26 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/07/2012
SIRIA
Guerra civile a Damasco. Nunzio apostolico: si prevedono giorni bui
Mons. Mario Zenari racconta la tensione vissuta dalla popolazione. Da due giorni la capitale è teatro di scontri fra ribelli e guardia repubblicana, costati 64 morti. La testimonianza delle suore del monastero di Azeir (Homs) segno di speranza per cristiani, alawiti e sunniti.

Damasco (AsiaNews) - "La situazione è sempre più tesa a Damasco. La gente ha paura ad uscire di casa nel pomeriggio e in alcuni quartieri anche di giorno. Si prevedono giorni bui". È quanto afferma ad AsiaNews, mons. Mario Zenari, nunzio vaticano a Damasco.

Per la prima volta dall'inizio delle rivolte, la guerra fra ribelli ed esercito ha fatto il suo ingresso nella capitale. Dallo scorso 15 luglio sono in corso scontri fra la brigata ribelle del Jaish al Hur (Esercito della libertà) e militari della temuta guardia repubblicana di Maher el-Assad, fratello del presidente. I combattimenti più cruenti stanno avvenendo nelle strade del quartiere storico di Midan, dove il governo ha risposto mandando carri armati, elicotteri, cecchini e artiglieria pesante. Secondo gli attivisti siriani, in meno di due giorni 64 persone sono rimaste uccise negli scontri. Fra i morti vi sarebbero anche diversi civili. 

Mons. Zenari sottolinea che il conflitto colpisce tutta la popolazione e fino ad ora non vi sono episodi di violenza contro i cristiani. "In alcune aree di Damasco, come in molti villaggi della Siria  - spiega - la presenza di maroniti, cattolici e ortodossi favorisce la riconciliazione fra la fazione alawita e i musulmani sunniti. A ciò si aggiungono le testimonianze di diversi religiosi che hanno scelto di restare a fianco della gente e condividere con loro i dolori e il dramma della guerra, nonostante i rischi". Il prelato cita la testimonianza di cinque suore cistercensi (trappiste) italiane di Azeir (Homs), piccolo villaggio vicino al confine con il Libano. "La presenza delle religiose - afferma - è un segno di speranza per gli abitanti dei villaggi limitrofi che considerano il monastero un luogo  di pace che aiuta ad affrontare gli orrori della guerra".

Intanto, continua il braccio di ferro all'interno del Consiglio di sicurezza Onu, dopo il terzo no di Cina e Russia alla condanna unanime del presidente siriano.  Ieri, Mosca ha bloccato una dichiarazione a nome delle Nazioni Unite sul recente massacro di Tremseh, costato la vita a circa 200 persone, poiché le informazioni sarebbero troppo parziali e fornite solo dall'opposizione. Ieri, Sergei Lavrov, ministro degli Esteri russo, ha affermato che i Paesi occidentali stanno utilizzato "forme di ricatto" per costringere la Russia ad accettare nuove sanzioni contro il regime.

Diversi Paesi membri del gruppo "amici della Siria" che comprende membri del Consiglio di sicurezza Onu e Lega Araba, premono per una risoluzione della Nazioni Unite contro il regime. Alcuni Paesi, fra cui la Francia, valutano anche l'ipotesi di un impegno armato, come già accaduto nel 2003 per l'Iraq e nel 2011 per la Libia. Oggi Nawaf Fares, l'ex ambasciatore siriano in Iraq che nei giorni scorsi ha voltato le spalle a Bashar al- Assad, ha dichiarato che il presidente non esiterà ad utilizzare armi chimiche per evitare la sua caduta. (S.C.)      

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/08/2012 SIRIA
Nunzio a Damasco: Tutti i media diffondono il messaggio del Papa
20/06/2013 SIRIA
Testimoniare l'amore di Cristo nella Siria martoriata da odio e guerra
di Simone Cantarini
13/11/2012 SIRIA
La riconosciuta Coalizione nazionale siriana: "non abbiamo bisogno solo di pane, ma di armi"
03/08/2012 SIRIA - ISLAM
Gregorio III Laham: Cristiani e musulmani pregano e digiunano insieme per la fine delle violenze
21/01/2013 SIRIA
Siria, Nunzio vaticano: Non dimenticate suor Rima e le centinaia di vittime di questa guerra

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate