21 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 25/01/2013
EGITTO
Giovane leader egiziano: L'Occidente sostenga la nostra lotta contro gli islamisti
Per il secondo anniversario della Rivoluzione dei gelsomini, milioni di giovani manifestano oggi in tutto il Paese contro il governo di Fratelli Musulmani e salafiti. Dalla caduta di Mubarak nulla è cambiato. Per Nagui Damian, giovane leader copto, la popolazione è pronta a tutto pur di far sentire la propria voce. Si temono scontri, anche violenti, con le forze dell'ordine.

Il Cairo (AsiaNews) - "I Paesi occidentali devono sostenere le nostre richieste e la nostra lotta contro gli islamisti. I Fratelli Musulmani non hanno a cuore il bene comune, ma desiderano solo il potere. Oggi, milioni di egiziani manifesteranno per tutto il Paese per dimostrare al mondo che la rivoluzione dei Gelsomini è viva e non è terminata con la caduta di Mubarak". È l'appello di Nagui Damian, giovane copto cattolico fra i leader della Rivoluzione, che descrive ad AsiaNews il clima di tensione che sta vivendo il Paese. "La popolazione - afferma - desidera un reale cambiamento democratico del Paese ed è disposta a tutto pur di ottenerlo. Temiamo scontri, anche violenti, con la polizia". Per il giovane non bastano delle votazioni e due referendum caratterizzate da brogli e discriminazioni per fare dell'Egitto un Paese democratico.  

Da ieri sera, migliaia di persone affollano piazza Tahrir al Cairo e a Heliopolis sede del palazzo presidenziale. Altre manifestazioni sono previste nei quartieri di Helwan, Shubra, al-Zawaya, Imbaba e Mostafa Mahmoud square. Nagui Damian sottolinea che grandi manifestazioni si terranno ad Alessandria, Assuit, Port Saud, Suez, Sharqiya, Kafr al-Sheikh. Per evitare ulteriori tensioni, Fratelli Musulmani e salafiti diserteranno i cortei. Con una mossa dal sapore populista, essi hanno organizzato una campagna per la promozione della salute, offrendo in tutti gli ospedali una settimana di controlli sanitari gratuiti.

Il giovane copto racconta che gli islamisti sono coscienti della perdita di consensi fra la popolazione. "In due anni - spiega - le nostre richieste sono rimaste inascoltate. Sui media gli islamisti dipingono l'Egitto come un Paese democratico, ma in realtà zittiscono chiunque osi criticarli". Nagui Damian cita come esempio il caso della costituzione basata sulla sharia, approvata con un "finto" referendum, vinto grazie alla propaganda degli imam nelle moschee delle aree rurali, dove oltre il 50% della popolazione è analfabeta. "Gli islamisti hanno paura della cultura, per questo tentano di screditare i giovani della Rivoluzione. Essi hanno volutamente nascosto il reale testo della Costituzione, che a tutt'oggi è introvabile nelle librerie e nelle biblioteche. Chi desidera acquistare il documento deve accontentarsi di testi non ufficiali, stampati senza il timbro del governo".  Secondo il giovane questo è uno dei tanti esempi del mal governo dei Fratelli Musulmani. Essi vogliono accontentare tutti: "I processi ai responsabili dei massacri di Maspero e Mohammed Mahmoud street sono fermi. Nessuno dei sospettati, in gran parte militari, è stato condannato. I salafiti che attaccano i villaggi cristiani nell'Alto Egitto restano impuniti".  

Nagui Damian chiede alle democrazie occidentali di non allentare l'interesse e il sostegno alle migliaia di giovani egiziani disposti a sacrificare la propria vita per un Paese rispettoso dei diritti umani, libertà religiosa e attento ai bisogni di tutta la popolazione. "L'occidente - afferma - crede a un processo di cambiamento che non corrisponde alla realtà. I discorsi di Morsi sulla collaborazione con l'opposizione sono pura propaganda e servono soprattutto per ingannare Europa e Stati Uniti e ottenere i loro finanziamenti". (S.C.)

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
26/01/2013 EGITTO
Egitto, ancora scontri fra polizia e manifestanti: 12 morti e quasi 500 feriti
09/09/2011 EGITTO
Egitto, partiti laici in piazza per dare una sterzata alla rivoluzione dei gelsomini
29/07/2011 EGITTO
Decine di migliaia in piazza Tahrir chiedono un'identità araba e islamica per il Paese
30/05/2013 EGITTO
Giovani egiziani rilanciano la rivoluzione: oltre 7 milioni di firme contro il governo Morsi
22/06/2011 EGITTO
Dubbi sul nuovo volto “moderato” del grande imam di Al-Azhar

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate