18 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/03/2008, 00.00

    UZBEKISTAN

    I soldati Usa tornano nelle basi uzbeke



    Riprendono i rapporti con Stati Uniti e Unione europea. L’Occidente ha interesse per l’energia e la posizione strategica dello Stato. Appare sempre più lontano e dimenticato il massacro di Andijan.

    Tashkent (AsiaNews/Agenzie) – L’Uzbekistan ha permesso alle truppe Usa di usare la base aerea di Termez, nel sud vicino al confine afghano, per le operazioni in Afghanistan. Le basi uzbeke sono state negate ai soldati Usa dopo le censure di Washington per il massacro di Andijan.

    Ora gli Stati Uniti potranno utilizzare l’insediamento tedesco a Termez. Il presidente Islam Karimov, dopo la plebiscitaria rielezione nel dicembre 2007, si è mosso per restaurare i rapporti con Stati Uniti ed Unione europea. A gennaio l’ammiraglio Usa William Fallon è stato a Tashkent per incontrare Karimov, come segno della ripresa dei rapporti tra i due Stati.

    A Andijan, nel maggio 2005, i soldati uzbeki hanno sparato contro la folla che manifestava in modo pacifico, uccidendo centinaia di persone. Il numero preciso delle vittime non è conosciuto, anche perché Tashkent ha sempre rifiutato un’indagine internazionale o delle Nazioni Unite.

    Gli Stati occidentali hanno interesse a riprendere i rapporti con l’Uzbekistan, ricco di gas e in una posizione strategica nel centro dell’Asia. A sua volta, Tashkent ha interesse a non appiattirsi in un rapporto esclusivo con i potenti vicini Russia e Cina, che non hanno partecipato alle critiche internazionali per il massacro.

    Di recente l’Unione europea e Human Rights Watch hanno parlato di un miglioramento nella situazione dei diritti umani, specie per il rilascio a inizio febbraio di 5 attivisti. Ma analisti ricordano che molti altri attivisti sono detenuti per reati d’opinione e che i fatti di Andijan appaiono sempre più lontani e dimenticati.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/08/2007 CINA - RUSSIA - IRAN
    Iran cerca alleanza con Cina, Russia e Asia centrale contro gli Usa
    Durante gli incontri ufficiali della Sco, il presidente Ahmadinejad chiede che sia creata una difesa contro lo scudo missilistico di Washington. Intanto Cina, Russia e Paesi dell'Asia centrale discutono una maggiore collaborazione soprattutto in campo energetico.

    18/10/2007 UZBEKISTAN - UNIONE EUROPEA
    Sanzioni UE sospese: “un premio inopportuno”
    E’ il commento di attivisti per i diritti umani, critici verso l’Ue che ha sospeso le sanzioni contro il regime uzbeko. Ricordano i molti detenuti politici e l’uso sistematico della tortura. Analisti: c’è la volontà di incrementare i rapporti con un Paese ricco di energia.

    04/06/2008 UZBEKISTAN
    Rilasciata un’attivista per i diritti, molti altri ancora in carcere
    La Tadjibaeva rilasciata dopo 2 anni e mezzo per le gravi condizioni di salute, ma anche grazie alle pressioni internazionali. Aveva accusato il governo del massacro di Andijan. Human Rights Watch: la comunità mondiale deve insistere su Tashkent per il rilascio dei detenuti politici.

    14/05/2007 RUSSIA - ASIA CENTRALE
    Putin rinsalda il controllo sull’energia dell’Asia centrale
    Russia, Kazakistan e Turkmenistan concordano un nuovo gasdotto per portare il gas turkmeno in Russia. Deluse le speranze europee di un gasdotto sotto il Mar Caspio. Il presidente turkmeno assicura che, comunque, studia anche altre via. Esperti: è la Cina il vero antagonista della Russia nella zona.

    05/05/2006 KAZAKISTAN - STATI UNITI - UNIONE EUROPEA
    Cheney in Kazakistan per un progetto di gasdotto che non passi per la Russia

    Dovrebbe passare sotto il Mar Caspio, fino alla Turchia. Usa e Ue vogliono realizzare vie che non passano per la Russia.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®