30 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/04/2013, 00.00

    BANGLADESH

    I morti del Rana Plaza erano ricattati dai datori di lavoro

    Nozrul Islam

    Le autorità avevano dichiarato pericolante l’edificio di otto piani che ospitava cinque fabbriche tessili, un centro commerciale e una banca: il crollo ha causato 304 morti, 2mila feriti e 372 dispersi. Nel palazzo venivano prodotti indumenti di grandi catene, come l’inglese Primark.

    Dhaka (AsiaNews) - Un palazzo dichiarato inagibile e migliaia di uomini e donne costretti dai loro datori ad andare comunque a lavorare "altrimenti non vi paghiamo": inizia così il dramma del Rana Plaza, edificio di otto piani a Savar, 30 chilometri da Dhaka (Bangladesh), collassato su se stesso due giorni fa, il 24 aprile. Finora i soccorritori hanno estratto dalle macerie 2.348 persone: 304 sono morte e 2044 ferite, ma vive. Solo oggi 74 persone sono state tirate fuori, ma vi sono ancora 372 dispersi. Tra questi anche due ragazze che avevano studiato alla Novara Technical School, la scuola tecnica fondata a Dinajpur dai missionari del Pontificio Istituto Missioni Estere (Pime).

    Il Rana Plaza ospitava cinque fabbriche tessili - fornitori per grandi catene di abbigliamento come l'inglese Primark -, un centro commerciale e una filiale bancaria della Bangladesh Rural Advancement Committee (Brac), una delle ong più grandi al mondo, attiva in 69mila villaggi del Paese con progetti di sviluppo agricolo, microcredito, scuole, ospedali e difesa dei diritti umani. La compagnia italiana Benetton, accusata in un primo momento di far produrre lì i propri vestiti, ha negato il proprio coinvolgimento con un comunicato stampa ufficiale.

    Il 23 aprile, un giorno prima del crollo, alcuni ispettori avevano dichiarato il palazzo inagibile e pericolante, con profonde crepe ben visibili in tutti i muri. La struttura infatti è stata costruita in maniera illegale da un giovane imprenditore su uno stagno prosciugato in modo artificiale. Proprio la Brac è l'unica società a non aver registrato vittime: sapendo dell'inagibilità ha avvisato dipendenti e clienti di non andare a lavoro, e il 24 aprile è rimasta chiusa. Tutti gli altri proprietari hanno invece costretto il proprio personale, per lo più ragazzi e ragazze, minacciando: "Se non venite non vi pago gli arretrati"; "Se manchi un giorno te ne tolgo tre dalla paga".

    Oggi, mentre esercito e polizia continuano a scavare tra le macerie e a far calare nelle voragini acqua e cibo per chi è ancora intrappolato, centinaia di persone impiegate nel settore hanno bloccato le strade principali, per chiedere maggiore sicurezza sul posto di lavoro. È una storia già vista, che si ripete senza - per il momento - alcun accenno a cambiare. Come nel caso della Tazreen Fashion, fabbrica distrutta da un incendio il 16 novembre 2012: nove piani, una sola uscita d'emergenza (sbarrata) che ha impedito la fuga dei lavoratori. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/02/2015 BANGLADESH
    Passo indietro di Benetton: risarcirà le vittime del crollo del Rana Plaza
    L'azienda italiana aveva sempre negato ogni responsabilità nel peggior incidente dell'industria tessile mai avvenuto in Bangladesh. A far capitolare il colosso una petizione online con oltre un milione di firme, che ha minacciato di causare disagi durante la settimana della moda milanese. Nel crollo sono morte 1.138 persone; i feriti sono stati più di 2mila.

    24/04/2014 BANGLADESH
    Rana Plaza, un anno dopo: le promesse tradite del governo e la riabilitazione dei sopravvissuti
    Migliaia di persone, tra familiari e operai del tessile, hanno ricordato oggi le 1.135 vittime del crollo del Rana Plaza. Il disastro è stato il peggior incidente del settore mai avvenuto nel Paese. Oggi si parla di sicurezza sul lavoro, ma la strada è ancora lunga. I risarcimenti hanno coinvolto solo alcune famiglie; i sopravvissuti non sono stati reintegrati.

    06/05/2013 BANGLADESH
    Sacerdote Pime in Bangladesh: il Rana Plaza insegni che il profitto non può essere tutto
    Dal Bangladesh una lettera di p. Quirico Martinelli sulle ragazze legate al Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere) morte nel crollo al Rana Plaza: si chiamavano Perpetua, Sikha, Sefali, Fojila e Mosuma. “Speriamo che questa tragedia serva da monito”.

    13/03/2015 BANGLADESH
    Bangladesh, crolla una fabbrica di cemento: almeno 7 morti, oltre 60 feriti
    Gli operai stavano costruendo il tetto, quando questo è crollato. Secondo i vigili del fuoco 10 o 20 corpi senza vita potrebbero essere ancora sotto le macerie. Al momento dell'incidente c'erano 90 persone sul luogo, ma per un sopravvissuto erano "almeno 150".

    30/04/2013 BANGLADESH
    Rana Plaza, le ditte straniere Primark e Loblaw risarciranno le famiglie delle vittime
    Le due grandi aziende ammettono la propria responsabilità dopo il crollo dell'edificio e invitano le altre catene occidentali coinvolte a fare lo stesso. Intanto la polizia ha arrestato Mohammed Sohel Rana, proprietario dello stabile: è accusato di negligenza, minacce ai dipendenti e abuso edilizio. Il Rana Plaza sorgeva su un ex stagno.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®