Skin ADV
09 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 27/07/2012, 00.00

    ITALIA – CAMBOGIA

    Giovane ed entusiasta: la Chiesa in Cambogia insegna “carità e valore” della vita

    Dario Salvi

    P. Mario Ghezzi, missionario del Pime, racconta ad AsiaNews la missione a Phnom Penh. La fede è “fragile” e va “aiutata e sostenuta”. La crisi del buddismo ha lasciato il Paese senza guide morali. La carità attraverso Cristo, via per evangelizzare. L’aiuto concreto a poveri, malati e bisognosi diventa esempio da imitare.

    Roma (AsiaNews) - Una realtà "giovane ed entusiasta", caratterizzata però da elementi che la rendono "fragile" e per questo va "aiutata e sostenuta" nella crescita. Così p. Mario Ghezzi, sacerdote italiano del Pontificio istituto missioni estere (Pime) da 12 anni in Cambogia, descrive ad AsiaNews la fede della popolazione e l'opera della Chiesa, impegnata soprattutto nel campo sociale. Evangelizzazione e carità, aggiunge, vanno "di pari passo", perché "la carità senza Cristo è impossibile". Dall'aiuto agli altri, dalla testimonianza di opere concrete, dall'attenzione ai malati e ai più deboli nascono occasioni di incontro e confronto, in particolare con i giovani, che poi si trasformano in un'esperienza di conversione che spinge molti buddisti - una religione "in crisi" - a intraprendere il catecumenato e, dopo tre anni, ricevere il battesimo. Anche se, a distanza di anni, permane la diffidenza verso chi decide di diventare cattolico, spesso additato come "traditore della patria".

    In Italia per un breve periodo di vacanza, p. Ghezzi - sacerdote di origini milanesi - ripartirà per la nazione asiatica ai primi di agosto. AsiaNews lo ha incontrato e ha raccolto il suo racconto sulla Chiesa in Cambogia, la società e i problemi della missione. "La sfida grande del cristianesimo - spiega - è di iniziare a instillare nel cuore di ognuno il valore profondo della vita, la dignità personale di ciascun individuo". A questo primo punto, si aggiungono altri due fattori chiave: "la fiducia in Dio e nel rapporto personale con Lui" e, di conseguenza, la "fiducia nei rapporti con i fratelli" e, da ultimo, "l'idea di perdono" che è "difficilissima" da far comprendere e accettare.

    La Cambogia è ancora oggi segnata dai massacri compiuti negli anni negli anni '70 dai Khmer rossi, che hanno sterminato un quarto della popolazione e generato un clima di odio e sospetto persino fra padri e figli. L'ideologia fanatica maoista perseguita da Pol Pot ha inoltre portato all'annientamento sistematico di intellettuali, studiosi e leader religiosi. Per questo il buddismo  oggi, a distanza di 30 anni, è privo di guide autorevoli, in una realtà che p. Ghezzi definisce "post bellica" senza una vera "trasmissione della fede e una formazione delle nuove generazioni", determinando al contempo la "mancanza di una guida morale per il Paese".

    La fede dei cambogiani, continua il missionario Pime, parroco in un sobborgo di Phnom Penh, è "giovane ed entusiasta", ma "fragile" perché chi incontra Cristo fatica poi a "trovare una realtà circostante che aiuti nel cammino". Soprattutto quando, lasciati i villaggi e le piccole comunità, i giovani convertiti si trovano ad affrontare la capitale. Per questo è necessario "far scattare il senso di appartenenza a una nuova comunità", perché far capire loro che "il battesimo è solo l'ingresso", l'inizio di un nuovo percorso. Del resto, aggiunge, nel mondo buddista "non esiste il concetto di comunità e la salvezza  è un obiettivo che raggiungi da solo", mentre per noi cattolici "è mediata dalla Chiesa".

