30 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/07/2010
ASIA
Himalaya, fra 20 anni oltre un miliardo le vittime dei cambiamenti climatici
di Kalpit Parajuli
Lo rivela lo studio di una società di ricerca indiana, che ha previsto il drastico calo dei bacini idrici dell’area Himalayana. Per i ricercatori la produzione di frumento e riso di Cina e India diminuirà fino al 50%. In Nepal, migliaia di persone hanno già abbandonato le loro terre per mancanza di cibo e rischio di inondazioni provocate dallo scioglimento dei ghiacci.

Kathmandu (AsiaNews) – Nei prossimi 20 anni oltre 1,3 miliardi di persone saranno colpite dalla siccità. I bacini idrici himalayani e i fiumi che attraversano  Bangladesh, Cina, India e Nepal subiranno una riduzione della portata pari a oltre 275 miliardi di metri cubi d’acqua, per lo scioglimento dei ghiacciai e l’inquinamento. Lo rivela uno studio del Strategic Foresight Group, società di ricerca indiana.

Il documento, pubblicato lo scorso 28 giugno, mostra scenari inquietanti. Secondo i ricercatori  nei prossimi 20 anni la produzione di frumento e riso di Cina e India diminuirà fino al 50%, per le più frequenti siccità, mentre la domanda di cibo della popolazione aumenterà del 20%.  “La disponibilità di acqua dolce – afferma il rapporto - cadrà in tutti e quattro i Paesi a causa dei cambiamenti climatici, diminuzione delle precipitazioni e altri fattori di disturbo naturale, come l’inquinamento”. Entro il 2050 oltre 200 milioni di persone dovranno spostarsi dalla regione himalayana per mancanza di acqua e cibo.   

Secondo i media nepalesi il processo di spopolamento dell’area himalayana è già iniziato. Il quotidiano Gorkha Patra, ha calcolato che oltre 10mila persone hanno abbandonato le loro terre per la diminuzione del raccolto dovuta allo scioglimento precoce delle nevi e all’irregolarità delle piogge monsoniche. Nel distretto di Solukhumbu, alle pendici dell’Himalaya, centinaia di abitanti dei villaggi situati intorno al lago glaciale Imja (nella foto) hanno abbandonato le loro case per l'esondamento del bacino.  

Bidur Upadhya,  studioso dei cambiamenti climatici, afferma ad AsiaNews: “La frequenza delle siccità è aumentata di 3 volte rispetto ai decenni passati e l’agricoltura è in seria crisi. I raccolti dipendono da quanta pioggia cadrà nella stagione dei monsoni . Paesi come Nepal, Bangladesh e India, non riescono più a nutrire la loro popolazione a causa della rapida crescita demografica e dalla sempre più decrescente produttività delle aree agricole”. 

“Gli agricoltori – afferma Bhusan Tuladhar, referente per il Comitato sui cambiamenti climatici del governo nepalese – sono costretti a cambiare il tipo di semina in base ai mutamenti dei monsoni. Al momento noi non possiamo fare nulla se non adeguare le nostre abitudini in base ai cambiamenti del clima”.

Dal 27 al 28 settembre il Nepal ospiterà l’incontro dell’Alleanza dei Paesi montani (Alliance of Mountain Countries). L’evento nato dall’iniziativa dei governi di Nepal e Bhutan avrà lo scopo di studiare le misure necessarie ad affrontare il disgelo dei ghiacci dell’Himalaya.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/08/2013 ASIA
Lo scioglimento dei ghiacciai dell’Himalaya “non inciderà sui fiumi dell’Asia”
15/10/2011 NEPAL
Riscaldamento globale: i laghi dell’Everest si allargano di 47 metri all’anno
09/02/2011 ASIA
I ghiacciai dell’Himalaya non si stanno sciogliendo. Anzi: sono stabili, o in avanzata
05/07/2011 NEPAL
Terai, decine di morti e oltre 100mila sfollati per le piogge monsoniche
di Kalpit Parajuli
15/04/2010 INDIA – BANGLADESH
Tempesta tropicale: 130 morti, migliaia senzatetto. La Chiesa in aiuto alle vittime

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate