29 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/06/2009
PAKISTAN
Il Pakistan annuncia una “offensiva decisiva” contro i talebani
di Qaiser Felix
Operazioni militari nelle regioni tribali per eliminare Baitullah Mehsud, leader del gruppo che ha rivendicato gli attentati al Pearl Continental di Peshawar e alla moschea di Lahore. Jacob, segretario della Commissione Giustizia e Pace della Chiesa pakistana: Per vincere l’estremismo non bastano le azioni militari serve una mobilitazione comune della gente.

Lahore (AsiaNews) - Il governo del Pakistan annuncia una “offensiva decisiva” contro Baitullah Mehsud, capo di Tehrik-i-Taliban Pakistan (Ttp), e la rete di estremisti ad esso collegata. Owais Ghani, governatore della provincia del North West Frontier (Nwfp), ha affermato che l’operazione vuole eliminare il leader talebano ed i gruppi che operano nella Federally Administered Tribal Areas (Fata).
 
L’annuncio dell’offensiva giunge a pochi giorni dai due attentati che hanno causato la morte di 19 persone al Hotel Pearl Continental di Peshawar, il 9 giugno, e quella di Sarfraz Naeemi, leader religioso anti-talebano ucciso da un kamikaze il 12 giugno nella moschea di Lahore. I due attacchi sono stati rivendicati dalla Ttp e già nella giornate di sabato 13 e domenica 14 le forze di sicurezza pachistane compiuto operazioni nella Nwfp e nel Waziristan che hanno causato la morte di 66 militanti talebani.
 
Peter Jacob, segretario esecutivo della Commissione nazionale di Giustizia e Pace della Chiesa cattolica pakistana (Ncjp), condanna gli attacchi di Lahore e Peshawar, ma afferma: “Il governo avrebbe dovuto pensare prima che le conseguenze dell’offensiva lanciata a inizio maggio contro i talebani nella Swat valley non si sarebbero limitate alla Malakand division e si sarebbero estese in altre aree del Paese”
 
“Il terrorismo non è un problema semplice, ha molteplici facce - afferma Jacob – e l’estremismo non è un fatto limitato a certe aree perché i talebani hanno una penetrazione che raggiunge tutto il Paese”.
 
Secondo il segretario della Ncjp, i successi militari ottenuti nella Malakand division, così come quelli degli ultimi giorni, “sono una vittoria parziale, ma non definitiva”. Jacob afferma di essere preoccupato perché “il governo vuole eliminare il terrorismo senza affrontare il problema delle madrasse e dell’educazione, senza rivedere la sua politica estera. Questo non può portare ad un successo sull’estremismo. Non basta infatti l’azione militare, serve una mobilitazione comune della gente”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
06/04/2009 PAKISTAN
Contro i talebani: le frustate alla 17enne nello Swat un “atto barbarico”
di Qaiser Felix
03/04/2009 PAKISTAN
Swat Valley: talebani frustano una 17enne perché in compagnia di un giovane
di Qaiser Felix
28/08/2010 PAKISTAN - ONU
Altri milioni di sfollati nel Sindh. L’esercito conferma l’uccisione dei volontari
di Fareed Khan
15/05/2009 PAKISTAN
Swat: i cattolici pregano per la pace, il Paese affronta un esodo biblico
di Qaiser Felix
28/04/2009 PAKISTAN
Karachi, è morto il bambino cristiano ferito nell’assalto dei talebani
di Qaiser Felix

In evidenza
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.
CINA-VATICANO
ULTIMO'ORA: La polizia cinese rapisce due sacerdoti a Mutanjiang
di Bernardo Cervellera
CINA-VATICANO
Niente brindisi fra Cina e Vaticano: Pechino vuole il dominio assoluto
di Bernardo CervelleraPer il Global Times (Quotidiano del popolo) alla Cina non piacciono le ordinazioni episcopali concordate, "modello Vietnam". Imbarazzo del Ministero cinese degli esteri di fronte ai mille passi della Santa Sede. La Cina vuole che il Vaticano accetti tutti i vescovi scomunicati e faccia silenzio su quelli sotterranei e imprigionati. Il caso di mons. Cosma Shi Enxiang. Senza libertà religiosa non vale la pena avere rapporti diplomatici. Lavorare per la missione e l'unità dei cattolici in Cina. Un lavoro per Xi Jinping: attuare la campagna anti-corruzione verso il ministero degli affari religiosi e l'Associazione patriottica, arricchitisi in questi decenni alle spalle dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate