23 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/06/2016, 11.09

    INDONESIA

    Governatore di Jakarta: No al velo islamico obbligatorio nelle scuole

    Mathias Hariyadi

    Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama, cristiano, ha parlato a 1700 presidi della metropoli affermando che ogni studente è libero di scegliere quali indumenti indossare: “I musulmani non possono costringere tutti gli altri a seguire i loro precetti”.

     

    Jakarta (AsiaNews) – Le studentesse non possono essere costrette a vestire il velo islamico, l’Indonesia rispetta ogni religione e non obbliga a seguire alla lettera il Corano. Lo ha detto Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama, governatore di Jakarta, rivolgendosi ai 1700 dirigenti scolastici della metropoli che, sotto la spinta di gruppi fondamentalisti musulmani, vogliono rendere obbligatorio l’uso dell’hijab all’interno delle strutture scolastiche.

    Il governatore, cristiano e di etnia cinese, ha spiegato che aveva preso la stessa posizione quando era a capo del distretto di East Belitung (provincia di Bangka-Belitung): “Quel distretto è a maggioranza musulmana, circa il 93%. Quando c’è stata una richiesta di massa per costringere le studentesse ad indossare l’hijab, io mi sono opposto”. Ahok ha spiegato che “se tu (come musulmano) ritieni che questo speciale indumento rappresenti la tua fede, allora sei libero di indossarlo. Ma non puoi chiedere a tutti di vestirlo se loro non vogliono farlo”.

    Parlando ai media, il governatore ha chiesto di non creare un caso sulla vicenda, assicurando di avere apprezzamento per la fede islamica: “Non voglio discutere di teologia con tutte le fazioni, ma sono d’accordo con voi se incoraggiate i vostri figli a studiare a memoria il Corano fin dall’infanzia”. Egli ha aggiunto che l’hijab non è un indumento associabile in modo automatico all’islam: “Anche gli ebrei e alcune comunità cristiane del Medio Oriente vestono lo stesso capo d’abbigliamento”.

    La costrizione delle ragazze ad indossare l’hijab è diventato oggetto di polemiche da circa un decennio. Il primo a criticare la pratica è stato l’ex ministro dell’Educazione Daud Joesoef. Quando le comunità musulmane iniziarono a fare pressioni affinché anche gli istituti cattolici mettessero l’obbligo del velo, il politico rigettò le richieste affermando che le scuole dovevano adottare le loro uniformi.

    A marzo 2015 il fronte islamico estremista ha esultato per la decisione del capo della polizia di permettere agli agenti donne di vestire l’hijab.

    Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama è uno dei pochi leader politici indonesiani che lotta in prima fila per la libertà di coscienza. Lo scorso luglio il governatore di Jakarta ha promosso una battaglia per i diritti civili della minoranza ahmadi, ritenuta eretica dalla maggioranza musulmana sunnita.

    L’Indonesia è il primo Paese al mondo come numero di cittadini di fede musulmana (più di 200 milioni) ma possiede una Costituzione laica che tutela ogni credo religioso.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/03/2017 12:51:00 INDONESIA
    Negati i funerali per i musulmani sostenitori del governatore cristiano

    In diverse moschee di Jakarta esposti striscioni e manifesti. La polizia apre un’inchiesta. Il ministro degli Affari religiosi esprime la sua preoccupazione: “Inviti del genere non sono islamici”. La campagna elettorale è segnata dagli atti di intolleranza degli islamisti nei confronti di Ahok e dei suoi sostenitori. Aumentano le tensioni in vista della prossima tornata elettorale in aprile. Le reazioni dei musulmani moderati.



    18/04/2017 12:19:00 INDONESIA
    Elezioni del governatore a Jakarta, l’appello dei leader religiosi per la democrazia

    La conferenza stampa congiunta di sette associazioni di diverse confessioni. I membri invitati ad usare i propri diritti civili senza indugi e a rispettare l'esito delle elezioni di domani. In campagna elettorale la religione sfruttata e manipolata dai gruppi estremisti islamici.



    06/04/2017 15:14:00 INDONESIA
    I cittadini di Jakarta condannano l’uso della religione per fini politici

    I gruppi estremisti islamici tentano di condizionare le elezioni. Gli elettori condannano la manipolazione della religione per fini politici. Zulkifli Hasan, capo dell'Assemblea consultiva popolare: “Sbagliato usare la religione per promuovere l’incitamento all'odio e il risentimento”. Budi Arie Setiadji: “Le questioni settarie hanno consumato la nostra energia”



    27/03/2017 08:27:00 INDONESIA
    Jakarta: incitamento all’odio, il crimine più diffuso su internet nel 2016

    Le autorità hanno condotto 199 indagini. Le vittime prese di mira per motivi etnici e religiosi. Vigilantes religiosi e gruppi conservatori sempre più attivi. Il caso del governatore cristiano è un esempio di questa tendenza.



    12/10/2016 15:19:00 INDONESIA
    “Ahok è blasfemo”: il governatore cristiano di Jakarta al centro della bufera

    Il politico ha chiesto di non utilizzare sure del Corano per scopi diversi da quelli religiosi. I maggiori movimenti islamici del Paese lo hanno accusato di “diffamazione dell’islam”. continua la campagna per screditarlo alle prossime elezioni.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®