30 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/02/2005, 00.00

    filippine

    Filippine, multa e carcere per chi non pratica la contraccezione



    Una Commissione parlamentare vara una norma che stabilisce carcere e multe per chi ostacola il controllo delle nascite. Mons. Capalla: "Meno figli, più ricchezza è un mito falso".

    Manila (AsiaNews) - Una norma "ingiusta, arbitraria e irragionevole" perché "offende l'autonomia delle coppie" e "dissacra la santità del matrimonio". Con queste parole mons. Fernando Capalla, arcivescovo di Davao e presidente della Conferenza episcopale, boccia la "legge sui 2 figli", approvata la scorsa settimana da una Commissione del Congresso di Manila, che vuole aumentare la politica di controllo delle nascite. La legge – denuncia mons. Capalla – "impone multe e carcere ai genitori, coniugi e personale sanitario che impediscono la pratica dei diritti sessuali e riproduttivi", eufemismo dietro cui si nascondono contraccezione e aborto.

    La norma, chiamata Lingtas Buntis, prevede una massiccia campagna di informazione sui metodi contraccettivi, la mappatura degli abitanti "a rischio" fertilità, incentivi statali alle coppie che decidono di non avere più di 2 figli, sussidi a quelle che già hanno 2 figli perchè non incrementino la prole.

    Il presidente dei vescovi filippini giudica "completamente sbagliate" le premesse dalle quali muove la legge, cioè la visione maltusiana della società secondo cui la crescita demografica crea e favorisce la povertà. "Numerosi seri economisti e demografi" afferma mons. Capalla "hanno smascherato questo mito". Lo prova anche la storia recente delle Filippine: "Da quando è stato attuato nel nostro paese un programma di controllo delle nascite (anni '70)" sottolinea mons. Capalla "la nostra popolazione diminuisce ma la povertà non è calata. Lo dimostrano i dati del governo".

    Il decreto Lingtas Buntis prende di mira 2 milioni di filippini: uomini, donne, coppie in età riproduttiva, adolescenti tra i 15 e 19 anni; molti sono i poveri e i membri delle comunità indigene. Dipendenti del settore sanitario statale saranno impegnati nel monitorare casa per casa la fertilità di questa gente, la loro educazione sessuale e i metodi contraccettivi usati: "Ma la legge non è solo quella che dice di essere, una campagna di informazione" attacca mons. Capalla. "Essa viola e offende l'autonomia delle coppie, dissacra la santità del matrimonio e della vita familiare".

    Come alternativa alla legge, i vescovi filippini ripropongono la visione della dottrina sociale della Chiesa che suggerisce ai genitori una "paternità e maternità responsabile" che rispetti le funzioni procreative della coppia nel contesto delle condizioni fisiche, economiche e psicologiche della famiglia.

    Il documento di mons. Capalla si conclude con un appello ai leader politici e legislatori cristiani: "una coscienza cristiana non permette di appoggiare misure che contraddicono i diritti fondamentali della famiglia". Il vescovo chiede ai genitori di "costruire la vostra famiglia sulla roccia della generosità cristiana e del discernimento". Mons. Capalla suggerisce anche agli addetti in ambito sanitario la pratica dell'obiezione di coscienza, "diritto civile e dovere cristiano", a fronte delle pratiche contrarie al rispetto della vita. "Difendete la verità, prendete coraggio e state saldi nella fede" conclude il presidente dei vescovi ai fedeli. "Resistete alle lusinghe di false libertà e di diritti contrari della fede. Difendete l'autonomia della famiglia". (LF)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/12/2004 VATICANO - FILIPPINE
    Card. Lopez Trujillo: un'economia più umana è la vera sfida per gli Stati
    Caduto il "mito demografico", sono inaccettabili le politiche, come quella proposta a Manila, che incentivano un innaturale controllo sulle nascite.

    15/09/2004 filippine
    Mons. Cruz: "No ai contraccettivi per il controllo delle nascite"


    29/11/2005 Filippine
    Cattolici delle Filippine: "Legge sui 2 figli, ostacolo assurdo ad una società migliore"

    Un deputato cattolico spiega ad AsiaNews i limiti, le contraddizioni ed i rischi rappresentati dalle leggi di pianificazione familiare controllata. "Guardate l'Occidente o il Giappone – denuncia - sono nazioni ricche ma senza giovani".



    29/04/2005 FILIPPINE
    Legge sui 2 figli obbliga la Chiesa a garantire sterilizzazioni volontarie ai suoi impiegati


    17/03/2005 filippine
    Filippine, cattolici pregano contro violenza e aborto




    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®