25 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/07/2017, 10.30

    ISRAELE - PALESTINA

    Gerusalemme sigillata a seguito dell’attacco alla Spianata



    Chiuso l’accesso fino a domani, quando si terrà un incontro del gabinetto di sicurezza. Morti due poliziotti israeliani drusi. Netanyahu promette che non ci saranno modifiche allo status quo, ma la Spianata delle Moschee resta al centro di tensioni e violenze.

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) – A seguito dell’attacco di ieri mattina in cui sono morti i tre assalitori e i due poliziotti drusi, tutti arabo-israeliani, le forze di sicurezza ebraiche hanno chiuso l’accesso alla Spianata delle Moschee (Monte del Tempio per la religione ebraica) fino a domani, domenica 16 luglio.

    La polizia israeliana ha trattenuto 58 lavoratori dell’Islamic Endowment (o Waqf), i custodi della Spianata, per interrogarli sull’accaduto. Nel pomeriggio, la polizia ha trattenuto Muhammed Ahmad Hussein, il gran muftì di Gerusalemme, mentre guidava la preghiera del venerdì fuori della Città vecchia, alla Porta di Damasco, e criticava la decisione di chiudere la Spianata. È stato rilasciato più tardi.

    La Spianata rimarrà chiusa fino a domani, per poi essere riaperta gradualmente ai fedeli islamici a seguito di un incontro del gabinetto di sicurezza. Era la prima volta in anni che nell’area non si teneva la preghiera del venerdì: a quanto riferiscono fonti del Waqf a Haaretz, l’ultima volta era accaduto nel 1969.

    Tuttavia, la decisione è stata colta con relativa calma dai palestinesi, e non si sono verificate ulteriori violenze. Durante una telefonata, il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso al presidente dell’Autorità nazionale palestinese Mahmoud Abbas che lo status quo della Spianata – secondo il quale l’area è riservata alla preghiera solo ai musulmani – non cambierà. Dal canto suo, Abbas ha condannato l’attacco.

    La Spianata delle Moschee si conferma essere un nervo scoperto fra le due parti. Molti palestinesi temono che venga messo in discussione lo status quo e ad esacerbare le tensioni ci sono le continue incursioni di estremisti ebraici che chiedono che la moschea venga distrutta per spazio a un tempio ebraico.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/07/2017 09:15:00 ISRAELE - PALESTINA
    Sparatoria a Gerusalemme: tre palestinesi morti e tre israeliani feriti

    I tre assalitori palestinesi hanno aperto il fuoco alle 7:00, ferendo i tre poliziotti israeliani, per poi essere uccisi. Non sono ancora conosciute le identità.



    22/07/2017 08:50:00 ISRAELE – PALESTINA
    Proteste a Gerusalemme: centinaia di palestinesi feriti e tre morti

    La tensione era stata alta sin dalla mattina. Gli scontri sono esplosi dopo la preghiera, scatenati dal lancio di granate stordenti da parte della polizia per separare i gruppi di manifestanti. Le vittime avevano fra i 18 e i 20 anni. In serata, un palestinese ha accoltellato a morte tre coloni perché “non c’è vita dopo quello che ho visto ad al-Aqsa”.



    19/07/2017 08:54:00 ISRAELE - PALESTINA
    Gerusalemme: scontri fra polizia e fedeli musulmani

    Le violenze sono esplose alla fine della preghiera serale. I fedeli pregavano fuori dalla Spianata in protesta contro i metal detector. Fatah incoraggia il “Giorno dell’Ira”.



    24/07/2017 08:21:00 GIORDANIA-ISRAELE
    Ambasciata di Israele ad Amman: due giordani uccisi e un israeliano ferito

    Le forze di sicurezza di Amman hanno sigillato e messo sotto controllo il quartiere. Poche notizie date dalla polizia giordana. Il ministero israeliano degli esteri pone la censura sull’accaduto. L’appello di papa Francesco.



    25/05/2017 13:39:00 ISRAELE - PALESTINA
    Nel giorno della sua 'riunificazione', Gerusalemme è più divisa che mai

    Israeliani marciano per ricordare la presa dell’area est durante la Guerra dei sei giorni. Alcuni attivisti e palestinesi cercano di fermare la marcia, fermati dalla polizia. Scontri dentro e intorno alla Spianata delle moschee. Peace Now: usare il Monte del Tempio per motivi politici è un’altra form di colonizzazione, la maggioranza degli israeliani si oppongono a queste celebrazioni.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®