25 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/06/2006
stati uniti - Cina
Google ammette: "Con la censura in Cina abbiamo tradito i nostri principi"

Sergey Brin, co-fondatore della compagnia, ha ammesso che la sua compagnia è scesa a compromessi con i suoi principi fondamentali nell'accettare le regole "poco confortevoli" del regime di Pechino.



Washington (AsiaNews/Agenzie) – Sergey Brin, co-fondatore di Google, ha riconosciuto che la sua compagnia ha "compromesso i suoi principi fondamentali nell'accettare la censura del governo cinese".

Incontrandosi ieri con un gruppo di giornalisti, Brin ha spiegato che Google ha accettato le richieste di censura solo dopo che le autorità del Partito avevano bloccato i loro servizi in Cina. I rivali della compagnia, inoltre, avevano già accettato le stesse richieste, che Brin ha descritto come "poco confortevoli".

"Sentiamo di essere scesi a compromessi con i nostri principi – ha aggiunto – ma forse abbiamo fatto qualcosa per fornire alla popolazione cinese un'informazione più completa". "Inoltre – si è giustificato – gli utenti internet non capiscono cosa succede realmente ai loro dati elettronici in un'era come questa, che vede sempre di più aumentare il controllo dei governi sulle informazioni pubblicate in Rete".

I servizi forniti da Google in Cina omettono ogni informazione "politicamente sensibile" che potrebbe essere raggiunta tramite il motore di ricerca della compagnia, uno dei più usati al mondo. Non si può cercare nulla che riguardi i fatti di piazza Tiananmen del 1989, il Dalai Lama, Taiwan, la democrazia o la libertà di espressione.

Il giorno dell'apertura del portale cinese, una nota della compagnia recitava: "Per poter operare in Cina abbiamo rimosso alcuni risultati dalle ricerche e questo è avvenuto per rispettare norme, leggi e regolamenti presenti nel Paese. Rimuovere alcuni dei risultati contraddice il nostro incarico, ma non fornire nessuna informazione lo contraddice ancora di più".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/04/2006 Cina
Google e Pechino collaborano ad un nuovo giro di vite sull'informazione libera
21/04/2006 Cina
Anche Skype si allinea alla censura del regime cinese
06/10/2005 CINA
Pechino applica le nuove leggi e chiude 3 famosi siti internet
20/02/2006 Cina – Stati Uniti
Bozza di legge USA contro le ditte che aiutano la censura cinese online
16/01/2010 CINA – STATI UNITI
Pechino smorza le polemiche su Google e censura le notizie in rete

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate