21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/09/2017, 15.43

    TERRA SANTA

    Gerusalemme, leader cristiani accusano Israele di ‘indebolire la presenza cristiana’



    Dichiarazione congiunta dei capi delle Chiese della città santa. Criticata la sentenza sul caso della “Porta di Jaffa”. La comunità cristiana “dinamica e vivace” è un elemento essenziale della società. Appello alle “Chiese cristiane in tutto il mondo, ai Capi di Governo e a tutte le persone di buona volontà”.

    Gerusalemme (AsiaNews) – “Vediamo in queste azioni un tentativo sistematico per minare l’integrità della Città Santa di Gerusalemme e della Terra Santa e indebolire la presenza cristiana. Così i leader delle Chiese di Gerusalemme accusano Israele di violare lo Statu quo (o Status quo) che stabilisce le modalità di accesso e preghiera nei luoghi di culto di Terra Santa.

    La dichiarazione pubblicata ieri si riferisce alla sentenza del caso della “Porta di Jaffa”, che conferma la cessione di tre edifici della Chiesa ortodossa a un gruppo di coloni ebraici, e un disegno di legge “politicamente motivato e che limiterebbe i diritti delle Chiese sulle loro proprietà”. Non specificata dal comunicato, la proposta di legge citata è con tutta probabilità quella che prevede la nazionalizzazione dei beni delle Chiese venduti ad aziende private, proposta dal partito Kulanu e votata da 39 membri della Knesset.

    Per i leader delle Chiese, queste azioni mirano a indebolire la presenza cristiana in Terra Santa: “Affermiamo, nella maniera più chiara possibile, che una comunità cristiana dinamica e vivace è un elemento essenziale nella composizione della nostra società così diversificata, e le minacce alla comunità cristiana non possono che acuire le tensioni inquietanti emerse in questi momenti difficili”. “Tali tentativi di sconvolgere la comunità cristiana di Gerusalemme e della Terra Santa non riguardano solo una Chiesa; colpiscono tutti noi e colpiscono i cristiani e tutte le persone di buona volontà in tutto il mondo”, continua il comunicato. “Siamo sempre stati fedeli alla nostra missione di garantire che Gerusalemme e i Luoghi Santi siano aperti a tutti senza distinzioni o discriminazioni”.

    I capi delle Chiese si rivolgono poi “ai leader e ai fedeli delle Chiese cristiane in tutto il mondo, ai Capi di Governo e a tutte le persone di buona volontà… Non potremo sottolineare mai abbastanza la gravità delle conseguenze prodotte dall’attuale e sistematico attacco allo Statu quo sull’integrità di Gerusalemme e sul benessere delle comunità cristiane della Terra Santa così come sulla stabilità della nostra società”.

    Da anni, gruppi di ebrei israeliani cercano di impossessarsi di spazi a Gerusalemme e dintorni, facendo pressioni economiche e politiche sui residenti arabi cristiani e musulmani, acquistando terreni, o espropriandoli.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/07/2017 11:20:00 TERRA SANTA
    Gerusalemme, una conferenza interreligiosa per la pace e il perdono

    Hanno partecipato all’evento rappresentanti di tutte e tre le religioni monoteistiche di Terra Santa. In un mondo dove ferire l’altro è un “passatempo”, serve intraprendere un cammino per un futuro non segnato dall’odio. Chi serba rancore ne è la prima vittima. Fondamentale, educare i bambini destinati a portare questi valori nel futuro. Per il Cardinal Tagle bisogna seguire l’esempio di Cristo sulla croce nella testimonianza del perdono.



    24/06/2016 12:48:00 ISRAELE-PALESTINA-TERRA SANTA
    P. Pierbattista Pizzaballa amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme

    Nello stesso giorno, la Santa Sede accetta le dimissioni di Fouad Twal, patriarca dei latini, e nomina l’ex custode di Terra Santa come amministratore apostolico del patriarcato. Rispondere alle nuove sfide, affrontando i cambiamenti geopolitici e socio-religiosi che avvengono in Medio oriente.



    14/08/2017 12:57:00 TERRA SANTA
    Teofilo III contro la giustizia israeliana: proprietà greco-ortodosse trafugate in modo ‘illegale’

    Nel 2004 il precedente patriarca aveva venduto proprietà della Chiesa nella Città Vecchia a un’organizzazione di coloni ebraici. Il Patriarcato si era opposto alla vendita autorizzata, avviando una battaglia legale. Il 1 agosto, la corte israeliana ha confermato l’accordo di vendita. Teofilo III annuncia ricorso alla Corte suprema condannando la decisione “politica”. Essa avrà “il più negativo degli effetti sulla presenza cristiana in Terra Santa”.



    09/10/2006 TERRA SANTA
    Documento dei patriarchi cristiani per uno statuto di Gerusalemme
    I capi delle Chiese cristiane rilevano che il metodo unilaterale fin qui usato non ha dato alla città santa pace, né una vita normale per i suoi abitanti e chiedono la creazione di un comitato per affrontare il problema dell'ordinamento futuro di Gerusalemme, che deve essere internazionalmente garantito.

    14/07/2005 TERRA SANTA - PALESTINA - ISRAELE
    L'Autorità palestinese riconosce la rimozione di Ireneos I




    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®