01 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/07/2012, 00.00

    SIRIA

    Guerra civile a Damasco. Nunzio apostolico: si prevedono giorni bui



    Mons. Mario Zenari racconta la tensione vissuta dalla popolazione. Da due giorni la capitale è teatro di scontri fra ribelli e guardia repubblicana, costati 64 morti. La testimonianza delle suore del monastero di Azeir (Homs) segno di speranza per cristiani, alawiti e sunniti.

    Damasco (AsiaNews) - "La situazione è sempre più tesa a Damasco. La gente ha paura ad uscire di casa nel pomeriggio e in alcuni quartieri anche di giorno. Si prevedono giorni bui". È quanto afferma ad AsiaNews, mons. Mario Zenari, nunzio vaticano a Damasco.

    Per la prima volta dall'inizio delle rivolte, la guerra fra ribelli ed esercito ha fatto il suo ingresso nella capitale. Dallo scorso 15 luglio sono in corso scontri fra la brigata ribelle del Jaish al Hur (Esercito della libertà) e militari della temuta guardia repubblicana di Maher el-Assad, fratello del presidente. I combattimenti più cruenti stanno avvenendo nelle strade del quartiere storico di Midan, dove il governo ha risposto mandando carri armati, elicotteri, cecchini e artiglieria pesante. Secondo gli attivisti siriani, in meno di due giorni 64 persone sono rimaste uccise negli scontri. Fra i morti vi sarebbero anche diversi civili. 

    Mons. Zenari sottolinea che il conflitto colpisce tutta la popolazione e fino ad ora non vi sono episodi di violenza contro i cristiani. "In alcune aree di Damasco, come in molti villaggi della Siria  - spiega - la presenza di maroniti, cattolici e ortodossi favorisce la riconciliazione fra la fazione alawita e i musulmani sunniti. A ciò si aggiungono le testimonianze di diversi religiosi che hanno scelto di restare a fianco della gente e condividere con loro i dolori e il dramma della guerra, nonostante i rischi". Il prelato cita la testimonianza di cinque suore cistercensi (trappiste) italiane di Azeir (Homs), piccolo villaggio vicino al confine con il Libano. "La presenza delle religiose - afferma - è un segno di speranza per gli abitanti dei villaggi limitrofi che considerano il monastero un luogo  di pace che aiuta ad affrontare gli orrori della guerra".

    Intanto, continua il braccio di ferro all'interno del Consiglio di sicurezza Onu, dopo il terzo no di Cina e Russia alla condanna unanime del presidente siriano.  Ieri, Mosca ha bloccato una dichiarazione a nome delle Nazioni Unite sul recente massacro di Tremseh, costato la vita a circa 200 persone, poiché le informazioni sarebbero troppo parziali e fornite solo dall'opposizione. Ieri, Sergei Lavrov, ministro degli Esteri russo, ha affermato che i Paesi occidentali stanno utilizzato "forme di ricatto" per costringere la Russia ad accettare nuove sanzioni contro il regime.

    Diversi Paesi membri del gruppo "amici della Siria" che comprende membri del Consiglio di sicurezza Onu e Lega Araba, premono per una risoluzione della Nazioni Unite contro il regime. Alcuni Paesi, fra cui la Francia, valutano anche l'ipotesi di un impegno armato, come già accaduto nel 2003 per l'Iraq e nel 2011 per la Libia. Oggi Nawaf Fares, l'ex ambasciatore siriano in Iraq che nei giorni scorsi ha voltato le spalle a Bashar al- Assad, ha dichiarato che il presidente non esiterà ad utilizzare armi chimiche per evitare la sua caduta. (S.C.)      

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/08/2012 SIRIA
    Nunzio a Damasco: Tutti i media diffondono il messaggio del Papa
    Mons. Mario Zenari sottolinea la straordinarietà del gesto da parte della stampa del regime. Anche per le autorità il Paese è ormai giunto in un vicolo cieco e urge la necessità di una soluzione politica. In un video la ferocia dei ribelli contro i presunti lealisti fedeli ad Assad.

    20/06/2013 SIRIA
    Testimoniare l'amore di Cristo nella Siria martoriata da odio e guerra
    In un villaggio a nord di Aleppo p. Hanna, francescano, suona ogni giorno le campane per mostrare alla popolazione che lui è lì per loro. Suore, volontari e sacerdoti sono ormai un punto di riferimento e amore per cristiani e musulmani dilaniati da una guerra importata dall'esterno. Mons. Zenari, nunzio apostolico a Damasco: "La vera vittoria non è vincere la guerra, ma la pace".

    13/11/2012 SIRIA
    La riconosciuta Coalizione nazionale siriana: "non abbiamo bisogno solo di pane, ma di armi"
    La nuova entità è stata legittimata dalla Lega Araba. Essa è frutto di giorni di colloqui fra le varie componenti dell'opposizione avvenuti a Doha (Qatar). Essa sarà l'unico organo credibile per dar voce al popolo siriano. Il futuro leader dell'opposizione l''ex imam della moschea di Damasco. L'appello ai Paesi occidentali per avere nuove armi con cui rifornire i ribelli. Il dramma delle città siriane colpite dalla guerra, dalla fame e dalla criminalità dilagante.

    03/08/2012 SIRIA - ISLAM
    Gregorio III Laham: Cristiani e musulmani pregano e digiunano insieme per la fine delle violenze
    I cattolici hanno iniziato lo scorso 1° agosto il digiuno per la dormizione della Vergine, che durerà fino al 15 agosto. Esso coincide in parte con il Ramadan musulmano (20 - 18 agosto). Le funzioni religiose e i momenti di astinenza e preghiera si tengono in contemporanea nelle chiese e nelle moschee. AsiaNews pubblica il messaggio di Gregorio III Laham, patriarca Melchita di Antiochia. Il prelato invita cristiani e musulmani a utilizzare questo periodo per ritrovare il valore della carità, del dialogo e della riconciliazione.

    21/01/2013 SIRIA
    Siria, Nunzio vaticano: Non dimenticate suor Rima e le centinaia di vittime di questa guerra
    La religiosa è rimasta coinvolta nell'attentato dello scorso 15 gennaio all'Università di Aleppo. Finora il suo corpo non è stato ancora ritrovato. Appartenente all'ordine delle suore Maestre di S. Dorotea, suor Rima era nata ad Aleppo e da anni era impegnata nella missione cristiana fra i giovani dell'ateneo e in opere di carità. La mattina della sua scomparsa aveva pregato il Signore di prendere la sua vita per alleviare le sofferenze della popolazione siriana. Mons. Mario Zenari: "La religiosa è una delle tante vite spezzate da questa carneficina".



    In evidenza

    VATICANO
    Papa Francesco ai giovani: L’amore “concreto”, non da telenovela, è la carta d’identità dei cristiani



    Nel Giubileo dei ragazzi e ragazze, papa Francesco pronuncia un’omelia fatta di domande e risposte ai 70mila presenti.  I grandi ideali dell’amore come dono di sé, l’affettività come “voler bene senza possedere”; la libertà come “dono di poter scegliere il bene”. “Guai a un giovane che non osa sognare. Se uno alla vostra età non sogna, se n’è già andato in pensione!”. Le offerte raccolte per l’Ucraina. L’appello per i vescovi e i sacerdoti rapiti in Siria.


    IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Bernardo Cervellera

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®