17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 05/01/2018, 12.34

    CINA

    Il Consiglio mondiale delle Chiese visita i protestanti in Cina (ma solo quelli ufficiali)

    Wang Zhicheng

    La delegazione ecumenica sarà nel Paese dal 7 al 16 gennaio. Previsti incontri con le autorità dell’Ufficio affari religiosi e con il Movimento delle tre autonomie; predicazioni nelle più antiche chiese protestanti di Pechino; visite a Shanghai e a Xian. Ma i cristiani non ufficiali (80 milioni) sono più numerosi di quelli ufficiali (20 milioni) e criticano la sudditanza del Movimento al Partito.

    Pechino (AsiaNews) – Il segretario generale del Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc), pastore Olav Fykse Tveit, visiterà la Cina dal 7 al 16 gennaio. Ne dà notizia l’ufficio stampa dell’organismo ecumenico con sede a Ginevra. Nel programma non sono inserite visite o incontri con cristiani protestanti non ufficiali, pur essendo questi la maggioranza dei protestanti in Cina.

    Olav Fykse Tveit sarà accompagnato dal presidente del Wcc per l’Asia, dott. Sang Chang, e dal segretario esecutivo per il programma di dialogo interreligioso, dott. Peniel Rajumkar. La visita, definita “storica”, vuole dare l’inizio alle celebrazioni per il 70mo anniversario della fondazione del Wcc.

    Nel programma sono elencate visita al Consiglio cristiano cinese e al Movimento delle tre autonomie. Quest’ultimo è un’assemblea inter-denominazionale delle Chiese protestanti, unificate per volere di Mao Zedong, che raccoglie i membri protestanti ufficiali.

    La delegazione farà visita al seminario teologico dell’East China a Shanghai e alla Scuola biblica dello Shaanxi di Xian. Sono previsti anche incontri con l’amministrazione statale per gli affari religiosi.

    A Pechino, il segretario generale predicherà il 7 gennaio nella chiesa di Chongwenmen (v. foto); il dott. Chang predicherà il 14 gennaio nella chiesa di Gangwashi. La chiesa di Chongwenmen è una delle più antiche chiese protestanti in Cina, costruita dai metodisti americani nel 1870. Nel 1900 la chiesa fu distrutta nella ribellione dei Boxer e poi ricostruita nel 1904. Chiusa durante la Rivoluzione culturale, è stata riaperta nel 1980. Da allora è punto di riferimento per migliaia di fedeli.

    Anche la chiesa di Gangwashi è un cimelio storico. Costruita dalla London Missionary Society nel 1863 essa è senz’altro la chiesa protestante più antica della Cina. Nel 2013 ha celebrato i suoi 150 anni. Anch’essa ha subito danni e chiusure durante la Rivoluzione culturale ed è stata riaperta nel 1980. Da allora raccoglie almeno 6mila fedeli.

    Secondo fonti protestanti all’estero, le chiese protestanti in Cina fioriscono sempre più, tanto che i sociologi prevedono che entro il 2050 la Cina sarà il Paese col maggior numero di cristiani al mondo. Vi è però un problema: che la maggior parte dei nuovi cristiani appartengono a gruppi non registrati. Molti giovani fedeli criticano infatti il Movimento delle tre autonomie per il suo servilismo verso il Partito comunista cinese. Al presente i cristiani protestanti non ufficiali sono circa 80 milioni; i membri del Movimento delle tre autonomie sono circa 20 milioni.

    Il comunicato del Wcc riconosce che “in tre decenni la Cina potrà ospitare la più vasta popolazione cristiana al mondo”, ma nell’agenda della delegazione non è segnato alcun incontro con le comunità non ufficiali, forse per non dispiacere al governo. Da diversi anni in Cina è in atto una campagna per eliminare le comunità sotterranee o farle confluire nelle comunità ufficiali.

    Tveit ha affermato che la visita imminente servirà ad “essere ispirato nel vedere e sentire ciò che la Chiesa sta facendo in questo Paese, e tendiamo a una cooperazione ancora più forte per un’amicizia mondiale con quella Chiesa”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/02/2004 cina
    Due protestanti accusati di "rivelare i segreti di stato" sulle demolizioni di chiese


    27/04/2012 CINA
    Pechino lancia una nuova campagna per eliminare le chiese domestiche protestanti
    Pastori e fedeli vengono schedati e consigliati di entrare nel Movimento delle Tre Autonomie, la chiesa protestante ufficiale, controllata dal Partito. Entro quest'anno si concluderà la schedatura, poi si passerà a "ripulire" e infine a "cancellare" le comunità. Il programma è presente in un documento segreto interno. I cattolici sotterranei temono la stessa sorte.

    13/06/2005 cina
    Raid contro chiese domestiche nella provincia di Jilin: 100 protestanti in arresto


    20/04/2006 Cina-Usa
    Hu Jintao visita Washington, ma non si ferma la violenza contro i cristiani cinesi

    Secondo la denuncia di un'organizzazione americana per la libertà religiosa in Cina, "continuano i raid della polizia, sempre più violenti, contro i cristiani non ufficiali".



    17/08/2013 CINA
    Guangzhou, in 30mila ai funerali di un pastore protestante sotterraneo
    Pur appartenendo alla comunità non ufficiale, il governo provinciale ha permesso il raduno dei fedeli. Negli anni precedenti vi sono stati arresti e raid nelle celebrazioni. Aveva sempre pronta una borsa con indumenti, scarpe e spazzolino da denti da portare quando veniva preso dalla polizia.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®