11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/11/2017, 11.53

    NEPAL – CINA

    Il Nepal annulla l’accordo con la Cina per costruire una diga da 2,5 miliardi di dollari



    Un memorandum d'intesa per la costruzione dei un impianto idroelettrico da 1.200 MW a circa 80 km da Kathmandu era stato firmato a giugno, meno di un mese dopo che il Nepal aveva formalmente accettato di partecipare alla Belt and Road Initiative, la “nuova via della seta” di Pechino.

    Kathmandu (AsiaNews) – Il Nepal sta per cancellare un accordo con un’azienda statale cinese per la costruzione di un delle maggiori centrali idroelettriche del Paese. Lo sostiene il vice-primo ministro Kamal Thapa che in un tweet di ieri pomeriggio ha affermato che il progetto di aggiudicare al China Gezhouba Group la realizzazione di un’opera da 2,5 miliardi di dollari è stato scartato. “Nella riunione del Consiglio dei ministri tenuto oggi - ha detto - l'accordo con il gruppo Gezhouba per il progetto Budhi Gandaki Hydro Electric è stato trovato irregolare e avventato ed è stato respinto per decisione del Comitato parlamentare”.

    Un memorandum d'intesa per la costruzione dei un impianto idroelettrico da 1.200 MW a circa 80 km da Kathmandu era stato firmato a giugno, meno di un mese dopo che il Nepal aveva formalmente accettato di partecipare alla “Belt and Road Initiative”, la “nuova via della seta” di Pechino. E la cancellazione del contratto dovrebbe essere una importante battuta d'arresto nel piano di Pechino di espandere la sua influenza nel Paese dell'Himalaya anche attraverso la grande infrastruttura.

    Dinesh Kumar Ghimire, portavoce del Ministero nepalese dell'energia, ha dichiarato di ritenere che la decisione sia definitiva “dal momento che [il vice primo ministro] ha messo la decisione su Twitter”.

    Quanto alla Gezhouba, un funzionario per le relazioni esterne ha dichiarato che la società non è al corrente della decisione, aggiungendo che il memorandum originale dovrebbe essere trasformato in un contratto formale l'anno prossimo.

    La società, peraltro, in Nepal ha già almeno due contratti per centrali idroelettriche e altre aziende cinesi stanno costruendo ospedali, strade e aeroporti del Paese. A maggio il governo nepalese dell’allora premier Pushpa Kamal Dahal aveva aderito al progetto cinese, ma a giugno era stato messo in dubbio che i legami del Nepal con la Cina potessero proseguire in tal modo con il nuovo Primo ministro, Sher Bahadur Deuba. Ad agosto il nuovo premier nepalese aveva detto al vice-premier cinese Wang Yang che il suo governo si riteneva impegnato nell'attuazione degli accordi precedenti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/11/2017 15:30:00 PAKISTAN-CINA
    Il Pakistan costruirà la diga senza Pechino. Scricchiola la Belt and Road Initiative

    È il secondo Paese in pochi giorni ad annullare un accordo. Pechino ha bisogno di garanzie dagli Stati, ma rifiuta gare pubbliche. Preoccupazioni sulla qualità della strumentazione cinese utilizzata. L'impiego di lavoratori cinesi azzera l'uso di lavoratori locali e fa perdere valore politico ai progetti.



    06/10/2017 11:28:00 MYANMAR - CINA
    Il governo birmano: ‘Investimenti cinesi per lo sviluppo del Paese’

    Naypyidaw apre al piano economico della “Belt and road initiative” (Bri). Il Myanmar importante snodo per collegare l’Asia sud-orientale e l’Asia meridionale. Nel Rakhine colpito dai conflitti etnici, finanziamenti per 10 miliardi di dollari.



    13/05/2017 08:50:00 CINA
    Con 'One belt, one road', la Nuova Via della Seta, la Cina dimostra la sua forza. Ma ne è capace?

    Xi Jinping porta avanti “dimostrazioni di forza” a livello economico e militare, ma molti dubitano che la Cina possa sostenere un simile carico finanziario. Per molti Paesi i grandi progetti in Asia centrale, in Asia del sud e nel Mar Cinese meridionale e orientale, nascondono sogni di egemonia molto pericolosa. Europa diffidente. Solo l'Italia partecipa all'incontro di "One belt, one road" a Pechino questo fine settimana. L’analisi dello studioso Willy Lam. Per gentile concessione di The Jamestown Foundation. Traduzione dall'inglese di AsiaNews.

     



    12/05/2017 08:46:00 CINA-USA
    Serie di accordi commerciali fra Pechino e Washington, dopo le minacce del passato

    Gli Usa potranno esportare gas liquido e carni di manzo; potranno entrare nel mercato delle carte di credito e emettere titoli per crediti alle loro compagnie in Cina, con la possibilità di ricevere anche prestiti. La Cina potrà esportare carne di pollo già cotta e le banche cinesi potranno entrare nel mercato americano. Un “risultato erculeo”. Rappresentanti Usa saranno presenti al Forum One belt one road di Pechino il 14 e il 15 maggio prossimi.



    28/10/2017 12:07:00 PAKISTAN – CINA
    Il porto di Gwadar sarà la ‘testa di ponte’ della nuova Via della Seta cinese

    Lo scalo fa parte del China-Pakistan Economic Corridor, uno dei progetti di punta dell’iniziativa “One Belt, One Road”. Oltre al porto, sono in fase di costruzione un aeroporto internazionale, scuole, impianti elettrici, una tangenziale. Lavoratori locali temono la concorrenza dei cinesi.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®