09 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 06/08/2012, 00.00

    VIETNAM

    Hanoi, comunismo "preistorico" e "moderno": arresta cattolici e attivisti, promette matrimonio per i gay

    Nguyen Hung

    Arrestati 50 dimostranti anti-Cina. Manifestazione di gay e lesbiche lasciata tranquilla. In arresto 17 giovani cattolici e un protestante che difendono la libertà di culto. Il ministro della giustizia promette il riconoscimento del matrimonio gay.

    Hanoi (AsiaNews) - Il comunismo del governo vietnamita ha ancora molti aspetti "preistorici", ma sta inventando una nuova faccia, più "moderna" per mantenere il suo potere. È l'opinione di alcuni esperti dopo quello che è successo ieri e nei giorni scorsi nella capitale.

    Ieri, ad Hanoi, si è avuta la prima parata gay nella storia del Vietnam. Ad essa hanno partecipato circa 100 persone della comunità gay, lesbica, bisessuale, transessuale (v. foto). Con palloncini e biciclette, essi hanno rivendicato una maggiore liberalizzazione della società.  La manifestazione - pur non essendo autorizzata - si è svolta in tutta tranquillità, senza fastidi né da parte della popolazione, né da parte della polizia.

    Invece, sempre nella capitale, una dimostrazione contro la Cina, critica della politica egemonica di Pechino nel Mar Cinese meridionale è finita con l'arresto di almeno 50 attivisti. "In qualche modo - dichiara Nguyen Phuc Tiet, un giovane dimostrante - il governo pensa che siano più pericolosi i manifestanti politici che i gay".

    Si può dire anzi che il governo sembra sempre più pronto a dare spazio all'omosessualità. Il mese scorso Ha Hung Cuong, ministro della giustizia, ha dichiarato che è tempo per il Vietnam pensare a cambiare le leggi e riconoscere il matrimonio di persone dello stesso sesso. Un passo simile renderebbe il Vietnam il primo Paese asiatico a legalizzare il matrimonio gay.

    Una simile "modernità" del Partito comunista vietnamita è spiegabile da una parte con la voglia di essere accettato nella comunità del business mondiale, e dal suo partner maggiore, gli Stati Uniti. Dall'altra vi è il sospetto che tale "modernità" voglia essere il modo per farsi perdonare gli aspetti "preistorici" della sua dittatura.

    Fra tali aspetti "preistorici" vi sono gli arresti di attivisti anti-Cina, come pure i blogger e i democratici.

    Un settore ancora più "preistorico" è l'atteggiamento del governo verso le religioni - tutte controllate - e verso i cattolici in particolare.

    Fonti di AsiaNews dichiarano che a Con Cuông (Vinh) il regime continua ad attaccare con campagne stampa, lanci di pietre e altri oggetti i fedeli, colpevoli di voler praticare la loro fede.

    Dal luglio 2011 il governo ha arrestato  senza alcuna accusa 17 giovani cattolici e un protestante. Giorni fa, p. Antonio dei redentoristi di Saigon, ha radunato almeno 3mila giovani per "pregare per i cattolici arrestati ingiustamente, per prenderci cura delle vittime del regime e per pregare per la nostra nazione".

    La cosa di cui si stupiscono i giovani fedeli è che "il governo impieghi tante energie per sopprimere i raduni dei fedeli", ma non faccia nulla per salvaguardare la sovranità del Vietnam nei confronti della Cina. L'opinione pubblica vietnamita è scioccata dalla inanità dei suoi capi, dopo che la Cina ha stabilito una guarnigione e ha inviato il primo sindaco a Sansha nelle Paracel. "Il governo vietnamita - conclude p. Joseph, un altro redentorista - dovrebbe difendere la nostra nazione, ma Hanoi risponde con una nota diplomatica".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/12/2012 VIETNAM
    Rischiano la pena di morte 14 cattolici attivisti in Vietnam
    Essi sono accusati di "sovversione" perché denunciano la corruzione del partito e del governo su blog. Il processo avviene in questo periodo in cui l'attenzione dei media è ridotta, per evitare le critiche della comunità internazionale. La campagna contro attivisti e blogger è stata lanciata dal premier Nguyen Tan Dung lo scorso settembre e ribadita lo scorso 17 dicembre. In pericolo di vita la cattolica Maria Ta Phong Tan. Nel 2012 condannati almeno 40 attivisti e blogger.

    04/11/2014 VIETNAM
    Blogger e attivista cattolico vietnamita alla sbarra per aver criticato il governo di Hanoi
    Da oltre sei mesi Nguyen Huu Vinh e il suo assistente Nguyen Thi Minh Thuy erano in stato di arresto senza accuse ufficiali. Per la difesa il procedimento giudiziario è “illegale”. Attivisti pro diritti umani avvertono: poche speranze di vederli liberi. Se riconosciuti colpevoli rischiano fino a sette anni di prigione.

    17/04/2012 VIETNAM
    Scrivono di scioperi e giustizia: il governo vietnamita processa tre blogger
    Alla sbarra Nguyen Van Hai, Phan Thanh Hai e Ta Phong Tan per “propaganda contro il Partito unico comunista”. Gli articoli apparsi sul sito web Free Journalist Club, che essi hanno contribuito a fondare. I legali nutrono “poche speranze” di evitare una condanna. Essi rischiano fino a 20 anni di galera.

    29/12/2012 VIETNAM
    Ho Chi Minh City, la Corte del popolo condanna tre blogger per un totale di 25 anni
    Nguyen Van Hai, suo figlio Nguyen Tri Dung e Maria Ta Phong Tan, sono stati condannati per propaganda sovversiva contro lo Stato. Si battevano per il rispetto dei diritti umani e contro la corruzione nel partito. Il Primo ministro ordina a tutti gli organi del regime di fermare a quasiasi costo la diffusione di siti internet e blog "sovversivi". Il 27 dicembre arrestato un altro blogger, il cattolico Le Quoc Quan per evasione fiscale. Le autorità vogliono fermare la sua attività a favore della democrazia e della libertà religiosa.

    24/03/2016 08:58:00 VIETNAM
    Hanoi: blogger cattolico condannato a cinque anni per “diffamazione del Partito”

    Nguyen Huu Vinh era stato arrestato nel 2014 e rinviato a giudizio per aver “violato gli interessi dello Stato”. Condannata anche la sua assistente a tre anni di carcere. Entrambi si dichiarano innocenti. Il blog “Ba Sam” pubblicava articoli e saggi critici nei confronti del governo di Hanoi, ottenendo milioni di visualizzazioni.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®