01 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/01/2013, 00.00

    EGITTO

    Giovane leader egiziano: L'Occidente sostenga la nostra lotta contro gli islamisti



    Per il secondo anniversario della Rivoluzione dei gelsomini, milioni di giovani manifestano oggi in tutto il Paese contro il governo di Fratelli Musulmani e salafiti. Dalla caduta di Mubarak nulla è cambiato. Per Nagui Damian, giovane leader copto, la popolazione è pronta a tutto pur di far sentire la propria voce. Si temono scontri, anche violenti, con le forze dell'ordine.

    Il Cairo (AsiaNews) - "I Paesi occidentali devono sostenere le nostre richieste e la nostra lotta contro gli islamisti. I Fratelli Musulmani non hanno a cuore il bene comune, ma desiderano solo il potere. Oggi, milioni di egiziani manifesteranno per tutto il Paese per dimostrare al mondo che la rivoluzione dei Gelsomini è viva e non è terminata con la caduta di Mubarak". È l'appello di Nagui Damian, giovane copto cattolico fra i leader della Rivoluzione, che descrive ad AsiaNews il clima di tensione che sta vivendo il Paese. "La popolazione - afferma - desidera un reale cambiamento democratico del Paese ed è disposta a tutto pur di ottenerlo. Temiamo scontri, anche violenti, con la polizia". Per il giovane non bastano delle votazioni e due referendum caratterizzate da brogli e discriminazioni per fare dell'Egitto un Paese democratico.  

    Da ieri sera, migliaia di persone affollano piazza Tahrir al Cairo e a Heliopolis sede del palazzo presidenziale. Altre manifestazioni sono previste nei quartieri di Helwan, Shubra, al-Zawaya, Imbaba e Mostafa Mahmoud square. Nagui Damian sottolinea che grandi manifestazioni si terranno ad Alessandria, Assuit, Port Saud, Suez, Sharqiya, Kafr al-Sheikh. Per evitare ulteriori tensioni, Fratelli Musulmani e salafiti diserteranno i cortei. Con una mossa dal sapore populista, essi hanno organizzato una campagna per la promozione della salute, offrendo in tutti gli ospedali una settimana di controlli sanitari gratuiti.

    Il giovane copto racconta che gli islamisti sono coscienti della perdita di consensi fra la popolazione. "In due anni - spiega - le nostre richieste sono rimaste inascoltate. Sui media gli islamisti dipingono l'Egitto come un Paese democratico, ma in realtà zittiscono chiunque osi criticarli". Nagui Damian cita come esempio il caso della costituzione basata sulla sharia, approvata con un "finto" referendum, vinto grazie alla propaganda degli imam nelle moschee delle aree rurali, dove oltre il 50% della popolazione è analfabeta. "Gli islamisti hanno paura della cultura, per questo tentano di screditare i giovani della Rivoluzione. Essi hanno volutamente nascosto il reale testo della Costituzione, che a tutt'oggi è introvabile nelle librerie e nelle biblioteche. Chi desidera acquistare il documento deve accontentarsi di testi non ufficiali, stampati senza il timbro del governo".  Secondo il giovane questo è uno dei tanti esempi del mal governo dei Fratelli Musulmani. Essi vogliono accontentare tutti: "I processi ai responsabili dei massacri di Maspero e Mohammed Mahmoud street sono fermi. Nessuno dei sospettati, in gran parte militari, è stato condannato. I salafiti che attaccano i villaggi cristiani nell'Alto Egitto restano impuniti".  

    Nagui Damian chiede alle democrazie occidentali di non allentare l'interesse e il sostegno alle migliaia di giovani egiziani disposti a sacrificare la propria vita per un Paese rispettoso dei diritti umani, libertà religiosa e attento ai bisogni di tutta la popolazione. "L'occidente - afferma - crede a un processo di cambiamento che non corrisponde alla realtà. I discorsi di Morsi sulla collaborazione con l'opposizione sono pura propaganda e servono soprattutto per ingannare Europa e Stati Uniti e ottenere i loro finanziamenti". (S.C.)

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/01/2013 EGITTO
    Egitto, ancora scontri fra polizia e manifestanti: 12 morti e quasi 500 feriti
    E' il secondo anniversario della Rivoluzione dei gelsomini. Gli scontri più gravi a Suez, dove l'esercito ha blindato l'ingresso al canale. Il presidente Mohamed Morsi minaccia di usare il pugno di ferro contro i responsabili delle violenze. Port Said in fiamme dopo il verdetto sul massacro di tifosi del 2 febbraio 2012. Assaltate le caserme di polizia.

    09/09/2011 EGITTO
    Egitto, partiti laici in piazza per dare una sterzata alla rivoluzione dei gelsomini
    Alla protesta hanno aderito migliaia di giovani, ma non i partiti islamici. Fra le richieste la fine della legge marziale e l’espulsione degli ex delle regime dalle istituzioni. Egitto ormai diviso fra laici democratici e partiti islamici. Cresce la paura fra i cristiani.

    29/07/2011 EGITTO
    Decine di migliaia in piazza Tahrir chiedono un'identità araba e islamica per il Paese
    Organizzate da gruppi e partiti musulmani, le proteste pacifiche hanno coinvolto anche movimenti laici e copti. Manifestazioni in contemporanea anche ad Alessandria e Suez. Cresce il potere dei Fratelli musulmani che potrebbero sfruttare il Ramadan a scopo elettorale.

    30/05/2013 EGITTO
    Giovani egiziani rilanciano la rivoluzione: oltre 7 milioni di firme contro il governo Morsi
    La campagna vuole raggiungere 15 milioni di adesioni entro il 30 giugno. Gli organizzatori sono un gruppo di giovani che si fanno chiamare "i ribelli". L'iniziativa è un'alternativa alle manifestazioni di piazza e suscita timori fra i Fratelli Musulmani.

    22/06/2011 EGITTO
    Dubbi sul nuovo volto “moderato” del grande imam di Al-Azhar
    Ahmed Al-Tayeb apre allo Stato laico. Secondo lui non è in contraddizione con la legge islamica. Fonti di AsiaNews: il pluralismo di Al Azhar e Fratelli musulmani serve per raccogliere consensi in vista delle elezioni.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin, il Vaticano e la “logica da banditi” dell’Associazione patriottica

    Gu Feng

    Un sacerdote della Cina centrale ripensa al “voltafaccia” del vescovo di Shanghai e lo paragona a Giovanni il Battista, confinato in prigione dopo le accuse a Erode. La “logica da banditi” dell’Associazione patriottica e del governo tende a eliminare la religione dal Paese. Il Vaticano rischia di contraddirsi venendo a compromessi con l’Associazione patriottica, che papa Benedetto XVI ha definito “incompatibile” con la dottrina cattolica nella Lettera ai cattolici cinesi che papa Francesco non ha smentito, anzi l’ha ribadita.


    CINA - VATICANO
    Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai

    p. Pietro dalla Cina

    Il vescovo ausiliare di Shanghai ha a cuore il benessere della sua diocesi e intende portare da solo il fardello delle sue dichiarazioni di quattro anni fa. Le precisazioni di p. Lombardi sul ruolo della Santa Sede fugano ogni dubbio: la Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa cinese è ancora valida, quindi la posizione dell’Associazione patriottica non è accettata dal Vaticano. Il commento di un sacerdote cinese, traduzione a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®