    Tuttavia, il cristianesimo continua ad affascinare i cambogiani tanto che "nel 2011 nella notte di Pasqua sono state battezzate 300 persone, mentre quest'anno erano più di 200". Sono numeri "significativi", chiarisce p. Ghezzi, perché "noi chiediamo un lungo cammino di preparazione, di almeno tre anni" prima dell'ingresso vero e proprio nella comunità cristiana. Il cristiano propone l'ideale della carità e "questo elemento ha un impatto molto forte sul cambogiano". "In molti - racconta il sacerdote - cominciano a porsi delle domande sul significato dei nostri gesti verso i poveri, i malati, gli emarginati. Colpisce in particolare l'esperienza con gli ammalati: quando una persona si trova di fronte a gesti di carità gratuita, viene spontaneo chiedere quali siano le ragioni e l'origine di questa solidarietà".

    Ed è proprio attraverso la solidarietà, la carità, la gratuità che nascono occasioni di incontro e di conversione, in particolare fra i giovani. La storia di Reaksmei, giovane buddista proveniente dalle campagne,  è solo uno dei molti esempi: un ragazzo povero, cresciuto in una pagoda dove riusciva a stento a mangiare. Poi l'ingresso in un ostello e in una scuola cattolica, dove all'inizio fatica ad integrarsi. Nel tempo, racconta p. Ghezzi, incontra un gruppo di giovani vicini alla comunità di Sant'Egidio che, all'insegna dei principi di amicizia, preghiera e attenzione ai poveri, presta aiuto ai più sfortunati e agli emarginati nella capitale. Seguendo il loro esempio - perché il cambogiano "non fa domande, ma guarda all'esperienza" sottolinea il sacerdote - ha raccolto un gruppo di ragazzi e "ha tentato di fare la stessa cosa, creando piccoli manufatti da vendere e, col ricavato, acquistare cibo o beni di prima necessità per i poveri". Oggi Reaksmei segue il cammino di catecumenato e vuole essere battezzato: "non so se andrà a fondo nel cammino - conclude il missionario  - ma certo lascerà la parrocchia con uno sguardo diverso sulla realtà e sulla vita".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/12/2014 CAMBOGIA
    Il Natale di Vuon, convertito cambogiano che grazie a Gesù ha vinto la malattia
    Vuon è un giovane affetto da poliomelite, che nella fede ha trovato la forza per “continuare a camminare”. Dall’infanzia fra i bambini di strada della capitale, alla ricerca di un lavoro, fonte di riscatto. Grazie all’incontro con Gesù riesce a superare i problemi di alcolismo e costruirsi una famiglia. Da un missionario del Pime in Cambogia.

    30/05/2013 CAMBOGIA – ARGENTINA
    Missionario Pime: dall’Argentina a Phnom Penh, per ricostruire la Chiesa cambogiana
    P. Gustavo Adrian Benitez è il primo sacerdote argentino del Pime. Arrivato in Cambogia nel 2000, nel Paese asiatico ha deciso di diventare missionario e dedicare la propria vita all’annuncio del Vangelo. Egli racconta una Chiesa giovane e attiva, che “si apre a tutti” e invita “all’incontro”. E conquista i buddisti per la “dimensione comunitaria”.

    17/03/2010 CAMBOGIA
    Missionario del Pime: Istituto San Paolo, polo di eccellenza per l’istruzione in Cambogia
    Il nuovo centro di studi superiori è “un’opera imponente” che accredita le scuole cattoliche “presso il mondo universitario”. P. Alberto Caccaro: puntare su “qualità e contenuti”, per offrire un valido percorso di studi a studenti bisognosi. Il centro, dotato di biblioteca e 25 aule con connessione internet, ospiterà 190 studenti.

    22/07/2006 ITALIA - PIME
    P. Maestrini "missionario dell'informazione e della carità"

    Padre Nicola Maestrini, precursore del dialogo interreligioso e uomo di preghiera, si è spento a 98 anni vicino Lecco. Convinto da sempre dell'importanza dei media nella diffusione delle idee della missione, ha fondato il giornale diocesano di Hong Kong ed il Catholic Life americano.



    21/05/2015 CAMBOGIA
    Missionario Pime: un ostello per i giovani cambogiani per scoprire fede, speranza e carità
    P. Mario Ghezzi racconta la vita alla “House of hope”, un centro che ospita circa 35 ragazzi e ragazzi di un’area remota. La struttura è nata grazie all’impegno di una cattolica cambogiana, per permettere ai giovani di continuare gli studi. Nella vita in comune e nella partecipazione alle iniziative l’incontro con la fede.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®