    11/02/2011 CINA
    A Taiyuan il riso è fatto con la plastica
    Vari media accusano fabbriche cinesi di fare il riso con patate e una resina sintetica. Questo “riso” costa poco e consente grandi guadagni, ma la resina è difficile da digerire ed è come mangiare plastica. La Cina è stata spesso al centro di gravi scandali alimentari.

    23/09/2008 CINA
    Scandalo latte: il governo ha paura di proteste sociali e minaccia gli avvocati
    Circa 90 avvocati si sono offerti di assistere le vittime, ma le autorità li hanno consigliati di “aiutare a mantenere la stabilità”. Il timore è che le migliaia di danneggiati compiano azioni unitarie. Emergono sempre più gravi responsabilità del governo centrale.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®