17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/07/2016, 11.59

    FRANCIA-ISLAM

    Identificato il secondo terrorista che ha ucciso p. Jacques Hamel: un giovane di 19 anni



    Il giovane aveva tentato di andare i Siria a combattere con lo Stato islamico. In un video, Abdel Malik Nabil Petitjean e Adel Kermiche, i due terroristi, giurano fedeltà al “califfo” Abu Bakr al Baghdadi. Rappresentanti religiosi in Francia: No alla guerra di religione. Intellettuali musulmani: Per sconfiggere l’Isis, garantire libertà religiosa alle comunità non musulmane nei Paesi islamici. Altri chiedono la revisione delle alleanze con Arabia saudita, Emirati, Qatar, Kuwait, Turchia, sostenitori del jihadismo wahabita e indiretti sostenitori dello Stato islamico.

    Parigi (AsiaNews) – La polizia francese ha identificato oggi il secondo terrorista che due giorni fa ha attaccato la chiesa di Saint-Etienne-du-Rouvray, vicino a Rouen, uccidendo il sacerdote, p. Jacques Hamer, che stava celebrando la messa, e ferendo altri fedeli.

    Si tratta di Abdel Malik Nabil Petitjean, nato nel 1996 a Saint-Dié-des-Vosges. Il 19enne non aveva subito alcuna condanna e per questo la polizia non aveva nel suo archivio nessun dato, né il Dna, ciò che ha reso difficile la sua identificazione. In ogni caso, il giovane era sotto osservazione perché aveva tentato di andare in Siria – via Turchia – per combattere affianco ai miliziani dello Stato islamico.

    Abdel appare in un video diffuso dallo SI in cui, mano nella mano con Adel Kermiche - l’altro giovane autore dell’attacco – giurano fedeltà al “califfo” Abu Bakr al Baghdadi, capo supremo dello SI (v. foto).

    Ieri mattina, i responsabili religiosi della Francia si sono incontrati con il presidente Francois Hollande, spingendo i loro fedeli all’unità e a resistere a una “guerra di religione”, come vuole lo SI. Per il card. André Vingt-Trois, arcivescovo di Parigi, i credenti di Francia “non devono lasciarsi coinvolgere nel gioco politico” dello SI, che vuole “mettere uno contro l’altro i figli di una stessa famiglia”.

    Intanto, fra tutte le espressioni di solidarietà, fra i francesi ha creato discussione il messaggio dell’Arabia saudita che condanna il “codardo atto terrorista… rifiutato dall’islam” che invece “chiede la protezione dei luoghi di preghiera e proibisce la violazione della loro sacralità”. Alcuni francesi fanno notare che proprio in Arabia saudita, un alleato degli Usa nella lotta al terrorismo, le chiese e altri luoghi di culto non musulmani sono proibiti, come pure la preghiera in privato per comunità non islamiche.

    Non pochi intellettuali musulmani chiedono invece che proprio per disinnescare la violenza “religiosa” propagata dallo SI, occorre “dichiarare guerra ai jihadisti e mostrare con le azioni il vero volto dei musulmani, cominciando dal riconoscimento del diritto per i non musulmani a vivere e praticare in libertà la loro religione” nei Paesi islamici.

    Altri intellettuali chiedono invece che si rivedano le alleanze con alcuni Paesi che in modo diretto o indiretto sostengono il jihadismo wahabita, l’islam dello SI. In un commento su Le Monde di oggi, Bernard Hourcade, ex direttore di ricerca del Cnrs si domanda perché non si possa “condizionare i nostri alleati d’Arabia, del Qatar, degli Emirati, del Kuwait o della Turchia perché cambino politica?”. E continua:  “Le eccellenti relazioni politiche, economiche, militari (e sportive…) che abbiamo con questi Stati ci danno una molteplicità di modi efficaci per attivare la logica di una luova politica di difesa contro le reti jihadiste, bloccando a monte la loro alimentazione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/07/2017 15:58:00 FRANCIA-ISLAM
    Cristiani e musulmani insieme in memoria del martirio di p. Jacques Hamel

    Una messa nella chiesa dove è avvenuto l’assassinio del sacerdote è stata presieduta dall’arcivescovo di Rouen. Emmanuel Macron ringrazia la Chiesa di Francia che ha testimoniato “la forza del perdono”. Saint-Etienne-du Rouvray è divenuta un luogo di pellegrinaggio per cristiani e musulmani.



    25/07/2017 11:32:00 FRANCIA-ISLAM
    A un anno dall’assassinio di p. Jacques Hamel: cosa è cambiato in Francia

    Alle commemorazioni per il sacerdote 85enne sgozzato davanti all’altare, presiedute dall’arcivescovo di Rouen, partecipano il presidente Emmanuel Macron, il ministro degli interni e rappresentanti musulmani. Si è rafforzata l’unità fra comunità cattolica e musulmana. Ma la lotta del governo contro il jihadismo presenta molte falle. Prigioni sovraffollate, disoccupazione ed emarginazione sono gli ingredienti per il reclutamento e la radicalizzazione.



    28/07/2017 12:35:00 FRANCIA-ISLAM
    Imam di Nimes: Se non si condanna l’islam politico, vi saranno ancora vittime come p. Hamel

    Il dott. Hocine Drouiche chiede ai musulmani di “prendere la loro parte di responsabilità” negli attacchi terroristi. La marcia islamica contro il terrorismo ostacolata dai responsabili dell’islam in Francia. La maggioranza dei responsabili dell’islam in Francia e in Europa provengono dall’islam politico o lavorano per Paesi stranieri, che usano l’islam politico per le loro politiche.



    03/10/2016 08:35:00 FRANCIA-ISLAM
    Riapre la chiesa di p. Jacques Hamel. In via eccezionale, si apre il suo processo di beatificazione

    Era stata chiusa dal giorno dell’assassinio del sacerdote ad opera di due giovani jihadisti. Una cerimonia riparatrice guidata dall’arcivescovo di Rouen, seguita dalla messa.  Papa Francesco ha acconsentito alla richiesta dei fedeli di accelerare il processo di beatificazione. Alla cerimonia erano presenti anche membri della comunità musulmana locale.



    21/04/2017 08:40:00 FRANCIA-ISLAM
    Ancora terrore a Parigi: lo Stato islamico rivendica l’attentato agli Champs Elisées

    L’autore era conosciuto dalle forze di sicurezza come pericoloso. L’attentato a pochi giorni dalle elezioni presidenziali. La lunga serie di violenze a Parigi, Nizza, Rouen, Marsiglia. Fra le cause delle violenze si parla della povertà e dell'abbandono nelle periferie, ma anche dell'insegnamento fondamentalista di molti imam nelle moschee francesi.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®