24 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/06/2016, 11.09

    INDONESIA

    Governatore di Jakarta: No al velo islamico obbligatorio nelle scuole

    Mathias Hariyadi

    Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama, cristiano, ha parlato a 1700 presidi della metropoli affermando che ogni studente è libero di scegliere quali indumenti indossare: “I musulmani non possono costringere tutti gli altri a seguire i loro precetti”.

     

    Jakarta (AsiaNews) – Le studentesse non possono essere costrette a vestire il velo islamico, l’Indonesia rispetta ogni religione e non obbliga a seguire alla lettera il Corano. Lo ha detto Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama, governatore di Jakarta, rivolgendosi ai 1700 dirigenti scolastici della metropoli che, sotto la spinta di gruppi fondamentalisti musulmani, vogliono rendere obbligatorio l’uso dell’hijab all’interno delle strutture scolastiche.

    Il governatore, cristiano e di etnia cinese, ha spiegato che aveva preso la stessa posizione quando era a capo del distretto di East Belitung (provincia di Bangka-Belitung): “Quel distretto è a maggioranza musulmana, circa il 93%. Quando c’è stata una richiesta di massa per costringere le studentesse ad indossare l’hijab, io mi sono opposto”. Ahok ha spiegato che “se tu (come musulmano) ritieni che questo speciale indumento rappresenti la tua fede, allora sei libero di indossarlo. Ma non puoi chiedere a tutti di vestirlo se loro non vogliono farlo”.

    Parlando ai media, il governatore ha chiesto di non creare un caso sulla vicenda, assicurando di avere apprezzamento per la fede islamica: “Non voglio discutere di teologia con tutte le fazioni, ma sono d’accordo con voi se incoraggiate i vostri figli a studiare a memoria il Corano fin dall’infanzia”. Egli ha aggiunto che l’hijab non è un indumento associabile in modo automatico all’islam: “Anche gli ebrei e alcune comunità cristiane del Medio Oriente vestono lo stesso capo d’abbigliamento”.

    La costrizione delle ragazze ad indossare l’hijab è diventato oggetto di polemiche da circa un decennio. Il primo a criticare la pratica è stato l’ex ministro dell’Educazione Daud Joesoef. Quando le comunità musulmane iniziarono a fare pressioni affinché anche gli istituti cattolici mettessero l’obbligo del velo, il politico rigettò le richieste affermando che le scuole dovevano adottare le loro uniformi.

    A marzo 2015 il fronte islamico estremista ha esultato per la decisione del capo della polizia di permettere agli agenti donne di vestire l’hijab.

    Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama è uno dei pochi leader politici indonesiani che lotta in prima fila per la libertà di coscienza. Lo scorso luglio il governatore di Jakarta ha promosso una battaglia per i diritti civili della minoranza ahmadi, ritenuta eretica dalla maggioranza musulmana sunnita.

    L’Indonesia è il primo Paese al mondo come numero di cittadini di fede musulmana (più di 200 milioni) ma possiede una Costituzione laica che tutela ogni credo religioso.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/10/2016 15:19:00 INDONESIA
    “Ahok è blasfemo”: il governatore cristiano di Jakarta al centro della bufera

    Il politico ha chiesto di non utilizzare sure del Corano per scopi diversi da quelli religiosi. I maggiori movimenti islamici del Paese lo hanno accusato di “diffamazione dell’islam”. continua la campagna per screditarlo alle prossime elezioni.



    21/09/2012 INDONESIA
    Elezioni a Jakarta: vince la coppia sfidante, il vice è cristiano di etnia cinese
    Secondo gli exit-poll, al ballottaggio si conferma il successo (col 53% delle preferenze) della coppia Jokowi-Ahok. Analisti ed esperti parlano di vittoria “storica”, che avrà un riflesso anche nel panorama politico nazionale. La campagna elettorale caratterizzata da attacchi personali contro il candidato cristiano.

    19/11/2014 INDONESIA
    Ahok, cristiano di etnia cinese, primo non musulmano alla guida di Jakarta. Ira islamista
    Oggi al Palazzo presidenziale Basuki Tjahaja Purnama ha giurato nelle mani del presidente - e predecessore - Jokowi. Uno strappo al protocollo, secondo cui la cerimonia si deve tenere al ministero degli Interni. Gruppi estremisti chiedono la cacciata del neo governatore. Migliaia di poliziotti a garantire la sicurezza.

    02/12/2016 11:19:00 INDONESIA
    Jakarta, il presidente Widodo incontra 200mila manifestanti pacifici (VIDEO)

    La marcia doveva essere una protesta contro il governatore della capitale, accusato di blasfemia. Grazie all’intervento delle autorità e degli ulema, si è trasformata in un ritrovo pacifico di preghiera. Joko Widodo ha espresso il proprio “apprezzamento per la grande folla ordinata”. La polizia arresta alcuni “provocatori” che volevano manipolare la manifestazione per criticare il governo.



    24/11/2016 10:49:00 INDONESIA
    Jakarta, arrestato l'istigatore delle proteste contro il governatore cristiano

    Buni Yani, ex giornalista e professore di comunicazione, è accusato di aver manipolato le parole di Ahok e aver aizzato i gruppi musulmani radicali. Una petizione che chiedeva la sua accusa ha raccolto più di 100mila firme. Gli integralisti promettono nuove manifestazione per il 2 dicembre.





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®