12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/02/2006, 00.00

    Filippine

    Filippine, "nessun segno di vita" dalla scuola sepolta nel fango



    Nell'isola di Leyte si scava sotto al pioggia per liberare dal fango l'edificio dove sono intrappolate 250-300 persone, per la maggior parte bambini. "E' come lavorare nelle sabbie mobili – dice un responsabile dei soccorsi - ma i dispersi dovrebbero essere meno del previsto".

    Guinsaugon (AsiaNews/Agenzie) – Le squadre di soccorso che scavano nei pressi della scuola elementare di Guinsaugon "non hanno alcun motivo per pensare che all'interno vi sia qualche sopravvissuto". Lo afferma un ufficiale dell'esercito filippino, il tenente colonnello Raul Farnacio, che aggiunge: "La scuola è seppellita da 35 metri di fango e siamo riusciti ad arrivare a metà strada, ma fino ad ora non abbiamo ricevuto neanche un segnale di vita".

    La scuola si trova al centro del villaggio - nella zona meridionale dell'isola di Leyte, parte est dell'arcipelago - colpito venerdì scorso da una terribile frana alle 10.45 del mattino (ora locale).

    Ai lavori di recupero partecipano circa 30 membri dell'esercito americano e un team di volontari taiwanesi che, con equipaggiamenti sonar, monitorano la zona dove si ritengono seppellite fra le 250 e le 300 persone, per la maggior parte bambini.

    Attive anche numerose squadre di volontari filippini che, insieme all'esercito, scavano per portare alla luce almeno i corpi delle vittime: ieri, in serata, sono stati estratti dal fango 68 corpi, ma le piogge - tuttora incessanti - rendono difficile ogni operazione.

    "E' come lavorare nelle sabbie mobili" ha commentato Adriano Fuego, direttore dell'Ufficio per la difesa civica, che poco dopo ha comunicato una nuova previsione per i sopravvissuti ed i dispersi. Secondo Fuego, sulla base dell'ultimo censimento locale dovrebbero essere 913 - e non 1.4078 - coloro che non rispondono ma ammette che "al momento è solo una stima". Al momento i "sopravvissuti certi" sono 435, di cui 20 "con gravi ferite".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/02/2006 Filippine
    Leyte, lotta contro il tempo per salvare più di 200 bambini

    Sono "sepolti vivi" all'interno della scuola elementare della zona, colpita ieri da una delle frane più disastrose degli ultimi decenni. "Sono ancora vivi – dice la presidente Arroyo – fate in fretta".



    17/02/2006 Filippine
    Filippine, frana nell'isola di Leyte: 200 morti e 1.500 dispersi

    Due settimane di piogge ininterrotte "hanno reso il terreno morbidissimo". Per la Croce Rossa le cifre sono "tutte da verificare".  



    17/02/2006 Filippine
    Filippine, la frana di Leyte è "la peggiore tragedia mai avvenuta in questa zona"

    Padre Eufemio Gohetia, direttore del Centro azione sociale della diocesi di Maasin: "Non abbiamo dati certi e la gente è nel panico più totale. E' tutto coperto dal fango".



    21/02/2006 FILIPPINE
    Guinsaugon, un'enorme fossa comune per le vittime della frana

    L'ipotesi è del presidente della Croce Rossa delle Filippine: troppo difficile e pericoloso recuperare i corpi. A Leyte arrivano nuove truppe Usa e la presidente Arroyo fa tracciare una mappa delle zone a rischio disastri, non resa ancora pubblica.



    20/02/2006 Filippine
    Filippine, dopo la frana "ogni famiglia piange almeno un lutto"

    Il vescovo della diocesi colpita dalla frana spiega ad AsiaNews: "La popolazione è sconvolta: la frana ha cancellato mille ettari di terreno ed innumerevoli vite umane". Caritas filippina: "Siamo concentrati sull'evacuazione della zona e la salvaguardia dei più deboli, bambini ed anziani".





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®