19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/01/2011, 00.00

    AFGHANISTAN

    I talebani non si oppongono più all’istruzione delle donne



    Lo afferma il ministro afghano per l’Istruzione, in visita a Londra. Fonti di AsiaNews confermano che nel Paese la mentalità è in evoluzione. Ma un grande problema rimangono i bassi salari per gli insegnanti, e il modo di distribuire gli aiuti internazionali per i costi scolastici.

    Kabul (AsiaNews) – Il ministro afghano all’Istruzione Farooq Wardak ha dichiarato che i talebani non si oppongono più all’istruzione scolastica per le ragazze. Fonti di AsiaNews spiegano che nel Paese la situazione scolastica è in rapida evoluzione ma che il problema principale rimangono i pochi mezzi finanziari disponibili per la scuola.

    Wardak, in visita a Londra per il Foro Mondiale sull’Istruzione, ha spiegato al Supplemento del giornale britannico Times Educational (Tes) che nel Paese è in atto “un cambiamento culturale” e che i talebani “non si oppongono più all’istruzione scolastica per le ragazze”.

    Durante il regime talebano alle ragazze era proibito andare a scuola e anche di recente vi sono state contestazioni violente: nel novembre 2008 ignoti hanno aggredito e lanciato acido in faccia contro almeno 14 studentesse e insegnanti, a Kandahar, per “punirle”. L’aggressione ha suscitato la protesta e l’attenzione internazionale.

    Il ministro non ha spiegato se la questione sia stata trattata nei colloqui avvenuti negli ultimi mesi tra il presidente Hamid Karzai e i leader talebani. Ma ha detto che la situazione è in evoluzione e “ora il 38% degli studenti e il 30% degli insegnanti sono femmine”.

    Fonti di AsiaNews, che hanno chiesto l’anonimato, confermano che nel Paese è in atto un forte mutamento di mentalità e che l’opposizione all’istruzione femminile diventa sempre minore.

    “Nella grandi città come Kabul – dice la fonte – è sempre più normale che le ragazze vadano a scuola. E’ persino bello vederle uscire da scuola, facilmente riconoscibili con il loro vestito nero e il velo bianco, come una macchia di colore, vanno per strada con tranquillità”.

    “Più che i talebani, in molte zone il problema sono alcuni mullah locali che continuano ad opporsi, ma la gente dà loro sempre minore credito. Il problema è, piuttosto, la mentalità locale, anche tribale, che in molte zone ritiene che la donna debba stare a casa, per lavorare e contribuire alla famiglia. Per questo alcune scuole danno alle studentesse di famiglie bisognose una borsa di studio, ad esempio di circa 200 euro (un euro sono 60 afghanì circa), per contribuire ai costi e per convincere le famiglie a mandarle a scuola”.

    “Il grande problema dell’istruzione – prosegue la fonte – è il miserabile stipendio degli insegnanti, tra 70 e 100 dollari al mese. Un dollaro vale circa 45 afghanì, quindi sono tra 3.500 e 4.500 afghanì circa, ma il costo della vita per una famiglia, per avere l’essenziale, è tra 12 e 15mila afghanì al mese. Un pane (focacce rotonde o lunghe, del peso di meno di mezzo chilo) costa 10 afghanì. Per un appartamento di 2 stanze a Kabul, nei casermoni di epoca sovietica, l’affitto è di 450 dollari al mese. Per questo ci sono scuole dove gli insegnanti chiedono di poter ricevere anche loro la borsa di studio data alle studentesse”.

    Wardak a Londra ha criticato il governo britannico perché non contribuisce in misura maggiore ai costi scolastici. Una portavoce del Dipartimento britannico per lo Sviluppo Internazionale ha detto che “lo scorso anno, il governo britannico ha finanziato gli stipendi di 169mila insegnanti, attraverso il fondo per la ricostruzione dell’Afghanistan” e ha contribuito a costruire scuole in ogni provincia del Paese.

    Un'altra fonte di AsiaNews dice che non può confermare né smentire il dato. Ma afferma di conoscere molti insegnanti che devono fare il doppio lavoro per vivere. “Comunque – conclude – so con certezza che molte scuole non hanno ricevuto alcun sussidio per gli stipendi, se non quelli di privati. Mi chiedo perché questi fondi non siano distribuiti a tutte le scuole, in modo percentuale”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/05/2012 AFGHANISTAN - USA
    La Nato conferma il ritiro dall'Afghanistan entro il 2014
    Obama promette che gli afghani "non rimarranno da soli". Il segretario Nato assicura che l'alleanza non è a corto di fondi. Nessun risultato sulla riapertura delle vie di rifornimento dal Pakistan. Oltre alla Francia, un veloce ritiro è voluto da Australia, Germania, Nuova Zelanda.

    16/06/2011 AFGHANISTAN
    Afghanistan, il luogo peggiore dove essere donna
    Uno studio tra esperti lo considera il Paese più “pericoloso” per le donne, seguito da Repubblica democratica del Congo, Pakistan e India. Ma esperti di AsiaNews non sono d’accordo e vedono anche grandi cambiamenti in atto.

    15/01/2009 AFGHANISTAN
    Ragazze afghane rischiano la vita per andare a scuola
    Sono tornate a scuola le ragazze aggredite con l’acido sul volto a novembre a Kandahar. La difficile situazione della donna in Afghanistan, dove essere violentata è un grave disonore. La maggioranza dei mendicanti oggi sono donne.

    27/06/2006 Afghanistan – Giappone
    Afghanistan: grazie ai cattolici di Tokyo verrà aperta una scuola per sole donne

    Satoko Kitahara, operatrice Fao, cattolica, ha lanciato il progetto grazie ai fondi raccolti nella sua parrocchia originaria. Prevista, ogni anno, l'educazione per mille ragazze dai sei ai 18 anni.



    22/01/2005 AFGHANISTAN
    Donne di Kabul rilanciano l'economia

    Grazie a corsi di management in America, concessioni di microcrediti da tutto il mondo e ad una straordinaria voglia di ricominciare, le donne afghane stanno rimettendo in piedi l'economia della loro nazione.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®