17 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 19/08/2016, 14.10

    CINA

    Giro di vite contro la Rete: Pechino vuole censurare lo streaming



    Il governo teme le trasmissioni video in diretta su internet e chiede un controllo “a tempo pieno” ai provider che le consentono. Tuttavia l’enorme numero di utenti e la mole dei contenuti immessi rende l’obiettivo difficilissimo da raggiungere.

    Pechino (AsiaNews) – L’Amministrazione cinese per il cyberspazio ha chiesto ai siti internet che consentono le dirette video di controllare “a tempo pieno” i contenuti che vengono trasmessi. I “live streaming” sono molto popolari fra i giovani, e il governo teme la diffusione di “contenuti inappropriati”. Dal punto di vista tecnico non è chiaro come questa richiesta potrà essere accontentata: controllare una diretta è infatti impossibile, a meno che non vada in differita.

    Nel Paese operano circa 80 piattaforme che consentono questo mezzo espressivo. Una delle più grandi, Bilili, sostiene di avere circa 50 milioni di utenti. Secondo il Quotidiano del Popolo la richiesta delle autorità “serve a rafforzare il controllo di sicurezza sui contenuti immessi”. Il controllo “dovrebbe essere efficace 24 ore al giorno”.

    La censura sistematica dei contenuti online è una delle priorità del governo centrale. Attraverso l’identificazione degli utenti e il monitoraggio costante dei siti più popolari, Pechino spera di ottenere un internet “addomesticato” che non diffonda notizie o analisi non gradite. Tuttavia l’enorme numero degli utenti rende molto complicato, e dispendioso, raggiungere l’obiettivo.

    Per rafforzare il controllo sulla Rete, scrive il grande conoscitore di Cina Willy Wo-lap Lam, l’Ufficio generale del Gruppo centrale per la gestione degli affari del cyberspazio (Clgca) e della Lega comunista giovanile hanno lanciato un piano per reclutare 10,5 milioni di “giovani volontari per la civilizzazione di internet”. A ogni università maggiore è stata assegnata una quota di diverse migliaia di volontari da reclutare: il loro lavoro è assicurarsi che ogni materiale politicamente scorretto o “occidentalizzato” venga bandito da internet e dai social media.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/09/2013 CINA
    Legge anti-blogger, arriva il primo arresto: un ragazzino di 16 anni
    Le autorità del Gansu hanno messo subito in pratica la controversa interpretazione della Corte Suprema, che dà alla polizia il potere di arrestare chiunque "crei problemi" su internet. Lo sforzo delle autorità per frenare le denunce online.

    20/06/2006 Cina
    Pechino, nuova ondata di censura: bloccata la ricerca sui maggiori siti cinesi

    Sina e Sohu, i maggiori portali di ricerca su Internet cinesi, sono stati bloccati perché "non sono riusciti a mantenere gli standard governativi e filtrare le parole chiave ritenute politicamente pericolose". Si allunga la lista delle compagnie che accettano la censura del governo.



    13/11/2015 CINA
    Cina, purgati due intellettuali “che hanno criticato il Partito”
    I due, Liang Xinsheng e Zhao Xinwei, avrebbero espresso opinioni “non conformi alla linea” e per questo sono stati allontanati dai propri incarichi. Le nuove linee-guida di condotta per i membri del Pcc sono molto più rigide delle precedenti. Analisti preoccupati: “Si schiaccia del tutto la libertà d’espressione, sembra il ritorno della Rivoluzione culturale”.

    16/11/2005 INTERNET
    Vertice sulla società dell'informazione, il controllo di Internet rimane agli Usa
    Gli Stati Uniti mantengono lo statuto attuale dell'Icann, che gestisce la Rete. Istituito un Forum per tutte le componenti di Internet, le cui discussioni dureranno almeno 5 anni. L''incontro, apertosi oggi a Tunisi, non affronterà il problema della crescente censura sul web.

    23/10/2006 CINA
    Pechino vuole schedare 17 milioni di bloggers

    Secondo il presidente della Società governativa per Internet, comunicare i dati reali degli utenti è una scelta obbligata. Al vaglio la proposta di impedire la pubblicazione di opinioni sotto pseudonimo.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®