26 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/06/2006, 00.00

    stati uniti - Cina

    Google ammette: "Con la censura in Cina abbiamo tradito i nostri principi"



    Sergey Brin, co-fondatore della compagnia, ha ammesso che la sua compagnia è scesa a compromessi con i suoi principi fondamentali nell'accettare le regole "poco confortevoli" del regime di Pechino.

    Washington (AsiaNews/Agenzie) – Sergey Brin, co-fondatore di Google, ha riconosciuto che la sua compagnia ha "compromesso i suoi principi fondamentali nell'accettare la censura del governo cinese".

    Incontrandosi ieri con un gruppo di giornalisti, Brin ha spiegato che Google ha accettato le richieste di censura solo dopo che le autorità del Partito avevano bloccato i loro servizi in Cina. I rivali della compagnia, inoltre, avevano già accettato le stesse richieste, che Brin ha descritto come "poco confortevoli".

    "Sentiamo di essere scesi a compromessi con i nostri principi – ha aggiunto – ma forse abbiamo fatto qualcosa per fornire alla popolazione cinese un'informazione più completa". "Inoltre – si è giustificato – gli utenti internet non capiscono cosa succede realmente ai loro dati elettronici in un'era come questa, che vede sempre di più aumentare il controllo dei governi sulle informazioni pubblicate in Rete".

    I servizi forniti da Google in Cina omettono ogni informazione "politicamente sensibile" che potrebbe essere raggiunta tramite il motore di ricerca della compagnia, uno dei più usati al mondo. Non si può cercare nulla che riguardi i fatti di piazza Tiananmen del 1989, il Dalai Lama, Taiwan, la democrazia o la libertà di espressione.

    Il giorno dell'apertura del portale cinese, una nota della compagnia recitava: "Per poter operare in Cina abbiamo rimosso alcuni risultati dalle ricerche e questo è avvenuto per rispettare norme, leggi e regolamenti presenti nel Paese. Rimuovere alcuni dei risultati contraddice il nostro incarico, ma non fornire nessuna informazione lo contraddice ancora di più".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/04/2006 Cina
    Google e Pechino collaborano ad un nuovo giro di vite sull'informazione libera

    Il Dipartimento propaganda del Partito Comunista proibisce l'uso di agenzie di stampa internazionali o i canali satellitari come fonte per le notizie estere. Google: "Non si può fare altro che rispettare le leggi, anche quelle sulla censura"



    21/04/2006 Cina
    Anche Skype si allinea alla censura del regime cinese

    Il direttore esecutivo della compagnia ha ammesso che il loro partner cinese "filtra e censura i messaggi che passano sul portale". Si allunga la lista delle compagnie che, per non perdere il mercato cinese, dimenticano la libertà di espressione, "filosofia base" di Internet.



    06/10/2005 CINA
    Pechino applica le nuove leggi e chiude 3 famosi siti internet

    Un sito riportava notizie e opinioni sulle proteste contadine contro le autorità locali. Gli altri avevano criticato un cartone animato della tv di Stato.



    20/02/2006 Cina – Stati Uniti
    Bozza di legge USA contro le ditte che aiutano la censura cinese online

    Il provvedimento, se approvato, prevede una multa di due milioni di dollari e cinque anni di galera per le aziende "che si piegano alle richieste di censura dei governi" di Cina, Cuba, Iran, Libia e Myanmar.



    16/01/2010 CINA – STATI UNITI
    Pechino smorza le polemiche su Google e censura le notizie in rete
    Per il governo cinese lo scontro con il gigante di Mountain View non colpirà i rapporti commerciali con gli Stati Uniti. Washington annuncia una protesta formale e chiede spiegazioni sugli attacchi informatici. La Cina censura le polemiche e autorizza solo i media di Stato a riportare informazioni.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®