17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/07/2007, 00.00

    INDIA

    I cristiani indiani insistono per i diritti dei Dalit



    Entro le prossime settimane saranno decisi i diritti dei Dalit cristiani e islamici, oggi discriminati rispetto a quelli indù. Il governo ha già ricevuto importanti pareri favorevoli, ma ne ha chiesto un altro. Si discute della stessa laicità dello Stato indiano.

    New Delhi (AsiaNews) – “A nome di migliaia di leader cristiani e di 16 milioni di cristiani Dalit, chiediamo alla Commissione nazionale per le Scheduled Castes (Cnsc) di accettare le conclusioni della Commissione Mishra [la Commissione nazionale per le minoranze religiose e linguistiche, Ncrlm] che ha studiato il problema in modo accurato”. Lo dice Joseph Souza, presidente dell’All India Christian Council, che oggi con una dichiarazioni ufficiale insiste per un rapido e giusto riconoscimento dei diritti degli “intoccabili” non indù.

    La legge attuale esclude i Dalit cristiani o islamici dai privilegi riconosciuti alle Scheduled Castes. La vecchia legge del 1950 riconosceva vari privilegi solo ai Dalit indù, ma questa esclusione appare iniqua e non rispettosa né delle finalità della legge di compensare i Dalit per la loro posizione sociale deteriore, né della laicità dello Stato indiano che rifiuta di favorire alcuna religione.

    La Ncrlm, incaricata dal governo di studiare la questione, ha concluso raccomandando “che il paragrafo 3 della Legge costituzionale del 1950 (sulle Scheduled Castes) – che in origine ha limitato lo status di Scheduled Caste agli indù e poi vi ha compreso i Sikh e i buddisti, ma ancora esclude musulmani, cristiani, parsi e altri – dovrebbe essere tutto cancellato per disancorare questo status dalla religione e renderlo del tutto neutrale rispetto alla religione, come è per lo status di Scheduled Tribes”.

    La questione è anche oggetto di una causa proposta avanti all’Alta Corte di giustizia, che ha chiesto al governo di esprimere la sua posizione. Ora New Delhi ha rimesso la questione alla Cnsc e ha promesso di pronunciarsi entro 8 settimane.

    L’Aicc, che raccoglie migliaia di gruppi, chiede alla Cnsc di confermare l’opinione della Commissione Mishra, che ha compiuto uno studio accurato e completo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/07/2007 INDIA
    Commissione nazionale sosterrà l’eguaglianza dei Dalit cristiani e islamici con gli indù
    Lo dice Buta, presidente della Commissione, per le Scheduled Caste durante un incontro con rappresentanti di 16 milioni di Dalit cristiani. Oggi la legge riconosce i benefici a indù, buddisti e Sikh ma esclude gli Intoccabili di altre fedi, anche se sono cittadini indiani.

    21/07/2010 INDIA
    Cinquemila Dalit cristiani e musulmani contro la discriminazione
    Guidati da vescovi e leader religiosi i fuori casta cristiani e musulmani chiedono al governo di cancellare la legge che dal 1950 riconosce diritti e garanzie solo ai Dalit indù e buddisti. Neethinathan, vescovo di Chingleput (Tamil Nadu): “E’ molto doloroso vedere la nostra gente appartenente ai fuori casta subire la doppia discriminazione sociale e religiosa”.

    06/08/2010 INDIA
    10 agosto: giorno di lutto contro la discriminazione dei Dalit cristiani e musulmani
    Il 10 agosto 1950 sono state approvate le norme che discriminano i Dalit cristiani e islamici. Mons. Joji, egli stesso vescovo Dalit, spiega la forte richiesta sociale di abolire le discriminazioni e ricorda l’esempio di Madre Teresa.

    20/07/2007 INDIA
    Il governo dica se ai Dalit cristiani spettano i benefici degli altri Dalit
    I Dalit indù e Sikh godono dei benefini delle Scheduled Caste, ma quelli cristiani ne sono esclusi. Un comitato solleva il problema avanti alla Corte Suprema e questa chiede al governo di pronunciarsi. Il parere di un esperto della Commissione episcopale.

    11/03/2005 india
    Dalit di tutte le religioni appoggiano i fuori casta cristiani e musulmani




    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®