18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/05/2011, 00.00

    MEDIO ORIENTE

    Il G8 promette aiuti economici alla “primavera araba”



    Almeno 20 miliardi di dollari Usa, soprattutto a Tunisia e Egitto. Gli aiuti condizionati allo sviluppo democratico. In passato il G8 ha finanziato le dittature cadute, e ha promesso aiuti che non sono mai giunti a destinazione. Condanna della violenza in Siria e Bahrein e ultimatum a Gheddafi.
    Deauville (AsiaNews/Agenzie) – Il Gruppo degli otto Paesi più ricchi del mondo promette di versare 20 miliardi di dollari Usa per sostenere quei Paesi arabi che hanno attuato la “rivoluzione dei gelsomini”, facendo cadere le dittature e dirigendosi verso la democrazia.
     
    Secondo osservatori, gli aiuti andranno soprattutto a Tunisia ed Egitto e spingerà anche altri ricchi Paesi arabi a devolvere aiuti per questi Paesi impoveriti dall’attuale confusione e dallo sfruttamento del passato.
     
    Finora le promesse sono scritte in bozza e dovrebbe essere precisato entro stasera. Ma il G8 sembra volere a tutti i costi un nuovo rapporto con le emergenti fragili democrazie del “gelsomino”, dopo avere per decenni appoggiato i dittatori caduti. Prima del G8, il premier britannico David Cameron aveva dichiarato: “Le nazioni più potenti della terra si radunano insieme e dicono a tutti coloro che in Medio oriente e in Nord Africa vogliono una più grande democrazia, libertà e diritti civili: noi siamo al vostro fianco!”.
     
    Anche Barack Obama, presidente Usa, e Nicholas Sarkozy, presidente francese, hanno sottolineato in una conferenza stampa che gli aiuti dovrebbero servire per appoggiare ancora di più il cammino della democrazia. Lo stesso ha dichiarato Manuel Barroso, presidente della Commissione dell’Ue.
     
    Interrogati da AsiaNews, alcuni membri della “rivoluzione dei gelsomini” hanno fatto notare che anche in passato i membri del G8 hanno riversato aiuti, ma sostenendo proprio i dittatori cacciati. “Il problema. Ha detto un giovane egiziano – è a chi si danno tali aiuti”.
     
    Secondo al Jazeera vi è un altro problema: nel recente passato vi sono state molte promesse, ma poche di esse si sono realizzate.
     
    Per questa sera si attende pure una dichiarazione che condannerà l’uso della forza da parte dei regimi siriano e del Bahrein, e chiederà al leder libico Gheddafi di uscire dalla scena.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/02/2011 CINA – MEDIO ORIENTE
    Le rivoluzioni “colorate” del Medio Oriente e i timori di Pechino
    La Cina ha paura delle recenti rivoluzioni che stanno scuotendo gran parte dei regimi dei Paesi arabi. Nel timore di rivolte le maggiori autorità comuniste cinesi ostentano riforme sociali per le classi più disagiate e reprimono qualsiasi tentativo di solidarietà con i manifestanti arabi. Potranno tenersi lontani dalla Cina i venti del cambiamento che stanno soffiando dall’Africa e dal Medio Oriente? Pubblichiamo di seguito un’analisi di Willy Lam, giornalista dell’agenzia di informazione Jamestown Foundation di Washington.

    02/09/2011 LIBIA
    Gheddafi promette lotta “fino alla fine”. A Parigi si promette tolleranza ed elezioni
    In un messaggio audio il rais avverte che le sue tribù non si arrenderanno mai, che “la battaglia sarà lunga e infiammerà la Libia”. A Parigi, la Nato si impegna a nuovi raid aerei per “proteggere i civili”. Mustafa Abdul Jalil promette una nuova costituzione ed elezioni entro 18 mesi. La Russia riconosce il Consiglio nazionale di transizione. La Cina chiede l’intervento dell’Onu.

    01/09/2011 LIBIA
    Parigi, l’incontro dei leader mondiali “Amici della Libia”. Saif al Islam: Resistere fino alla vittoria
    A tema lo sblocco dei fondi, la ricostruzione dell’industria petrolifera e del Paese, il riconoscimento diplomatico del nuovo governo. Finora solo 40 Paesi riconoscono il Consiglio nazionale di transizione. Il figlio di Gheddafi sprezzante avverte che vi sono 20mil uomini armati a combattere a Sirte. L’altro figlio, Saadi, tratta la sua resa. Arrestato il ministro degli esteri Abdelati al-Obeidi.

    30/08/2011 LIBIA
    Tripoli, per combattere la guerra contro Gheddafi si usano bambini e adolescenti
    Imprenditrice italiana racconta che per la città si aggirano bambini di 9 anni armati fino ai denti dai ribelli. Necessarie forze di polizia per riportare la sicurezza per le strade e impedire le vendette fra lealisti e ribelli. Gheddafi scappa con i figli maggiori a sud-est di Tripoli e manda la moglie e la figlia in Algeria.

    24/08/2011 LIBIA
    Tripoli nel caos. La popolazione vittima di ribelli e lealisti
    Un’imprenditrice italiana denuncia la grave situazione della capitale libica, le bugie dei media e le atrocità dei ribelli. La popolazione ha paura, vive barricata nella case, senza aiuti umanitari e medicine, a causa dell’embargo Nato.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®