22 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/07/2010, 00.00

    ASIA

    Himalaya, fra 20 anni oltre un miliardo le vittime dei cambiamenti climatici

    Kalpit Parajuli

    Lo rivela lo studio di una società di ricerca indiana, che ha previsto il drastico calo dei bacini idrici dell’area Himalayana. Per i ricercatori la produzione di frumento e riso di Cina e India diminuirà fino al 50%. In Nepal, migliaia di persone hanno già abbandonato le loro terre per mancanza di cibo e rischio di inondazioni provocate dallo scioglimento dei ghiacci.

    Kathmandu (AsiaNews) – Nei prossimi 20 anni oltre 1,3 miliardi di persone saranno colpite dalla siccità. I bacini idrici himalayani e i fiumi che attraversano  Bangladesh, Cina, India e Nepal subiranno una riduzione della portata pari a oltre 275 miliardi di metri cubi d’acqua, per lo scioglimento dei ghiacciai e l’inquinamento. Lo rivela uno studio del Strategic Foresight Group, società di ricerca indiana.

    Il documento, pubblicato lo scorso 28 giugno, mostra scenari inquietanti. Secondo i ricercatori  nei prossimi 20 anni la produzione di frumento e riso di Cina e India diminuirà fino al 50%, per le più frequenti siccità, mentre la domanda di cibo della popolazione aumenterà del 20%.  “La disponibilità di acqua dolce – afferma il rapporto - cadrà in tutti e quattro i Paesi a causa dei cambiamenti climatici, diminuzione delle precipitazioni e altri fattori di disturbo naturale, come l’inquinamento”. Entro il 2050 oltre 200 milioni di persone dovranno spostarsi dalla regione himalayana per mancanza di acqua e cibo.   

    Secondo i media nepalesi il processo di spopolamento dell’area himalayana è già iniziato. Il quotidiano Gorkha Patra, ha calcolato che oltre 10mila persone hanno abbandonato le loro terre per la diminuzione del raccolto dovuta allo scioglimento precoce delle nevi e all’irregolarità delle piogge monsoniche. Nel distretto di Solukhumbu, alle pendici dell’Himalaya, centinaia di abitanti dei villaggi situati intorno al lago glaciale Imja (nella foto) hanno abbandonato le loro case per l'esondamento del bacino.  

    Bidur Upadhya,  studioso dei cambiamenti climatici, afferma ad AsiaNews: “La frequenza delle siccità è aumentata di 3 volte rispetto ai decenni passati e l’agricoltura è in seria crisi. I raccolti dipendono da quanta pioggia cadrà nella stagione dei monsoni . Paesi come Nepal, Bangladesh e India, non riescono più a nutrire la loro popolazione a causa della rapida crescita demografica e dalla sempre più decrescente produttività delle aree agricole”. 

    “Gli agricoltori – afferma Bhusan Tuladhar, referente per il Comitato sui cambiamenti climatici del governo nepalese – sono costretti a cambiare il tipo di semina in base ai mutamenti dei monsoni. Al momento noi non possiamo fare nulla se non adeguare le nostre abitudini in base ai cambiamenti del clima”.

    Dal 27 al 28 settembre il Nepal ospiterà l’incontro dell’Alleanza dei Paesi montani (Alliance of Mountain Countries). L’evento nato dall’iniziativa dei governi di Nepal e Bhutan avrà lo scopo di studiare le misure necessarie ad affrontare il disgelo dei ghiacci dell’Himalaya.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/08/2013 ASIA
    Lo scioglimento dei ghiacciai dell’Himalaya “non inciderà sui fiumi dell’Asia”
    Studi recenti provano che il surriscaldamento globale comporterà un notevole restringimento dei ghiacciai Baltoro e Langtang. I due bacini, da cui si dipartono l’Indo e il Gange, potrebbero ridurre la propria estensione del 50%, ma uno scienziato olandese sostiene che ciò non inciderebbe sulla portata dei due corsi d’acqua prima del 2100.

    15/10/2011 NEPAL
    Riscaldamento globale: i laghi dell’Everest si allargano di 47 metri all’anno
    Lo scioglimento dei ghiacci ha aumentato le dimensioni dei 20mila laghi glaciali dell’Himalaya. La crescita del livello delle acque mette in pericolo la vita di migliaia di persone.

    09/02/2011 ASIA
    I ghiacciai dell’Himalaya non si stanno sciogliendo. Anzi: sono stabili, o in avanzata
    Un nuovo studio pubblicato da “GeoScience” smentisce le dichiarazioni di una Commissione Onu, secondo cui nel 2035 al più tardi i ghiacciai dell’Himalaya saranno scomparsi. Il rapporto era stato criticato dal massimo esperto del settore dell’India, Vijay Raina.

    05/07/2011 NEPAL
    Terai, decine di morti e oltre 100mila sfollati per le piogge monsoniche
    Frane e alluvioni hanno spazzato via oltre 500 abitazioni nei distretti orientali del Paese. Caritas Nepal lancia una campagna nazionale di aiuti per i senza tetto. Record di piogge dal 2006 a causa dei cambiamenti climatici.

    10/12/2009 FILIPPINE – NEPAL
    Paesi in via sviluppo principali vittime dei cambiamenti climatici
    A Copenhagen i delegati filippini denunciano danni per 4 miliardi di dollari prodotti dai tifoni frutto del riscaldamento globale. Paesi sviluppati invitati a compiere maggiori sforzi per ridurre le emissioni inquinanti. In Nepal buddisti e indù offrono preghiere per la buona riuscita della conferenza.



    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®