24 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/02/2007, 00.00

    NEPAL

    I maoisti negano le persecuzioni contro i madhesi

    Prakash Dubey

    Il loro leader, Prachanda scarica le responsabilità sugli estremisti indù. Secondo il leader dei rivoluzionari, gli indù stanno spingendo la popolazione a ribellarsi al nuovo governo per permettere al re di conservare la corona.

    Kathmandu (AsiaNews) – Sono gli estremisti indù la vera mente delle violenze verso le minoranze madhesi nella regione del Terai, nella parte meridionale del Nepal. E’ quanto dichiarato da Prachanda, il famoso capo della rivoluzione armata dei maoisti nepalesi, ora convertitosi alla pace ed alla diplomazia, che ha espresso aperto sostegno alla causa della tormentata etnia.

     

    “Il primo obiettivo degli indù è quello di aiutare re Gyanendra, simbolo dell’induismo arcaico, a conservare la corona dopo le prossime elezioni” ha proseguito Prachanda. “Alcuni estremisti indù provenienti dall’India, che non vogliono l’abolizione della monarchia in Nepal - ha affermato il rivoluzionario - stanno incitando la popolazione alla violenza, diffondendo caos e terrore”.

     

    Attualmente re Gyanendra non ha più nessuna autorità sui cittadini nepalesi; la rivoluzione terminata nell’aprile 2006 ha infatti messo fine alla monarchia “per diritto divino”. Attualmente il Paese è governato da un parlamento ad interim, che resterà in carica fino alla prossima assemblea costituente.

     

    Pushpa Kamal Dahal, anche conosciuto come Prachanda, pur esprimendo ammirazione per il governo indiano, che sta appoggiando il Nepal nel suo percorso verso la pace, ha accusato alcuni partiti politici di New Delhi, omettendone i nomi, di essere collegati con i gruppi di estremisti indù. Le accuse di Prachanda non hanno inoltre risparmiato l’inviato USA in Nepal, James Moriarty.

     

    I punti cardine del futuro Nepal, con governo federale, sistema elettorale proporzionale e creazione di una repubblica democratica sono, secondo Prachanda, perfettamente in accordo, nell’opinione di Prachanda, con quanto richiesto dall’etnia madhese.

     

    L’analista sociale cristiano Norbert Rai ha avallato le affermazioni del rivoluzionario maoista, aggiungendo che è molto probabile che siano proprio gli estremisti indiani indù ad alimentare le violenze verso i madhesi. “Prachanda - ha proseguito l’analista - non deve però dimenticare che il sentiero della violenza è stato mostrato e segnato dai suoi uomini, negli scorsi dieci anni. Ora che si sono assicurati una gran fetta della torta del potere, dicono di voler rinunciare alla violenza. Il seme della violenza che hanno gettato, sta però adesso germogliando tra gli altri gruppi etnici e le tribù del paese, che ora stanno prendendo le armi. Così il leader dei maoisti dovrebbe accorgersi che in un Paese dove il potere è stato raggiunto con la forza non potrà mai regnare la pace. L’unica ideologia che può garantire tranquillità e prosperità è quella dell’amore e della non-violenza che Buddha, Gesù Cristo ed il Mahatma Gandhi hanno predicato”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/03/2007 NEPAL
    Maoisti contro poveri Madhesi: decine di morti e di feriti
    Per un banale pretesto, maoisti e Madhesi scatenano un conflitto al fuoco nel centro di una città. I Madhesi riuniscono i gruppi sociali meno affermati, da cui i maoisti hanno preso le distanze quando sono giunti al potere. Il dramma degli oltre 100 mila profughi bhutanesi in Nepal.

    21/09/2012 NEPAL
    Nepal, i partiti laici contro la visita "religiosa" di re Gyanendra
    Con la scusa di un pellegrinaggio religioso, l'ex monarca ha dato il via a una visita nei distretti di Kanski, Myagdi e Parbat nella regione Occidentale. Le autorità locali maoiste annunciano il boicottaggio. Interi villaggi addobbati a festa per l'arrivo del re. Consensi soprattutto fra le classi povere di religione indù deluse dal Maoismo.

    04/10/2011 NEPAL
    Attivisti nepalesi contro il massacro di animali durante la festa del Dashain
    Gli animalisti propongono di sostituire gli animali con zucche o ortaggi. Per evitare sprechi e critiche il governo taglia i fondi destinati al Dashain, che durerà fino al 13 ottobre. In soli due giorni più di duecento fra bufali e capre sacrificati nel principale tempio di Kathmandu.

    12/08/2009 NEPAL
    Attentato alla sede del Nepali Congress: c’è la mano dell’estremismo indù
    L’ordigno artigianale è scoppiato nella sede del principale partito di governo. Una seconda bomba è stata disinnescata nell’ufficio di zona del Department of Transport Management Bagmati. Principali indiziati i fondamentalisti del Nepal Defence Army contrari al processo di secolarizzazione del Paese.

    19/05/2017 09:08:00 NEPAL
    Elezioni a Kathmandu: i partiti laici vincono contro gli estremismi

    Il partito pro-monarchia induista ha vinto in una sola unità locale. I nepalesi a maggioranza indù scelgono la pace e la convivenza con le altre religioni.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®