27 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/03/2017, 08.56

    SIRIA - ONU

    Ginevra, al via il quinto round di colloqui sulla Siria. Poche speranze di pace



    All’incontro presenti delegati governativi e rappresentanti delle opposizioni. Non vi saranno colloqui “diretti” e le posizioni appaiono sempre più distanti. Gli scontri di questi giorni, che hanno investito la capitale, hanno innalzato la tensione. L’inviato speciale Onu in visita ad Ankara, Mosca e Riyadh per mediare un accordo.

     

    Ginevra (AsiaNews/Agenzie) - Inizia oggi a Ginevra, in Svizzera, il quinto round di colloqui di pace sulla Siria mediati dalle Nazioni Unite. All’incontro dovrebbero partecipare sia i delegati del governo, che i rappresentanti dell’opposizione sebbene le posizioni fra i due fronti appaiono sempre più distanti ed è difficile ipotizzare un accordo. Intanto sul terreno si registra una ulteriore escalation di violenze che, negli ultimi giorni, ha investito anche Damasco e che fa vacillare sempre più la “fragile” tregua nazionale in vigore dalla mezzanotte del 30 dicembre.

    L’inviato speciale Onu Staffan de Mistura aveva mostrato un cauto ottimismo al termine del quarto incontro, avvenuto a fine febbraio. Secondo l’alto diplomatico - impegnato in un tour diplomatico che tocca Ankara, e poi Mosca e Riyadh per rilanciare i dialoghi - il clima sembra essere “migliore” rispetto ai precedenti “colloqui indiretti” del passato. Piccoli passi in avanti favoriti anche dagli incontri di Astana a gennaio; lo sforzo diplomatico avrebbe favorito la stesura di una “chiara agenda” su cui discutere e che ora “è tutto pronto” per andare avanti.

    In base agli accordi raggiunti in precedenza fra i due fronti, in questi colloqui si dovrebbe discutere di forma di governo, una nuova bozza di Costituzione, elezioni e lotta al terrorismo. Tuttavia, la situazione sul terreno si fa sempre più critica e le condizioni relative alla sicurezza sono peggiorate, soprattutto a Damasco e nella provincia centrale di Hama.

    E appare difficile anche in questo caso la prospettiva di colloqui “diretti” fra i due fronti.

    Nei giorni scorsi gruppi ribelli e jihadisti hanno assaltato quartieri della capitale, cogliendo di sorpresa le forze governative. In risposta, l’aviazione del presidente Bashar al-Assad ha colpito con raid aerei e lanci di razzi e missili, inasprendo ancor più il clima alla vigilia dei negoziati.

    L’opposizione vuole discutere in primis della cacciata del presidente Assad, condizioni primaria per riportare la pace nel Paese; l’obiettivo primario del governo è “la lotta contro il terrorismo”, termine con il quale Damasco identifica l’intera galassia dell’opposizione armata, jihadista e non.

    La tragedia del conflitto siriano, divampata nel marzo 2011 ed entrata nel settimo anno, è racchiusa nelle cifre rilanciate in questi giorni dalle Nazioni Unite e ong impegnate sul terreno: oltre 320mila morti, quasi la metà della popolazione sradicata dalle proprie case, dalle proprie origini. Deceduti 96mila civili, di cui 17mila erano bambini. Su una popolazione di 23 milioni di abitanti prima della guerra, oggi vi sono 6,6 milioni di sfollati interni; altri 4,7 milioni vivono in città sotto assedio o in aree difficili da raggiungere.

    Secondo l’Alto commissariato Onu per i rifugiati 4,9 milioni di persone hanno lasciato il loro Paese. E il 90% di questi vive in condizioni di povertà, un altro 10% è considerato “estremamente vulnerabile”. Per gli esperti la guerra ha fatto arretrare di decenni quello che era uno degli Stati più evoluti dal punto di vista economico, culturale e sociale di tutta la regione mediorientale. In grave crisi i sistemi educativo e sanitario, crollato del 55% il volume degli affari fra il 2010 e il 2015.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/05/2017 08:55:00 ONU - SIRIA
    Ginevra, al via un nuovo round di colloqui di pace Onu sulla Siria

    Dubbi e incertezze aleggiano sull’incontro. Per il presidente Assad è un processo politico “nullo” e a “beneficio dei media”. Più efficaci i vertici di Astana. Ma l’inviato speciale Onu smentisce le contrapposizioni e parla di lavoro diplomatico “in tandem”. Nuove accuse Usa a Damasco: forno crematorio in carcere per nascondere le prove degli omicidi di massa. 

     



    19/05/2017 08:54:00 SIRIA - ONU
    Governo siriano e ribelli aprono a una revisione costituzionale mediata dall’Onu

    Allo studio la creazione di un gruppo di esperti bipartisan chiamati a discutere di “questioni costituzionali”. L’inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria parla di primo risultato tangibile dei colloqui. Ma i due fronti smorzano gli entusiasmi. Caccia Usa colpiscono forze siriane filo-governative nei pressi del confine con la Giordania: otto morti. 

     



    15/03/2017 12:08:00 SIRIA
    Nunzio a Damasco: la guerra, “tsunami di violenza” che si è “abbattuto” su famiglie e città

    Ad AsiaNews il card. Zenari racconta sei anni di conflitto che lo hanno “toccato nel profondo”. Un “coinvolgimento” nella sofferenza e un sentimento di “solidarietà” verso il popolo siriano. Il dramma delle famiglie spezzate e un tessuto sociale da ricostruire. La speranza che i colloqui di Ginevra e Astana “portino frutto”. I numeri di sei anni di conflitto.

     



    16/09/2016 13:28:00 SIRIA
    Parroco di Aleppo: Un razzo ha colpito il vescovado siro-cattolico. Timori per la tregua (FOTO)

    Ad AsiaNews p. Ibrahim Alsabagh parla di “isolati episodi di violenza” che “preoccupano” la popolazione civile. Eventi “improvvisi” che alimentano il clima di “instabilità e insicurezza”. Serve una “tregua duratura” che permetta la distribuzione di cibo e aiuti. Situazione critica anche nella zona est. I cristiani pregano per la salvezza della città. 



    21/12/2016 11:23:00 SIRIA
    Aleppo, con canti e balli la popolazione celebra la fine dei combattimenti

    Negli ultimi giorni fuggiti 6mila combattenti con le loro famiglie. In città sono rimasti due milioni di civili, che festeggiano la vittoria dell’esercito governativo. Canti e balli in una piazza del quartiere armeno. La polizia ha intercettato e disinnescato un ordigno. Jihadisti ed estremisti cercano la vendetta. Ma le persone non sembrano intimorite e vogliono ricominciare a vivere. 

     





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®