18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/01/2008, 00.00

    NEPAL

    Festa nazionale dedicata a sir Hillary e al monte Everest

    Kalpit Parajuli

    Il governo proclamerà festa il 29 maggio, giorno in cui Hillary e Tenzing scalarono l’Everest. A loro dedicato anche un aeroporto. Continuano le celebrazioni per ricordare non solo l’impresa, ma anche e soprattutto l’opera di Hillary a favore della popolazione locale.

    Kathmandu (AsiaNews) – Il 29 maggio, giorno in cui Sir Edmund Hillary e Norgay Tenzing hanno per la prima volta conquistato la vetta più alta del mondo, sarà il Giorno internazionale dell’Everest. Prithivi Subba Gurung, ministro nepalese per Cultura, turismo e aviazione civile, proporrà al Gabinetto dei ministri la nuova festa nazionale e di cambiare il nome dell’aeroporto Lukla, unico scalo della zona per accedere all’Everest, in Aeroporto Tenzing-Hillary.

    Il neozelandese Sir Hillary, morto lo scorso 11 gennaio a 88 anni, ha anche contribuito allo sviluppo sociale del popolo Sherpa di Khumbu, che ne piange la perdita. Il premier neozelandese Helen Clark ha detto che continuerà l’opera di Hillary.

    Elizabeth Hawley, console neozelandese in Nepal e anche responsabile dell’Himalayan Trust, ha espresso ad AsiaNews “soddisfazione per le decisioni del governo nepalese che vogliono commemorare Hillary”.

    L’Himalayan Trust è stato fondato da Hillary ed è sostenuto da gruppi di molte Nazioni, soprattutto Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada e Germania. Segue numerosi programmi sanitari, culturali, educativi, ambientali e di altro tipo.

    Anche il Nepal Tourism Board e l’Associazione degli agenti di viaggio del Nepal (Taan) stanno celebrando in varie forme il loro cordoglio. Jyoi Adhkari, presidente del Taan, propone al governo di istituire un premio Hillary-Tenzing, riservato a chi opera per far conoscere e preservare le montagne nepalesi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/01/2008 NEPAL
    Buddisti in preghiera per sir Edmund Hillary, il “padre degli sherpa”
    Lo scalatore, il primo a raggiungere la vetta dell’Everest, è ricordato dagli sherpa come un padre. Candele accese alle finestre delle case e nei monasteri, per onorare la memoria dell’unico cittadino onorario del Nepal.

    11/01/2008 NEPAL
    É morto Edmund Hillary, eroe dell’Everest e amico dei nepalesi
    Il protagonista dell’avventura più grande del XX secolo era una personalità modesta, umile e generosa. La sua associazione ha aiutato per quasi 60 anni a costruire scuole, ospedali, strade in Nepal.

    22/05/2017 15:37:00 NEPAL
    Everest, crollata la parete di roccia ‘Hillary Step’

    La notizia è stata data dall’alpinista britannico Tim Mosedale. Forse la barriera rocciosa si è sbriciolata a causa del terremoto dell’aprile 2015. La cresta è dedicata al primo scalatore che nel 1953 riuscì a completare l’ascensione della montagna più alta della Terra.



    30/04/2013 NEPAL
    Nepal: sherpa contro alpinisti europei, a rischio il "turismo" sull'Everest
    L'aggressione ai danni di Simone Moro, Ueli Steck e John Griffit, ha scioccato i media mondiali e nepalesi. Per gli scalatori l'assalto è inspiegabile. I tre avrebbero però violato le nuove norme di sicurezza imposte dagli sherpa, scatenando la loro ira. Nel 2012 ben 11 persone sono morte durante l'ascesa. Otto in soli due giorni.

    18/01/2012 NEPAL
    Maratona sull'Himalaya (2mila km in 120 giorni) per salvare i ghiacciai dell’Everest
    L’iniziativa è stata lanciata da Apa Sherpa, record-man di scalate sul tetto del mondo. La spedizione percorrerà tutti i 20 distretti alle pendici dell’Himalaya. Ad essa parteciperanno alpinisti, ricercatori e scienziati con il compito di studiare l’impatto dei cambiamenti climatici sulla catena montuosa, principale riserva idrica dell’Asia del sud.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®