25 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/03/2017, 12.20

    IRAN-USA

    I divieti di Trump sono a favore dei fondamentalisti in Iran



    Saranno colpiti oltre 12mila studenti, accademici e personalità della classe media, di solito critici verso il regime degli ayatollah. Le conseguenze sulle elezioni presidenziali: a rischio il rinnovo del mandato a Hassan Rouhani.

    Teheran (AsiaNews) -  Il nuovo ordine esecutivo di Trump sul blocco dei visti per sei Paesi a maggioranza islamica favorirà i fondamentalisti di Teheran, ossia le Guardie rivoluzionarie (i pasdaran) e gli ayatollah più conservatori. Ne sono convinti diverse personalità iraniane del business e della cultura.

    All’inizio della settimana il presidente Usa ha varato una nuova direttiva che, a differenza della precedente, permette agli irakeni di viaggiare negli Stati Uniti, ma riafferma il divieto per sei Paesi quali Libia, Somalia, Yemen, Sudan, Siria e Iran. Tale divieto sarà in atto per almeno 90 giorni.

    I primi ad essere colpiti saranno gli studenti e ricercatori iraniani. Lo scorso anno oltre 12mila di essi hanno studiato negli Usa. Molti di loro hanno già pagato tasse e spese di residenza per quest’anno e sono inseriti in programmi di laurea o di specializzazione. Grazie al bando di Trump essi rischiano di perdere un anno di studi e di rimanere in sospeso per un tempo indefinito.

    Vi sono anche iraniani trasferitisi negli Usa dopo la caduta dello Scia e la presa di potere di Khomeini, che sono ormai naturalizzati in America e che non potranno avere rapporti con loro parenti e familiari che rimangono in Iran.

    Di fatto il bando di Trump colpisce persone della classe medio-alta iraniana, che in genere sono visti come dei critici del regime degli ayatollah. In più, la mossa del presidente Usa sembra voler umiliare i passi distensivi del presidente Hassan Rouhani, a favore invece delle forze conservatrici.

    Dopo la firma dell’accordo sul programma nucleare di Teheran, gli Stati Uniti continuano a mantenere un embargo sull’uso del dollaro nelle transazioni bancarie con l’Iran. Ciò non permette molti Paesi di commerciare in tranquillità e sicurezza con l’Iran per timore di multe e ritorsioni da parte delle autorità americane. Tale divieto rischia di annullare i possibili benefici economici derivati dall’accordo e soprattutto offre spazio di critica ai radicali contro Rouhani, che avrebbe ottenuto una cosa “inutile”.

    Già oggi, le possibilità che Rouhani sia rieletto a presidente alle prossime elezioni in maggio sono molto esili. I radicali possono ancora usare lo slogan che “gli Usa sono i nemici dell’Iran”.

    Molti iraniani rimangono allibiti dal bando di Trump per il fatto che ancora una volta fra i Paesi pericolosi, che sostengono il terrorismo non sono elencati né l’Arabia saudita, né gli Emirati arabi uniti, nazioni a cui appartenevano la maggioranza dei 19 membri che hanno compiuto l’attacco alle Torri Gemelle l’11 settembre del 2001

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/04/2016 08:57:00 IRAN-USA
    Kerry e Zarif per attuare l’accordo nucleare. Negli Usa c’è chi frena

    L’incontro è avvenuto nella sede Onu di New York. Gli Usa non hanno ancora tolto il divieto nell’uso del dollaro per l’Iran. In questo modo Teheran non può ricevere crediti per 100 miliardi accumulati in questi anni. Allo stesso tempo, banche e compagnie europee sono timorose nell’aprire contratti con Teheran perché temono multe da parte degli Stati Uniti.



    24/11/2014 IRAN-USA
    Chiudono oggi i dialoghi sul nucleare iraniano. Si pensa (e si spera) ad un prolungamento
    Stati Uniti e Iran stanno affrontando gli ultimi scogli. Lo sdoganamento dell'Iran nella comunità internazionale potrebbe cambiare il volto del Medio Oriente, creando occasioni di pace in Siria, nella lotta contro lo Stato islamico, nella politica libanese. I nemici dell'accordo sono israele e Arabia saudita.

    20/04/2016 15:09:00 IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.



    28/09/2013 USA-IRAN
    Obama e Rouhani parlano al telefono: un contatto dopo oltre 30 anni
    "Opportunità unica". Il presidente iraniano desidera risolvere la questione nucleare entro breve tempo, per cancellare le molte sanzioni che stanno facendo precipitare l'economia del Paese.

    05/08/2013 IRAN
    Giura Hassan Rohani, nuovo presidente iraniano: Dialogo, non sanzioni
    Toni molto moderati e concilianti nel suo discorso di giuramento. Nel suo governo diversi tecnocrati moderati e con lauree negli Usa. La Casa Bianca si definisce "un partner volenteroso". A causa delle sanzioni Onu e di quelle unilaterali di Usa e Ue, la situazione economica dell'Iran è disastrosa. Per Netanyahu a Teheran è cambiato il presidente, ma non è cambiato lo scopo del Paese: distruggere Israele.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.


    CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    Wang Zhicheng

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®