23 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/12/2013, 00.00

    SIRIA - VATICANO

    Gregorio III, la Chiesa greco-cattolica siriana ha tre "veri martiri"

    Fady Noun

    Il Patriarca ha raccontato a papa Francesco i tragici avvenimenti di Maaloula, il villaggio cristiano siriano nel quale si parla ancora aramaico. In un clima di terrore, l'ordine di abiurare e le esecuzioni in pubblico.

    Beirut (AsiaNews) - La Chiesa greco-cattolica siriana ha tre "veri martiri", sono "tre uomini di Maaloula che si sono rifiutati di abiurare la propria fede" e per questo sono stati uccisi. L'affermazione fatta dal patriarca Gregorio III Laham nel corso del suo incontro con papa Francesco, il 30 novembre, è ricordata in una nota diffusa dal Patriarcato cattolico di Antiochia, di tutto l'Oriente, di Alessandria e di Gerusalemme dei Melchiti.

    Gli avvenimenti che hanno portato alla morte dei tre uomini sono relativi ai combattimenti che dal 3 al 7 settembre hanno coinvolto la cittadina di Maaloula. Alcuni testimoni raccontano che uomini dell'Armata siriana libera e del fronte islamico Jabhat al-Nosra hanno coordinato il loro attacco nel tentativo di prendere il controllo di Maaloula. I testimoni hanno descritto il clima di terrore che si è creato, le esecuzioni sommarie in pubblico dei tre uomini che hanno rifiutato di abiurare, e la presa in ostaggio di altri sei, seguite a un tentativo, fallito, dell'esercito di riprendere la cittadina (nella foto).

    "Lei - ha detto Gregorio III al Papa - ci ha sollecitati dicendoci di non lasciar spegnere nei nostri cuori la fiamma della speranza... Noi vogliamo essere martiri su questa terra, martiri grazie al sangue, come è il caso di alcuni nostri fedeli, tra i quali tre uomini di Maaloula,: Michel Thalab, Mtanios Thalab et Sarkis Zachem. Santo Padre, sono veri martiri, ai quali è stato ordinato di abiurare, ma che hanno fieramente rifiutato. Altri tre, invece, hanno ceduto e sono stati costretti a dichiararsi islamici, ma dopo sono tornati alla fede dei loro antenati".

    A quanto raccontano famiglie fuggite da Maaloula, alcuni loro vicini musulmani hanno partecipato all'attacco che ha devastato questo storico villaggio nel quale si parla ancora l'aramaico, la lingua di Gesù, che è a circa 50 chilometri da Damasco e nel quale i musulmani sono all'incirca un terzo della popolazione.

    "La nostra Chiesa, che lei ama - ha detto ancora il Patriarca - è oggi una Chiesa in emergenza. Per questa Chiesa che affronta una situazione che non ha precedenti nella sua storia, lei è Simone il cireneo, che porta la croce... Come il beato papa Giovanni Paolo II che con la sua preghiera e i suoi coraggiosi interventi ha fatto cadere il muro di Berlino lei, Santo Padre, ha fatto un miracolo, chiamando i cristiani e il mondo intero al digiuno e alla preghiera. Lei ha provocato una svolta nella crisi siriana e anche nella visione politica mondiale. Il mondo è cambiato dopo il 7 settembre 2013".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/12/2013 SIRIA
    Monache di Maaloula in video: Stiamo bene, saremo rilasciate fra due giorni
    Al Jazeera diffonde il video in cui le suore affermano di essere "custodite" per la "loro sicurezza". Poco prima, le brigate Ahrar al-Qalamoun, dell'opposizione, hanno rivendicato il rapimento e domandato la liberazione di mille donne siriane rinchiuse nelle prigioni di Assad. Guarda il video.

    15/06/2015 SIRIA

    Maaloula, inaugurata una nuova statua della Vergine
    La nuova statua sostituisce quella distrutta dai ribelli nel 2013. Un segno di ritorno alla normalità dopo le distruzioni, le uccisioni, i rapimenti delle suore. Almeno il 30% dei cristiani siriani si sono rifugiati all’estero o sono sfollati in qualche zona della Siria.

    15/03/2012 SIRIA
    Damasco, un anno di rivolte. I cristiani nel Paese diviso
    L'Iran porta "aiuti sanitari" a Damasco. Arabia saudita e Qatar vorrebbero armare i ribelli. Ma intanto il Paese è sbriciolato. Un testimone, sacerdote cattolico, racconta l'odio e la paura che cresce fra le comunità, ma anche i segnali di collaborazione fra cristiani e musulmani nell'aiutare i colpiti. Le Chiese divise fra un appoggio cieco ad Assad e un'opposizione non violenta per far maturare uno Stato di diritto, dove cristiani e musulmani sono uguali davanti alla legge.

    03/08/2011 SIRIA
    Rivolta in Siria: le violenze non fermano il popolo assetato di libertà e dignità
    La “primavera siriana” non pretendeva un cambio di regime. Ma dopo tutte le violenze di questi mesi, Assad e il suo governo, con l’esercito e i mukhabarat, sono ormai screditati. È tempo di agire e parlare, anche per le Chiese, timorose di un’islamizzazione del Paese.

    12/03/2012 TURCHIA - SIRIA
    Davutoglu e Bartolomeo I: i cristiani fra Turchia e Siria
    Il ministro turco degli esteri ha fatto visita al Fanar: la Turchia vuole manifestare un cambiamento e un maggior rispetto verso le minoranze non musulmane. Al centro dei colloqui anche la situazione dei cristiani in Siria, dove domina la paura per il futuro. La Turchia è fra i Paesi che spingono alla caduta di Assad.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®