19 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/11/2016, 11.19

    SIRIA

    Idlib, bambini rapiti per traffico di organi. Il nuovo business dei jihadisti



    Dopo i reperti archeologici e il petrolio, la nuova frontiera di arricchimento per i movimenti estremisti in Siria è il traffico di organi. Segnalati diversi casi di sparizioni di minori nei villaggi della provincia. I bambini trafficati oltreconfine in Turchia. Un fenomeno che gli stessi media di Ankara avevano denunciato in passato, prima della censura imposta da Erdogan. 

     

    Idlib (AsiaNews) - Dopo il traffico di reperti archeologici, di petrolio e di armi giunge ora dalla martoriata Siria e da Idlib (nel nord-ovest del Paese) in particolare una notizia che è fonte di grande preoccupazione. Si tratta di un traffico di organi prelevati da bambini rapiti, in pieno giorno, da gruppi di “ignoti” che riescono a circolare impuniti e indisturbati a dispetto dei blocchi stradali e dei controlli istituiti dalle milizie armate di Jeissh el fath (Esercito delle invasioni islamiche).

    Le famiglie che sono riuscite a salvare i loro figli dall’arruolamento forzato, imposto dal imam saudita Abdallah Al Muhasni nell’hinterland e nei paesini intorno alla città di Idlib, vivono ora nel terrore. Di recente, infatti, la città ha registrato un aumento pauroso nel numero di bambini rapiti o “trattenuti” da questi gruppi sconosciuti.

    Il numero dei rapimenti di minori registrati nel corso delle ultime due settimane è stato di 15 bambini, ossia di un bambino al giorno che scompare nel nulla. Le sparizioni sono avvenute nelle seguenti località, attorno a Idlib: Kafaruma, Jidar Yakfalun, Atma, Jissr el Shughur, Al Fukayea.

    A Kfarbatikh, invece, sono avvenuti due tentativi di rapimento non riusciti grazie alla reazione tempestiva degli abitanti, allarmati dalle grida di aiuto. I rapitori sono riusciti a fuggire lasciandosi alle spalle le loro due prede. Diversa la sorte di Mohamad Ibrahim Yasser, un adolescente di 14 anni, esule fuggito insieme ai suoi genitori da Mork per non essere arruolato con la forza dai jihadisti. Il ragazzo è stato invece rapito a Maarat El Naaman, davanti alla casa dei suoi genitori nel tardo pomeriggio di ieri.

    La scorsa settimana un’altro caso, con un esito positivo: una bambina è stata sequestrata da sconosciuti e fatta salire con la forza a bordo di un furgoncino di colore bianco nel paesino di Sarmada, a nord della città di Idlib. Il rapimento ha provocato la solidarietà e la reazione immediata di tutti gli abitanti del villaggio, che hanno inseguito e, in seguito, fatto fermare il veicolo quando questo era già giunto nel vicino villaggio di Al Dana.

    Gli abitanti hanno liberato la bambina, dell’età di 10 anni, e hanno consegnato i colpevoli alle forze di sicurezza delle milizie di Jabhat Fath el Sham (Fronte dell’invasione di Damasco), note in passato come al Nusra (emanazione di al Qaeda in Siria). 

    Lo stesso giorno a Dana veniva rapito un giovane trentenne di nome Muhamad Kasem Najla, il quale si pensa sia stato usato anch’egli per il prelievo e il traffico di organi. Nonostante i colpevoli siano stati messi in carcere, essi sono spariti nel nulla senza lasciare traccia né tantomeno essere interrogati o giudicati.

    I bambini, che in Medio oriente sono soliti giocare nelle strade adiacenti le loro case, hanno rinunciato a queste abitudini; genitori e famiglie nei dintorni di Idlib evitano per quanto possibile di far uscire i loro figli di casa. Sono sempre meno anche i bambini che vanno a scuola o dediti al lavoro minorile, pratica diffusa in passato nell’area.

    Molte famiglie che si sono stabilite intorno a Idlib per sfuggire alla morsa diretta degli integralisti si spostano ora verso la città di Hama, considerata più sicura per quanto riguarda i “rapimenti” e dove il traffico di organi non è ancora diffuso. Sui social media aumentano gli avvertimenti rivolti ai genitori affinché vigilino sui loro figli minori, che rischiano il rapimento a scopo di traffico di organi. L’invito è a non lasciar uscire i minori di casa e farli circolare senza accompagnamento.

    Attivisti in rete riferiscono che i bambini rapiti vengono trasportati nella vicina Turchia, come è avvenuto nel caso di due ragazzine rapite lo scorso mese di aprile nei quartieri settentrionali di Jisr El Sheghur. E ancora, altri due minori del campo profughi di Atma, a nord di Idlib. 

    Due anni fa la stampa turca - quando ancora godeva di una certa libertà di parola - ha denunciato in modo diffuso la presenza di “ambulanze che, con la scusa di trasferire feriti nei vari ospedali in territorio turco al confine con la Siria” si occupavano in realtà di “traffico di organi umani”.(PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/05/2017 08:55:00 SIRIA
    Hassakeh, Daesh attacca un campo profughi: 46 morti e decine di feriti, molti civili

    Nel centro sono ospitati profughi irakeni e sfollati interni siriani. Dietro l’attentato vi sarebbero almeno cinque kamikaze, che sono riusciti a introdursi all’interno. Voci non confermate parlano di decine di civili sequestrati. Oggi ad Astana riprendono i colloqui di pace mediati da Russia, Iran e Turchia. 

     



    30/11/2015 SIRIA
    Lo Stato islamico ha giustiziato oltre 3500 persone in Siria, più di 2mila i civili
    Secondo i dati aggiornati dell’Osservatorio siriano per i diritti umani solo nel mese scorso vi sono state 53 condanne a morte, di cui 35 civili. I jihadisti hanno giustiziato anche 103 donne e almeno 77 bambini. Fra le persone uccise civili accusati di stregoneria, omosessualità e collaborazionismo col nemico.

    04/12/2015 SIRIA
    Bambini soldato dello Stato islamico giustiziano alcuni prigionieri dell’esercito siriano
    I jihadisti hanno diffuso un nuovo video che mostra alcuni bambini, di circa 10 anni, usati per uccidere sei fra soldati e miliziani filo-governativi. Cinque di loro uccisi a colpi di pistola, l’ultimo decapitato. Un “messaggio” diretto a quanti “si oppongono” allo SI. Attivisti ed esperti sottolineano come l’Isis non nasconda, ma voglia “ostentare” la pratica dei bambini soldato.

    26/03/2015 ISLAM
    Stato islamico, risposta violenta al vuoto dei giovani musulmani in Occidente
    I jihadisti promuovono da tempo una campagna di reclutamento fra i più giovani. In Siria in tre mesi arruolati 400 minorenni. In Occidente i ragazzi, esclusi dalla società che li ospita, vedono nei miliziani una opportunità di rivalsa. Islamologo Pime: giovani in cerca di identità e riferimenti integrati. Studioso musulmano: una risposta violenta al “vuoto” del mondo occidentale.

    19/03/2015 INDONESIA
    Anche bambini indonesiani nelle fila dello Stato islamico, la società civile si ribella
    In un filmato al vaglio dell’intelligence si vedono giovani fra gli 8 e gli 11 anni alle prese con un addestramento “militare”. Un ragazzino si dichiara pronto “alla guerra santa” per “annientare i nemici di Allah”. La Siria terreno di battaglia per gli estremisti indonesiani. Si suicida il padre di una delle giovani fermate in Turchia nei giorni scorsi.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®