22 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/05/2017, 08.32

    CAMBOGIA

    Giorno della memoria. I cambogiani ricordano le vittime dei Khmer rossi



    Quasi nessuna famiglia cambogiana risparmiata dal genocidio. Il giorno della memoria anticipato a causa della campagna elettorale. Forti tensioni diffuse in tutto il Paese. Il primo ministro Hun Sen minaccia una guerra civile in caso di sconfitta.

    Phnom Penh (AsiaNews/Agenzie) – Centinaia di persone si sono riunite in uno dei più famosi “Killing Fields” della Cambogia per ricordare le vittime del genocidio di almeno 1,8 milioni di cambogiani ad opera dei Khmer rossi, al potere dal 1975 al 1979.

    La maggior parte delle vittime è morta di fame, in seguito a torture, per stanchezza o malattia nei campi di lavoro o uccisa durante le esecuzioni di massa. A Choeung Ek, a circa 15 km dalla capitale cambogiana, le piogge pesanti tutt’ oggi lavano frammenti di ossa e brandelli degli abiti delle vittime nelle fosse comuni. Una catasta di teschi e ossa è al centro del memoriale di un'epoca in cui quasi nessuna famiglia cambogiana è stata risparmiata.

    Di solito il giorno della memoria, una volta noto come “il giorno dell'odio”, si celebra il 20 maggio ma quest'anno è stato anticipato a causa della campagna elettorale per le elezioni amministrative del prossimo 4 giugno. In previsione delle consultazioni, forti tensioni si sono diffuse in tutto il Paese.

    Il primo ministro Hun Sen, un ex quadro dei Khmer rossi che governa da oltre 30 anni, ha minacciato una possibile guerra civile qualora il suo Partito del popolo cambogiano non dovesse vincere le elezioni. I suoi avversari lo accusano di usare tattiche intimidatorie e di sottomissione per mantenere il potere.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/08/2014 CAMBOGIA
    Phnom Penh: tribunale Onu condanna all’ergastolo due ex leader dei Khmer rossi
    Si tratta di Nuon Chea - “fratello numero due” e vice di Pol Pot - e Khieu Samphan, ex capo di Stato del regime. Entrambi sono stati riconosciuti colpevoli di crimini contro l’umanità. I legali parlano di “ingiustizia” e annunciano ricorso in appello. Soddisfazione fra i parenti delle vittime, ma l’odio “resta immutato”.

    30/07/2014 CAMBOGIA
    Cambogia, al via il secondo processo contro gli ultimi khmer rossi in vita
    Per "cercare di sbrigarsi", il Tribunale speciale dell'Onu divide i procedimenti contro Khieu Samphan e Nuon Chea, ultimi due leader del regime degli khmer rossi ancora in vita. I crimini risalgono al periodo 1975-1979. Il verdetto per il processo sui crimini contro l'umanità è atteso per il prossimo 7 agosto.

    03/02/2012 CAMBOGIA
    Tribunale dei Khmer rossi: in appello, ergastolo per il compagno Duch
    In primo grado il direttore della prigione S-21, dove sono morte decine di migliaia di cambogiani, aveva subito una condanna a 30 anni. Per i giudici i crimini commessi "sono i peggiori nella storia dell'uomo". Egli è l'unico ad aver ammesso le proprie colpe. Centinaia di sopravvissuti al regime hanno ascoltato la lettura della sentenza.

    06/05/2011 CAMBOGIA
    Giovane cambogiana: studiare i Khmer rossi, per evitare di ripetere il passato
    In una lettera la ragazza sottolinea la storia del Paese non sono solo “il paradiso” dei templi Angkor, ma anche “l’inferno” dei seguaci di Pol Pot. Per molti, invece, la memoria è “dolorosa”, “inutile” o comunque percepita come appartenente “al passato e conclusa”. Denuncia degli attivisti: a rischio i processi del tribunale internazionale Onu.

    12/07/2006 CAMBOGIA
    Si avvicina il processo e i capi dei Khmer Rossi si nascondono
    Si perdono  le tracce di vecchi leader del regime come Khieu Samphan, mentre danno poco affidamento i giudici cambogiani e aumentano i dubbi sul regolare svolgimento del processo.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®