2 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/06/2006
stati uniti - Cina
Google ammette: "Con la censura in Cina abbiamo tradito i nostri principi"

Sergey Brin, co-fondatore della compagnia, ha ammesso che la sua compagnia è scesa a compromessi con i suoi principi fondamentali nell'accettare le regole "poco confortevoli" del regime di Pechino.



Washington (AsiaNews/Agenzie) – Sergey Brin, co-fondatore di Google, ha riconosciuto che la sua compagnia ha "compromesso i suoi principi fondamentali nell'accettare la censura del governo cinese".

Incontrandosi ieri con un gruppo di giornalisti, Brin ha spiegato che Google ha accettato le richieste di censura solo dopo che le autorità del Partito avevano bloccato i loro servizi in Cina. I rivali della compagnia, inoltre, avevano già accettato le stesse richieste, che Brin ha descritto come "poco confortevoli".

"Sentiamo di essere scesi a compromessi con i nostri principi – ha aggiunto – ma forse abbiamo fatto qualcosa per fornire alla popolazione cinese un'informazione più completa". "Inoltre – si è giustificato – gli utenti internet non capiscono cosa succede realmente ai loro dati elettronici in un'era come questa, che vede sempre di più aumentare il controllo dei governi sulle informazioni pubblicate in Rete".

I servizi forniti da Google in Cina omettono ogni informazione "politicamente sensibile" che potrebbe essere raggiunta tramite il motore di ricerca della compagnia, uno dei più usati al mondo. Non si può cercare nulla che riguardi i fatti di piazza Tiananmen del 1989, il Dalai Lama, Taiwan, la democrazia o la libertà di espressione.

Il giorno dell'apertura del portale cinese, una nota della compagnia recitava: "Per poter operare in Cina abbiamo rimosso alcuni risultati dalle ricerche e questo è avvenuto per rispettare norme, leggi e regolamenti presenti nel Paese. Rimuovere alcuni dei risultati contraddice il nostro incarico, ma non fornire nessuna informazione lo contraddice ancora di più".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/04/2006 Cina
Google e Pechino collaborano ad un nuovo giro di vite sull'informazione libera
21/04/2006 Cina
Anche Skype si allinea alla censura del regime cinese
06/10/2005 CINA
Pechino applica le nuove leggi e chiude 3 famosi siti internet
20/02/2006 Cina – Stati Uniti
Bozza di legge USA contro le ditte che aiutano la censura cinese online
16/01/2010 CINA – STATI UNITI
Pechino smorza le polemiche su Google e censura le notizie in rete

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate